Connect with us

Crescere

Un fallito di successo

Ai vincenti sono dedicati la maggior parte dei libri che scalano le classifiche di vendita, ma è veramente sensato prenderli come fonte di ispirazione?

Pubblicato

il

Ho letto l’affascinante storia di Charles Bukowski, raccontata da Mark Manson in The Subtle Art of Not Giving a F*ck.

Bukowski, che lavorava in un ufficio postale e dilapidava tutte le sue buste paga in alcool e prostitute, dopo innumerevoli tentativi di far pubblicare le sue opere, ottenne un’offerta che non gli avrebbe permesso di vivere, ma preferì mollare il lavoro d’ufficio e patire la fame, piuttosto che rinunciare al suo sogno.

L’analisi che ne fa Manson mi ha illuminato: per avere successo, non conta puntare al successo, non conta solo la motivazione, ma conta anche cosa siamo dispost* a patire, a cosa siamo dispost* a rinunciare.

E, in realtà, il successo non crea solo vincitori: si può essere dei falliti di successo!
Non che la cosa mi sorprenda: mi considero un fallito di successo.

Perché? Perché non ho nessuna delle caratteristiche delle persone di successo: non ho mai avuto un lavoro stabile a lungo, non possiedo status symbol, sono reduce da un licenziamento, non ho espresso nessuna delle potenzialità, dei talenti, che mi venivano riconosciuti, eppure…

Eppure sono sopravvissuto, anzi ho vissuto, ho conosciuto tante persone, ho visitato tanti Paesi, ho ricevuto tanti attestati di stima, calcato palchi, avuto redditi molto al di sopra e molto al di sotto della media, contribuito a crescere due figli (meravigliosi!), ricoperto tanti ruoli diversi, nel lavoro e nella Società.

Ma non sono un vincente. E non sono neanche un perdente.

Sono una persona nella media, quella media che l’immaginario, gli studi di settore, i libri sulle migliori pratiche tendono a far sparire.

I libri su come ottenere successo non parlano di Bukowski, non parlano di me e di te: parlano di quella punta dell’iceberg che l’effetto alone fa comparire.

Cos’è l’effetto alone? L’effetto alone è la negazione moderna del detto “l’abito non fa il monaco”; nella realtà succede proprio questo: se una persona ha successo, tutte le sue caratteristiche o alcune delle sue caratteristiche vengono assunte come necessarie ad ottenere successo; anzi: le facciamo diventare sufficienti!

Basta prendere un campione di persone “vincenti”, analizzare le loro caratteristiche comuni, ed ecco una bella ricetta per il successo.

Piccolo problema:
– tutte le persone che hanno quelle caratteristiche e non hanno successo non sono visibili
– tutte le persone che non hanno quelle caratteristiche ed hanno successo non sono visibili.

E poi, se ci fosse una ricetta per il successo così semplice, tutt* potremmo seguirla e diventare vincenti; il mondo sarebbe pieno di Bill Gates e Steve Jobs, al maschile e al femminile, che fonderebbero tante Microsoft e tante Apple, che avrebbero tutt* successo… no… non può funzionare: se compro il mio iPhone da Steve Jobs 1, non lo comprerò da Steve Jobs 2, né da Steve Jobs 3, né da Steve Jobs 4. E via dicendo.

C’è quindi più di un errore di metodo nel pensare che la ricetta per “vincere” possa essere uguale per tutt*.
Eppure, nonostante tutte le controprove fornite dalla realtà, continuiamo a rendere grandi successi editoriali i libri che ogni anno ci spiegano “le regole per”.

Possiamo sospettare che questi errori metodologici siano alla base di molte delle nostre frustrazioni? Possiamo sospettare che scrivere i nostri curricula, i nostri profili LinkedIn, le nostre lettere di presentazione tutte allo stesso modo, secondo lo stesso schema, non sia una tattica “smart”?

Ad un certo punto, ragionando su queste cose, mi sono detto: ma vale la pena di fare sacrifici per raggiungere quegli obiettivi luccicanti, solo perché hai le capacità di accrescere il tuo reddito, o, se proprio devi soffrire, puoi farlo per qualcosa che ami e, soprattutto, rinunciando a qualcosa, soldi e status symbol vari, di cui hai già sperimentato che puoi fare a meno?

E forse la domanda che mi mancava era proprio quest’ultima: a cosa rinunci più facilmente?
È una domanda che non mi sono mai posto e che nessun* mi ha mai posto, e non avrei dubbi a rispondere: sì, posso fare a meno di tante cose a cui ho rinunciato, tranne ai miei sogni, alle risate delle persone che amo, soprattutto se in cambio posso rinunciare alla mia rabbia, alla tensione, allo stress.

Sono choosy? sì, sono choosy, se essere choosy significa scegliere il metro con il quale misurare me stesso, le cose che faccio per lavoro e quelle che faccio per vivere, se significa dare la precedenza ad un sorriso rispetto ad avere un abito immacolato, se significa dare la precedenza ad emozionarmi rispetto all’ultima riga del conto in banca, se significa dare la precedenza ai panorami che guardo rispetto al mezzo su cui mi muovo.

Lo so, l’avevo letto su tanti libri alla moda; avevano un solo difetto: se hai meno di 30 anni ed hai guadagnato qualche milione di euro lavorando in borsa, non è molto impegnativo rinunciare ad uno stipendio a 6 cifre per andare a vivere su un’isola caraibica dove il costo della vita è inferiore agli interessi generati dal tuo patrimonio…

Cosa diversa è farlo quando ho già sperimentato con quale velocità posso spendere il poco che ho messo da parte, quando ho il pensiero di garantire un futuro ai miei figli, quando il paracadute forse non farà neanche in tempo ad aprirsi.

Ma se Bukowski avesse dato la priorità a queste paure, non avrebbe venduto 20 milioni di libri e dilapidato il suo ingente patrimonio nelle cose che più lo attiravano, l’alcool ed il sesso.

Il libro di Manson riporta un’altra significativa storia, quella di un musicista che, espulso dalla sua band, si diede come obiettivo di vita di fondare una nuova band che surclassasse i suoi precedenti compagni.
Alla sua nuova band venne dato il nome Megadeth; hanno venduto quasi 40 milioni di dischi, e lui, Dave Mustaine, può essere considerato nel ristretto novero delle superstar del rock.

Sfortunatamente per lui, la band da cui fu cacciato si chiama Metallica, quasi 200 milioni di dischi venduti: tra tante metriche per stabilire il proprio successo, è sempre possibile scegliere l’unica sbagliata.

Anche per noi.

Padre. Runner. Curioso. Timido. Introverso. Inespresso. Guardo il mondo da un obiettivo. Graffio fogli. Faccio progetti. Sbaglio. Chiedo scusa, talvolta. Mi interrogo, sempre. Mi trovi su LinkedIn.

Crescere

La donna con le palle conquisterà il mondo (o anche no)

I rapporti fra uomo e donna (anche formali) sono spesso complicati perché non siamo consapevoli di come si presentano l’energia maschile e femminile

Pubblicato

il

donna forte

Interno. Giorno.
Cooperativa fiorentina.

Lui è alto e moro, uno psicologo del lavoro che sta spiegando delle cose ovvie a una Life Coach ricciuta, le cui sopracciglia si stanno alzando oltre il livello di guardia.

Lui smette di parlare dopo aver detto: “capito cara?” alzando anche lui il sopracciglio, ma con fare affascinante.

Lei: “In effetti lo sapevo, ma la mia domanda era un’altra”
Lui: (non chiede qual era la domanda ma ricomincia a parlare)
Lei: “Ti interrompo perché rischiamo di uscire dal seminato, potrei sapere X e Y?”

Lei sono io.
Questa scena è avvenuta pochi mesi fa, in un contesto nel quale volevo aderire ad un’iniziativa del Comune e mi sono sorbita una spiegazione di come funziona la vita che non avevo mai chiesto.

Potrei buttarmi in un’invettiva sul mansplaining, termine creato apposta per descrivere come alcuni maschi tendono a trattare le donne come se fossero delle cerebrolese… ma vorrei andare oltre.

Uno dei motivi principali per i quali i rapporti fra uomo e donna (anche formali) sono così complicati, è che raramente siamo consapevoli di come si presentano l’energia maschile e femminile.

Provo a fare un riassunto, tenendo presente che sebbene tutti abbiamo un po’ di maschile e di femminile in noi, l’energia preponderante è una sola.

Attenzione: esistono uomini con energia femminile preponderante e viceversa.
È comunque vero che il sesso biologico influisce su questo per un discorso puramente ormonale.

Queste energie possono essere sane o “ferite”. La spiegazione di questo richiederebbe un approfondimento, ma per adesso basti sapere che la ferita deriva da un insieme di traumi (anche piccoli) e da informazioni personali e culturali errate di cosa voglia dire essere maschio e femmina.

L’energia maschile sana è presente, strutturata, capace di mantenere lo spazio per ascoltare e riesce e prendere delle decisioni con facilità e prontezza.

L’energia maschile “ferita” è dominante e manipolativa, tende a rimuginare ma anche ad usare troppo la forza e ad essere controllante.

Hai presente quegli uomini ai quali vorresti dire di farsi vedere da uno bravo? Ecco, loro.

L’energie femminile sana è espressiva ed intuitiva, connessa con i propri sentimenti e capace di connettere e creare.

L’energia femminile “ferita” è codipendente, tende a scusarsi e a vergognarsi o sentirsi inadatta. Spesso spiega delle cose che non avrebbe bisogno di spiegare e non mette protezioni fra sé ed il mondo.

Si capisce come le due identità ferite possano incontrarsi e formare rapporti malsani, vero?

C’è di più: sia uomini che donne, anche quelli con un’energia sana, se stressati possono mettere su una maschera di energia opposta, creando ancora più confusione.

Purtroppo non è mai così chiaro nella vita di tutti i giorni.

Anche sul lavoro questi incontri diventano giochi al massacro in cui le due energie, invece di nutrirsi a vicenda, inaspriscono le ferite l’una dell’altra.

Cosa fare?
Per le donne è necessario smettere di provare a conquistare il mondo a colpi di testosterone.

È vero che lo stereotipo di persona di successo è ancora puramente maschile ed abbiamo pochi modelli di riferimento. Un po’ una fregatura, ma anche un onore diventare noi stesse i punti di riferimento per le Donne del futuro – perché possano arrivare dove vogliono senza snaturarsi. Giusto?

La nostra forza risiede nell’intuizione e nell’osservazione delle dinamiche.

Nel libro di Christine Northup “Women’s Body, Women’s Wisdom” ci sono decide di esempi su come dottoresse e scienziate siano riuscite ad avere successo in un mondo prevalentemente maschile accettando di funzionare in modo diverso, e rifiutando di essere costrette nei tempi e modi dettati dall’ambiente in cui lavoravano.

Come? Accogliendo la realizzazione di aver bisogno di lavorare in modo diverso (e qui dipende da settore a settore) e lasciando andare la paura di essere giudicate.
Essendo se stesse, hanno raggiunto l’eccellenza.

Per gli uomini, il mio suggerimento è sempre quello di accettare il fatto che anche voi potreste essere feriti, non equipaggiati, che potreste aver bisogno di esplorare argomenti che vi sembrano scontati.

Potreste scoprire che siete più affascinanti così, senza troppe sovrastrutture “maschie” messe lì perché lo fanno tutti.

Una volta apprese queste dinamiche, esse tornano utili in tutti i campi della vita perché ci permettono di:
• giocare “nel nostro campo” con gli strumenti che la natura ci ha dato;
• attrarre individui con un’energia sana, che possano nutrirci invece di farci girare le scatole.

Io comunque alla fine l’ho presa con filosofia.
Ricordiamoci sempre che le ferite altrui non sono nostre da rammendare.

Continua a leggere

Crescere

Sappiamo unire i puntini?

Vorresti un Lavoro migliore, subito, una bella casa, una famiglia che non dia problemi, ma non è possibile: non ce la puoi fare… e ti racconti questa storia più volte al giorno: “era crollata la casa, c’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio!”

Pubblicato

il

unire i puntini

Connecting dots, unire i puntini, è stato reso famoso da Steve Jobs.
Jobs si riferiva alla capacità di costruire il nostro destino unendo idee, concetti, fatti che le altre persone non sono in grado di vedere.
Io penso ad altri puntini: a noi.

Ognun* di noi è un puntino, una goccia nel mare, apparentemente incapace di produrre Cambiamento, di costruire qualcosa che sia destinato a restare, a resistere al Tempo.

Spesso ci affanniamo a cercare i puntini di Steve Jobs, senza guardarci allo specchio.Anche noi siamo puntini, privi di significato se non diventiamo i nodi di una Rete.

Forse abbiamo letto troppi fumetti della Marvel da piccoli, o siamo stati influenzati dagli eroi della letteratura, San Giorgio e il Drago, Re Artù e i Cavalieri della Tavola Rotonda, D’Artagnan e i Tre Moschettieri,…
Ci vediamo come personaggi soli ed eroici ad affrontare le insidie del Mondo, del Mondo del Lavoro.

E perdiamo di vista il Plurale, spesso anche il Femminile, nelle nostre narrazioni.

Eventi

Ho vissuto e incontrato molte Solitudini.
Mi hanno lasciato tanto tempo per riflettere e poche idee.

Recentemente ho fatto una scelta: provare ad unire i puntini, le Persone.

Ho affrontato le tipiche paure da introverso: la paura del rifiuto, la paura di ritrovarmi da solo, la paura di non reggere il peso, di chiedere troppo, di dare fastidio; tutto l’armamentario che noi persone introverse utilizziamo per darci delle scuse per rimanere chiuse nel bozzolo.

Ho smesso di incontrare Solitudini ed ho iniziato ad incontrare Persone.
Ogni volta, nel giro di pochi minuti, ho visto nascere piccole Comunità.
Ho visto Idee iniziare a trasformarsi in Progetti.
Ho visto Paure trasformarsi in Speranze, in Obiettivi.

Bias di conferma

È il nome di un fenomeno psicologico. Bias in italiano si potrebbe tradurre Polarizzazione:
quando crediamo in qualche cosa, tendiamo a dare peso a ciò che ce la conferma e poco peso a ciò che la smentisce.

In parte è anche il fenomeno che aiuta a diffondere viralmente le fake news: ripeti tante volte una menzogna e nessun* saprà distinguerla dalla realtà.

Subiamo un tale lavaggio del cervello sul fatto che tutto va male, che tutto peggiora, che la maggior parte delle persone attorno a noi sono false e male intenzionate, da perdere di vista la realtà.
Guardiamo ai numeri assoluti, senza renderci conto che, in un mondo in crescita, crescono anche le eccezioni negative, e finiamo per confonderle con la norma.

Restiamo sorpres* quando buchiamo la bolla informativa in cui ci siamo rinchius*, quel gruppo di persone che confermano le idee che abbiamo, e scopriamo che il Mondo è molto più vario.
Sono uscito dalla mia bolla, dalla mia affollata Solitudine, ed ho scoperto un Mondo di Persone scoraggiate, ma ancora piene di Sogni.

Fare comunità

È vero: potremmo unire i puntini da soli e produrre innovazione, ma non è più entusiasmante annodarci, amalgamarci, unire le nostre Competenze e produrre Cambiamento?

Ci siamo talmente concentrat* sulla Tecnica, da dimenticare la Persona, l’Emozione, le cose calde della Vita, quelle che producono quella sensazione che in Danimarca è chiamata Hygge, e che ha un termine in ognuna delle lingue scandinave.

Noi non abbiamo un termine corrispondente forse, ma non potremmo parlare di Benessere?
Anzi di BenEssere: Bene ed Essere.

Perché, in un mondo complesso, problematico, pieno di cose complicate, non introduciamo un elemento di semplicità? Puntiamo a stare Bene, ad essere più Felici.

Sembra un’Utopia. Chi ha dato una valenza negativa al termine Utopia? Anche se non potremo mai pienamente raggiungere un Obiettivo, perché non impegnarci per avvicinarlo il più possibile, soprattutto considerando che è un Obiettivo ampiamente condiviso? chi è che vorrebbe realmente darsi da fare per stare Male ed essere Infelice?

Obiettivi condivisi

Vorremmo tutto e subito: un lavoro appagante, una relazione sentimentale riuscita, ambienti di vita confortevoli, la possibilità di soddisfare ogni nostro Desiderio.
E, poiché non riusciamo ad avere tutto e subito, ci diciamo che non è possibile.
Siamo arrivat* a pensare che sia necessario fallire per ottenere risultati.

Invece basterebbero Pazienza e Perseveranza, quelle caratteristiche che permettono alle formiche di ottenere risultati inconcepibili.
Le formiche sono puntini, che si uniscono nel costruire Comunità. E quando le Comunità diventano troppo affollate, si sdoppiano, senza distruggersi a vicenda.

Come formiche, possiamo accumulare e condividere Cibo per la Mente, Idee, Obiettivi, Sogni, Utopie.

È stata la Storia del genere Homo. È la storia delle Idee Vincenti: nessuna Idea sopravvive se non diventa un Progetto, un Oggetto (materiale o del Pensiero) che si diffonde, che si allarga.

Devo, non posso, non riesco:

sono verbi che usiamo per allontanare da noi la responsabilità di Scegliere, il rischio di Scegliere.
Siamo diventat* così allergic* alla Scelta ed al Rischio che comporta, che cerchiamo scorciatoie.
Non vorremmo più il Rischio neanche nel fare Impresa.

E consideriamo un’impresa la realizzazione di qualsiasi proposito.

Proposito, proposta

Diciamocelo: se accettiamo l’immagine che ci viene proposta dai media, dai tanti contenuti virali non verificati, possiamo solo accettare l’idea che non ci sia nessuna Speranza, e che l’unica speranza sia una botta di Fortuna: la scorciatoia delle Lotterie, dei Like, dei 15 minuti di Celebrità.

Possiamo non accettare. Vogliamo non accettare?
Vogliamo sgombrare il terreno dalle Scuse e darci dei Propositi?

Lei si è laureata dopo i 50 anni, lavorando e accudendo tre figli, da single; lui si è laureato attorno ai 40 anni, portando avanti due lavori part-time, 7 giorni alla settimana.

Io avrei detto “non è possibile”, prima di incontrare loro. Loro lo hanno fatto.

Corsi serali, corsi a distanza, corsi nei fine settimana: tutte possibilità che non esistevano nella nostra vecchia visione lineare della Vita: si nasce, si cresce giocando, si diventa adult* studiando, si diventa vecchi* lavorando, ci si riposa in pensione.
Oggi la Vita è ciclica, è variabile, è imprevedibile: va avanti chi è adattabile, chi non si sente mai arrivat*.

La mancanza

Sì, c’è qualcosa che manca: una Visione di Sistema, che guidi la Politica ed il Governo, del Sistema Italia e dei Territori.
Gli Enti preposti sono ancora prigionieri della visione lineare: se hai 40 anni, 50 anni, 60 anni, ti mettono in parcheggio; cercano di inventare “deviazioni” lineari per farti tornare sul percorso verso la pensione.
E noi che abbiamo superato i 40, siamo spesso preda di Angoscia per il Futuro, quando non ci siamo già etichettat* come Inutili e Senza Speranza.

Non ci illudiamo: difficilmente la Soluzione ci verrà dall’alto.
Siamo noi a dover uscire dal bozzolo dei “devo”, dei “non posso”, e riprendere in mano il nostro Cammino, disegnare nuovi Sentieri, costituire Tribù, scrivere i nostri Patti di Comunità, le nostre Regole, ripartendo dal piccolo, dal locale, dai tanti puntini che compongono le Reti Sociali di cui siamo parte (non mi riferisco ai Social Network, ma alle reti fisiche di contatti, le nostre rubriche old-style: parenti, amic*, conoscenti, collegh* ed ex-collegh*: le facce che hanno affollato i nostri anni).

Qual è il mio scopo?

È la domanda da cui partire, la Vision: cosa voglio fare nella Vita, cosa voglio fare nel Lavoro?
E poi la Mission: come voglio realizzare nella Vita la mia Vision, come voglio realizzare la mia Vision nel Lavoro?

Sembra un esercizio futile? Sei in grado di rispondere a queste domande? Sei in grado di allineare quello che fai alle risposte a queste domande?

Lo so: era tutto più semplice quando c’era qualcuno da fuori che ci dava i compiti, quando avevamo una mamma ed un babbo che ci dicevano ancora cosa fare (cosa dici? lo fanno ancora?), quando il maestro e la professoressa ci davano i compiti, quando ci guidavano i sacerdoti delle Religioni e delle Ideologie.

Ora ci siamo svegliat* e ci siamo ritrovat* in alto mare, con le onde che ci sbatacchiano e nessun senso di direzione.
Nessun* conosce realmente la rotta (spoiler: non la conoscono neanche i guru).

Possiamo rimanere ancorat* al nostro relitto, sperando che le correnti ci portino a casa, o metterci insieme alle altre vittime del naufragio, e costruire un’imbarcazione più stabile ed accogliente: si chiama Libero Arbitrio, la Libertà che non siamo abituat* ad avere.

Ho trovato tant* compagn* di viaggio, quando ho cominciato a cercare, ed insieme la sponda non sembra più così lontana, e forse non è neanche così importante: ora mi godo il Viaggio.

Continua a leggere

Treding