Connect with us

Crescere

Sei confuso o multipotenziale? Perché, purtroppo, sembra ma non è la stessa cosa

Ci sono tante idee in proposito ma alla fine la cosa più vera potrebbe essere che “Non tutti i multipotenziali sono confusi e non tutti i confusi sono multipotenziali”.

Pubblicato

il

Cosa vuoi fare da grande?

Siamo cresciuti così: tra la fretta di dover avere chiaro il nostro futuro e l’ansia di rassicurare il parentado. Offrire adeguate rassicurazioni sul fatto che non ci saremmo persi per strada. Che avremmo avuto, anzi avevamo già, obiettivi chiari e precisi. Un po’ come Grisù, il draghetto che gridava al mondo di voler fare il pompiere – solo che nel nostro caso ci si aspetta sempre qualcosa di più “gratificante”.

Quindi, cosa vuoi fare da grande? Se provi a chiederlo a chi ha meno di 15 anni, ottieni una risposta stridente. Voglio essere felice. Voglio essere ricco. Voglio fare qualcosa che mi piace.

Ho detto “stridente” perché se tu che leggi hai più di 15 anni, noterai qualcosa che stride, che diciamo non corrisponde al mondo della realtà. Quella pratica.

Cambio di paradigma

Eppure qualcosa si muove.

A un certo punto, negli anni a cavallo dei millenni, ci si è spostati dal realizzarsi tramite il percorso professionale a una generazione che – inshallah – pone la priorità sul proprio benessere, sul sentirsi e non sul fare, anche a scapito della serenità dei genitori, che vorrebbero vederli “sistemati” e “ben sistemati”. I Millennial son fatti così.

E poi ci siamo “noi”. Noi inteso come noi che siamo nati prima dell’inizio della rivoluzione digitale. Noi che non siamo più ragazzi ma neppure tanto vicini alla pensione da sentirci tranquilli. Noi che ci ritroviamo a fare i conti con l’arrivo nel mondo del lavoro di queste persone che sanno fare un po’ tutto e un po’ niente.

È una dimensione che ci spaventa ma ci affascina; non è un caso, a mio avviso, che i Talent show riscuotano tanto successo, perché sono la migliore espressione di questa cultura emergente.

Le concorrenti e i concorrenti cantano, ballano, si esprimono con sicurezza, suonano uno strumento, dichiarano di voler intraprendere degli studi in diritto, si commuovono facilmente, il loro modo di vestire fa tendenza, scrivono libri, sono gender fluid… Dei vulcani di talento, diluito nel mare della quotidianità.

Della nostra quotidianità. Di noi, che ci siamo specializzati in biochimica degli acidi arachidonici, in drammaturgia del periodo viennese del Metastasio o in restauro degli affreschi tardo-medievali sugli stipiti alti delle chiese aretine.

Insomma, noi che affondiamo ogni giorno di più nella densità della nostra specialità e che sogniamo di fare altro.

Specializzazione o morte

Me lo sono sentito dire anche a 38 anni, quando, dopo una carriera nelle risorse umane (che peraltro era cominciata nell’informatica), mi ero iscritto a un master in comunicazione. Uno dei miei superiori mi aveva detto che era ora di capire cosa volessi “fare da grande”.

E se non lo sapessi esattamente, cosa voglio fare da grande? Se ho diversi interessi, diverse passioni, diversi percorsi che voglio percorrere? Se non voglio fare solo il pompiere, o solo il medico, o solo l’insegnante, o solo il calciatore?

Se non mi va di passare tutta la vita per poi morire responsabile risorse umane, contabile, agente di commercio, calzolaio, poeta, ingegnere, fisico o personal trainer?

LinkedIn ha utilizzato la sua banca dati per fare qualche conto: statisticamente, i millennial cambiano lavoro in media quattro volte nei primi 10 anni dopo la laurea, mentre la generazione X (coloro che sono nati tra il 1960 e il 1980) si fermava a due. Significativo? Non so. All’epoca non c’era – o c’era nettamente meno – la moda degli apprendistati, stage non retribuiti, contratti a termine, che ti obbligano di fatto a cambiare lavoro.

Inoltre gli anni che seguono la formazione sono quelli in cui si cerca di accumulare esperienza: è relativamente normale cercare nuove opportunità, soprattutto alla luce del fatto che la configurazione familiare non include, di solito, bambini al seguito (aspetto che si rivela essere un incentivo importante per la ricerca del posto fisso).

Il concetto di multi potenzialità

Da questo punto di vista, non ci aiuta vedere questa nuova generazione che arriva e sa fare benino molte cose. Li guardiamo con un misto di invidia e di sospetto: ma se non sanno ancora cosa faranno da grandi a 25 anni, come si guadagneranno da vivere? Come fonderanno una famiglia? Come compreranno una casa?

È qui che nasce un enorme malinteso: per poter giustificare questa apparente incapacità di imboccare una strada sola, qualcuno si è inventato il concetto di multipotenzialità. (Attenzione: non sto dicendo non abbia senso e sia il male assoluto, non ancora almeno…)

I multipotenziali sono quelle persone che hanno più interessi e attività e che eccellono in più settori.
C’è un Ted che è diventato un manifesto e se vogliamo anche una scusa, come dire “Hey, giù le mani… sono un multipotenziale, io!”

È vero: le persone multipotenziali sono state ignorate per secoli (o celebrate come geni, quando le cose riuscivano loro bene – pensiamo a Leonardo Da Vinci, tipicamente). È vero: ci sono persone che hanno molti talenti e che hanno difficoltà a restare concentrati su una sola carriera.

Tuttavia, non siamo in presenza di un sillogismo: non vuol dire che se uno non sa cosa fare della sua vita, automaticamente è un multipotenziale. Forse è semplicemente perso.

Perché questo concetto ha così tanto successo?

Da una parte, la teoria del multipotenziale rassicura le nuove leve sul fatto non è colpa loro se sono fondamentalmente inadatti al mondo del lavoro così come lo conosciamo oggi (e che, di conseguenza, finiranno morti di fame).
Dall’altra, rasserena la nostra generazione piena di frustrazioni, suggerendoci che se ci stiamo annoiando al lavoro è solo perché abbiamo dovuto tarparci le ali.

Quella ricerca continua di qualcosa che non c’è, è solo la rimozione in posizione nevrotica di quella che avrebbe potuto essere una vita professionale più variata e appagante.

Insomma, con l’idea della multipotenzialità, siamo arrivati a giustificare il senso di vuoto esistenziale che, probabilmente, fa parte integrante dell’essere umano ma che ora ci sembra essere una logica conseguenza dei nostri talenti sprecati.

Ho fatto il contabile tutta la vita, quando avrei potuto fare il cantastorie nei cabaret. Accidenti, che vuoto.

Dinamiche culturali vs fenomenologia clinica

Abbiamo visto come le persone multipotenziali abbiano diverse abilità e interessi diversi.
Per loro è quindi difficile instradarsi in una sola specialità e non possono parlare di vocazione univoca. Fin qui ci siamo. Il punto focale, a mio avviso, è che questa peculiarità diventa un problema sono quando gli interessi, le motivazioni e le opportunità sono numerose.

Il fatto di saper fare bene una cosa o di amare un argomento non ci spinge necessariamente a scegliere di farne un lavoro. Se ci spostiamo dalla carriera a un esempio più semplice, come potrebbe essere quello dell’acquisto di un servizio, questo aspetto diventa subito più chiaro: voglio cambiare operatore e quindi passo due settimane a confrontare tariffe, coperture, benefits. Se non riesco a fare una scelta semplice, è solo perché c’è una sovrabbondanza di opzioni, non perché ci sia da parte mia un interesse per tutti i servizi.

Il fatto di non essere in grado di fare una scelta in mezzo a tante opzioni è forse tipico dei multipotenziali, ma lo è ancora di più delle persone affette da disturbo dell’attenzione. Un conto è se il problema è legato soltanto ai molti interessi personali, un altro invece se non si è in grado di scegliere, o se ci si annoia sistematicamente, o se si è distratti facilmente.

Sono cosciente che molte persone che si definiscono multipotenziali individuano nel binomio talento/disturbo il terreno fertile in cui sono cresciuti i pregiudizi che hanno reso loro la vita difficile.
Infatti l’obiezione più comunque è che le persone con interessi numerosi non hanno necessariamente un deficit di attenzione. La maggior parte dei multipotenziali è in grado di focalizzare la propria attenzione in maniera efficace, semplicemente con focus diversi e distribuiti su varie tematiche.

Se questo è vero, vuol dire che non sapere cosa fare, o annoiarsi, o distrarsi non definisce un multipotenziale. Non è questo ciò che lo caratterizza. Quindi c’è da essere intellettualmente onesti e riconoscere quando un fenomeno è culturale (gli interessi) e quando invece c’è un problema diverso…

Prima di chiederti se sei un multipotenziale, chiediti perché tu?

Il tuo vantaggio competitivo sorge dall’interazione fra tre forze diverse e in costante mutamento: i tuoi asset, le tue aspirazioni e i tuoi valori, e la realtà del mercato, cioè la domanda e l’offerta per ciò che proponi sul mercato rispetto alla concorrenza. La direzione migliore prevede che tu insegua aspirazioni meritorie, sfruttando i tuoi asset, mentre navighi attraverso la realtà del mercato.”

Come dice Hoffman e mi pare pacifico, tutti hanno più aspirazioni e più asset (se vogliamo, chiamiamole attitudine e competenze.) La differenza è però come le mescoli e perché?

Perché alla fine, citando ancora il libro di Hoffman, “Teniamoci in contatto”, bisogna sempre rispondere a quel cartello lungo l’autostrada 101, nella Bay Area di San Francisco (ma in realtà si trova ovunque): «1.000.000 di persone sanno fare il tuo lavoro. Che cosa ti rende così speciale?»

«1.000.000 di persone sanno fare il tuo lavoro. Che cosa ti rende così speciale?»

Ad ognuno la risposta. Nel frattempo potrebbe essere utile pensarla in questo modo:

“Non tutti i multipotenziali sono confusi e non tutti i confusi sono multipotenziali”.

All’età di tre anni ho deciso di diventare vegetariano; in seconda elementare, la maestra ha convocato i miei genitori perché “non era normale” che un bambino conoscesse tutti i nomi dei funghi in latino; a 13 anni ho amato per la prima volta senza sapere che non era amore; a 15 ho smesso di fare decathlon perché odiavo la competizione; ancora minorenne, sono stato processato da una corte marziale. A 20 anni mi sono sposato e a 23 ho divorziato; a 25 anni dirigevo una start-up che ho fatto fallire; a 29 ho avuto la meningite, sono morto ma non ho saputo restarlo. A 35 anni ho vissuto una relazione poliamorista e sono diventato padre di figli di altri. A 42 mi sono licenziato da un posto fisso, statale e ben pagato per fondare l’Agenzia per il Cambiamento Purple&People e la sua rivista Purpletude. A parte questo, ho 20 anni di esperienza nelle risorse umane, ho studiato a Ginevra, Singapore e Los Angeles, ho un master in comunicazione e uno in digital transformation e ho tenuto ruoli manageriali in varie aziende e in quattro lingue diverse: l’ONG svizzera, la multinazionale francese, le società americane quotate in borsa, la non-profit parastatale. Mi occupo soprattutto di comunicazione del cambiamento, di organizzazioni aziendali alternative e di gestione della diversità – e scrivo solo di cose che conosco, che ho implementato o che ho vissuto.

Crescere

Come cambiare il passato, cambiando la nostra storia

Il passato è un insieme di fatti accaduti, che non possono essere cambiati. Ma possono essere ritagliati, adattati, rimontati, affinché veicolino una storia diversa, interpretata nella luce del presente.

Pubblicato

il

“Toc, toc… sono il passato. Ti porto le mie imperfezioni. Sono così faticose da sopportare. Che ne diresti di provare a correggerle? Prova, dai. Cosa ti costa?!”. “S’accomodasse!” rispondiamo noi “Vediamo che si può fare”.

È così che inizia la scena e sappiamo bene come finisce. Ci siamo noi che viviamo nel presente con gli occhi rivolti verso il passato. Pensiamo di tutto e facciamo di tutto qui nel presente, ma le cose là nel passato non cambiano.

Procediamo letteralmente “a rotoli”. Ci rotoliamo su noi stessi per cercare di affrancarci da rimorsi e rimpianti. Tuttavia, non funziona. Le imperfezioni rimangono e noi siamo sempre più frustrati. Se il passato è imperfetto, allora il presente, che in quel passato affonda le radici, comincia ad apparirci sempre più imperfetto anch’esso.

Ma… si può modificare il passato nel presente?

Nel momento in cui il passato bussa alla porta del presente siamo come presi da un’irresistibile tentazione: aprirgli la porta e farlo accomodare.

“Ci sarà un modo per ripulire quelle macchie!”, ci diciamo.

Il resto è andato bene, ma quelle tre o quattro imperfezioni, le macchie, ci stanno proprio male.
Il tentativo di ripulire il passato per poi riporlo in ordine nella bacheca dei trofei può diventare una vera e propria compulsione. Difficile resistere.

Aprire le porte al passato per cercare di cambiarlo è un’azione così semplice e naturale, che si dà per scontato abbia un senso. Tuttavia la domanda rimane: il passato si può modificare nel presente?

La contemplazione del passato

Ritornare con la mente al passato e contemplarlo è un’abitudine che io ritengo sana per tutti. Riguardo a me poi… è un meraviglioso passatempo. Osservare ieri a partire da oggi.

Se ci pensi, è un po’ come passeggiare lungo un viale e vedere sui tronchi degli alberi cresciuti le incisioni prodotte dal nostro passaggio. Parole, disegni, graffi, levigature, incisioni, abbellimenti, macchie di sangue o di lacrime, briciole.

Su quelle cortecce si trova di tutto, perché di tutto è accaduto.
Su quel viale siamo caduti e ci siamo rialzati, abbiamo riso e abbiamo pianto, abbiamo cantato e abbiamo urlato. E qualche volta abbiamo dormito lunghi sonni.

Il passato non può essere modificato nei fatti, ma nel senso

Il passato è per ciascuno di noi un insieme di fatti accaduti. E i fatti accaduti, come dice la parola, non possono essere disfatti. Tuttavia, il passato è anche l’interpretazione di quegli stessi fatti.

L’ultima carezza ricevuta è triste, la prima gioiosa. Un pugno dato fa male, ma a volte fa anche bene.
I fatti non possiamo cambiarli, ma il senso che gli abbiamo attribuito, si. Anzi, lo facciamo spesso, tutti.

Le ferite non si cancellano, ma possono cicatrizzare. E le cicatrici ogni tanto fanno male, ma almeno non sanguinano più.
Quindi, non si può cambiare il passato, ma si può cambiare l’effetto che, tramite il ricordo, il passato ha sul presente.

Come cambiare il passato

Penso che ognuno di noi in pratica sappia cambiare il passato, ma temo non sappia come farlo di proposito. Così, quando vogliamo dare una lucidata a quello che è stato, non sempre imbocchiamo una strada “utile”.

Qual è dunque una ricetta per cambiare il passato?
Accettare i fatti e modificare le interpretazioni.

Ossia, piuttosto che cancellare le macchie, modificare luci e ombre.

Immagina…

Prendi un album di foto del tuo passato. Guardalo.
Adesso torna da capo e comincia a cambiare l’ordine delle foto. È lo stesso passato quello che vedi?

Adesso prendi un paio di forbici, comincia a ritagliare le foto e sposta le persone all’interno delle stesse foto o muovile da una foto all’altra. È ancora lo stesso passato quello che hai di fronte?

Concediti adesso la possibilità di realizzare spostamenti da una pagina all’altra. Viaggia nel tempo. Da un anno all’altro, da una famiglia all’altra, da un’epoca all’altra. È ancora lo stesso passato?

Adesso prendi queste strane “foto” che hai realizzato e disponile davanti a te.

…e incornicia

Nessuna foto ritrae fatti realmente accaduti, eppure adesso che le guardi ti sembrano il ritratto perfetto di ciò che vuoi ricordare in questo momento.

Nessuno di noi può modificare i fatti, ma tutti noi possiamo prenderci cura di incorniciare ciò che è accaduto ieri alla luce di ciò che siamo oggi e stiamo per essere domani.

L’arte di cambiare il passato ha a che fare con la cornice, molto più che con il dipinto.

Continua a leggere

Crescere

Una biblioteca di spunti

I libri sono il contributo che le persone, nel corso dei secoli, hanno portato al discorso comune sulla realtà, a un dialogo tra punti di vista.

Pubblicato

il

La biblioteca. Ci sono un sacco di libri sugli scaffali di una biblioteca oggi. Molti di loro sono coperti da un velo di polvere. Qualcuno ha scritto parole che nessuno leggerà più.

A quei libri non rimane altro che starsene lì, sugli scaffali, un po’ come gli alberi nei boschi.
Aspettano che qualcuno cammini alla loro ombra.

Quando cammino lungo i corridoi di una biblioteca mi sento profondamente calmo, come mi capita quando cammino tra gli alberi di un bosco. Avvolto dalle parole del passato mi sento calmo e a mio agio. Non ho bisogno di sapere nulla più di quello che posso osservare dal dorso dei libri: titoli, autori, talvolta date di pubblicazione e case editrici.

I miei occhi scorrono sul dorso dei libri ed è come se leggessi una pagina di appunti. Idee non ancora approfondite e al tempo stesso perfetti riassunti di idee già sviluppate.
È come se su quegli scaffali centinaia di persone avessero lasciato il loro piccolo contributo ad un tentativo di discorso comune sulla realtà, ad un dialogo tra punti di vista.

Se anche volessi approfondire il contributo di ogni autore, mi rimarrebbero sempre troppi scrittori non letti.
Così decido di non scegliere, di non approfondire. Rimango in superficie e spazio.

Lascio che nel mio campo visivo si accostino idee differenti e che il mio cervello venga impregnato di spunti. Ci pensi lui, se vuole, a trovare un filo conduttore. Del resto sono sempre parole di esseri umani. Il legante non manca.

Ai titoli si mescolano altri spunti.
I talloncini che indicano il settore: Fantasy, Storia, Geografia, Scienza, Narrativa, Medicina, Geologia, Zoologia, Musica, Arte.
I nomi degli autori: Mark Twain, Keri Smith, Austin Kleon, Paul Watzlawick, Gegory Bateson, Arthur Conan Doyle, Kafka, Italo Calvino, Paulo Coehlo, Hermann Hesse, Chip Chace, Miki Shima, Thomas Moore, Omero, Alessandro Manzoni.
Tavolta si aggiungono anche gli anni di pubblicazione. 1899, 1900, 1950, 1953, 1978, 2006, 2009, 2018.

E il mio cervello come all’ombra degli alberi di quel bosco che è la storia dell’essere umano continua a incamerare spunti, come punti su una pagina bianca. Sembrano le stelle nel cielo scuro. Noi vediamo punti luminosi, ma in realtà quello che abbiamo davanti è la storia dell’universo. Molto di quello che vediamo è già accaduto o deve ancora accadere. Una mappa in cui è compreso tutto quello che è stato, è e sarà.

E io mi sento tranquillo. Ero entrato spinto dal desiderio di prendere in prestito un libro, ma in questo momento non ne sento più il bisogno. Tanti sono gli stimoli che mi vengono quando non scelgo e mi limito a scorrere i titoli dei libri.

Poi giungo ad un reparto che si distingue dal resto perché pieno di colori.
È il reparto dei bambini o quello dei fumetti. In quel momento mi piace prendere un libro in mano. Aprirlo e osservare questi appunti diversi. Disegni, colori, forme e rare parole. Spesso sono libri di grande formato, con pagine grandi, da abbracciare. E il mio cervello continua a incamerare spunti come punti su una pagina bianca.

Alla fine non ho preso nessun libro. Eppure sono soddisfatto.

Adesso cammino per le strade della città in cui mi trovo. Non ci sono più mensole piene di titoli, ma case piene di persone.
Il mio cervello continua a ricevere spunti, come fossero punti su quella pagina bianca.

Tutti i libri alla fine parlano dello stesso mondo, ma da un punto di vista diverso. Così tutte le persone che incontro guardano e reagiscono allo stesso mondo, ma dal loro punto di vista. Sono tutti spunti che come punti popolano la mia mappa della realtà.

Continua a leggere

Treding