Connect with us

In primo piano

I robot non licenziano le persone. Le persone (sbagliate) licenziano le persone

Notizie che si sono lette negli ultimi mesi e che temo potremo leggere anche in futuro. Notizie che sembrano dire che i robot licenziano le persone. E invece non è mica vero: le persone licenziano le persone.

Pubblicato

il

Notizie che si sono lette negli ultimi mesi e che temo potremo leggere anche in futuro. Notizie come queste due in particolare:

1) un operaio disabile è stato licenziato dopo trent’anni di attività perché sostituito da un robot; 2) un’azienda del triveneto sta perdendo importanti commesse perché non trova operai specializzati in grado di far funzionare le modernissime macchine che ha acquistato.

Due notizie agli antipodi: da un lato un operaio che vorrebbe lavorare e non può, dall’altro un’azienda che vorrebbe operai e non li trova.

In entrambi i casi, le macchine che “ostacolano” i normali processi di assunzione e l’inadeguatezza delle competenze del personale.

È colpa dell’uomo o della macchina?

Industry 4.0, la quarta rivoluzione industriale

Ne contiamo solo quattro ma è un processo iniziato con l’invenzione della ruota, passando per i mulini del medioevo.

Come nelle precedenti, l’evoluzione tecnologica toglie lavoro alla manodopera umana, almeno nella sua fase iniziale.

È nella natura stessa dello sviluppo tecnologico, e del genere umano verrebbe da dire, trovare soluzioni atte a rendere il lavoro più efficiente e meno faticoso. L’inconveniente, nella fase di transizione, è che chi “faticava” non è più necessario. Il risultato è che, nell’immediato, si registra un calo dell’occupazione nei settori coinvolti dall’innovazione tecnologica, progressivamente mitigato dall’ingresso di nuove professionalità sorte in virtù di quella stessa innovazione.

Lo sostiene l’imprenditore Paul Graham “Io credo che il fatto che alla fine il saldo dei posti di lavoro sarà positivo, è uno schema così antico e consolidato, che l’onere della prova del contrario spetta a chiunque lo contesti. E io francamente non vedo perché dovrebbe accadere” e lo conferma Leonardo Quattrocchi, docente di Business Development all’università LUISS Guido Carli “se è vero che il 28% dei lavori saranno sostituiti dai robot è altrettanto vero che industria 4.0 genererà il 35% in più di opportunità di lavoro nuove”

Perché ciò accada, come e più che nel passato, serve preparazione.

La globalizzazione ha portato l’industria 4.0 nel nostro Paese senza che questo si fosse preparato ad accoglierla. E la “rivoluzione” sta momentaneamente rischiando di travolgerci perché non eravamo preparati.

Uso il termine preparazione nel suo significato di formazione.

Ma la formazione di chi?

Del personale impegnato nelle imprese naturalmente, e anche – soprattutto – dei/lle titolari di quelle imprese che devono imparare ad affrontare le innovazioni e accoglierle come un’opportunità di sviluppo e crescita dei fatturati, in un’ottica di valorizzazione delle produzioni e dei/delle dipendenti.

E l’esigenza risulta evidente se Confindustria ha indicato al 4° di 10 punti del suo manifesto della “Responsabilità Sociale d’Impresa per l’industria 4.0” la formazione ed è confermata da una ricerca di “Fondirigenti” che ha rilevato un incremento della produttività pari al 12% medio nelle aziende che investono in formazione manageriale.

Ma le PMI italiane stanno reagendo lentamente e con grandi reticenze.

Perché l’essere umano si sente minacciato dal proprio ingegno?

C’è perfino chi profetizza scenari apocalittici in cui le macchine sostituiranno l’uomo in ogni attività produttiva e intellettuale e che le intelligenze artificiali si evolveranno autonomamente fino a sovrastarci e dominarci in una specie di Matrix in cui le persone saranno assoggettate alle macchine.

Non credo sarà possibile perché l’essere umano ha due caratteristiche peculiari che né la natura né la tecnologia sono mai riuscite a replicare: l’immaginazione e l’empatia.

Il genere umano è l’unico di tutto il mondo animale ad avere sviluppato la capacità di immaginare il futuro. È l’asso nella manica che ci ha consentito di dominare su tutte le altre specie, nonostante non fosse il più grande, il più forte o il più veloce.

È la caratteristica che ci ha consentito di sviluppare le arti, le scienze, la filosofia e la politica.

È stato rilevato che il nostro cervello dedichi la maggior tempo e delle energie nel tentativo di prevedere le conseguenze future di ogni azione del presente, così da organizzarsi per limitare al massimo i pericoli.

Le macchine elaborano dati ad una velocità esponenzialmente maggiore del cervello umano ma non esiste un algoritmo in grado di generare l’immaginazione.

Ciò rappresenta al momento l’ostacolo principale allo sviluppo delle autovetture senza conducente che non riescono a prevedere le reazioni umane.

L’empatia, o intelligenza emotiva, è la capacità di percepire le emozioni non primordiali delle altre persone.

È ciò che ci consente di entrare in relazione con gli altri “mettendoci nei loro panni”, capendo stati d’animo e sensazioni che possono scaturire da contesti esterni (ambiente, relazioni, comportamenti subiti, linguaggio).

E qui sembra proprio che le macchine non potranno mai eguagliarci, per la semplice ragione che rappresenta una specie di “dono divino” che non siamo in grado di comprendere a pieno e quindi di replicare.

Come lega tutto questo con le notizie di apertura?

Proviamo ad approfondirle.

L’operaio licenziato (cui naturalmente va tutta la mia solidarietà) per trent’anni “ha applicato tappi provvisori sulle taniche prima della verniciatura”, anche dopo aver perso l’uso di una mano.

A 40 ore settimanali, lo ha fatto per 62mila ore della sua vita.

La colpa della sua azienda, secondo me, non nasce il giorno del licenziamento.

Dura da almeno 20 anni: perché lo ha fatto vivere come una macchina, mantenendogli il posto di lavoro fintanto che il costo del macchinario non è diventato più basso del suo salario.

Perché in trent’anni di rapporto di lavoro, e dopo un grave infortunio, non si è preoccupata di formarlo e riqualificarlo, magari insegnandogli ad usare quella macchina che lo avrebbe accompagnato al pensionamento (4 anni) senza drammi. Perché ora qualcun@ sta facendo funzionare la macchina al suo posto.

L’azienda sapeva che ad un certo punto quell’operaio non sarebbe servito e ha deliberatamente deciso di disinteressarsene, senza prevedere, però, la sua reazione e il danno di immagine che ne è derivato.

E poi c’è l’azienda evoluta, che ha investito decine di migliaia di euro in macchinari moderni e non trova chi sappia farli funzionare.

Come è possibile?

Nessuno li ha avvisati al momento dell’acquisto che sarebbe servito personale specializzato? Sono stati truffati?

L’azienda è in attività da anni, ha già operai e operaie nel suo organico e i macchinari non servono a lanciare nuove produzioni ma a migliorare quelle esistenti.

Nessun@ del personale interno potrebbe essere format@ ad usarle?

A sentire il titolare, non si è nemmeno posto la domanda. Lui vuole assumere neodiplomati/e e siccome nel suo territorio non ne trova, lamenta che in Italia c’è un’eccessiva scolarizzazione e i/le giovani non hanno voglia di lavorare (per la cronaca, in Italia meno del 43% della popolazione attiva è diplomata e meno del 16% laureata).

Perché non risolve formando chi è già assunt@?

Perché un/a neodiplomat@ entra con contratti agevolati (per il datore di lavoro) e perché le competenze richieste sono specialistiche per un operai@ con una certa anzianità mentre sono base per chi si è appena diplomat@; con il risultato che al/la prim@ dovrebbe aumentare lo stipendio mentre per l’altr@ non rilevano sulla retribuzione.

E allora, meglio che i macchinari restino spenti a prendere polvere, con il titolare che minaccia di chiudere (con relativi licenziamenti), sollecitando aiuti dalla Regione.

Se arrivassero in massa tutte le persone necessarie a far funzionare questi macchinari, che ne sarebbe di quelle che ora lavorano con quelli obsoleti?

Tra qualche mese leggeremmo che un esercito di robot ha licenziato decine di lavoratori e lavoratrici? Assisteremmo a servizi televisivi drammatici come se si fosse verificato uno tsunami?

Quanti di noi ricorderebbero che sarebbe stato il frutto di un’operazione pianificata e voluta e non responsabilità delle macchine fameliche?

E se invece quegli operai specializzati non arrivassero mai e l’azienda non riuscisse ad ammortizzare l’investimento?

Che ne sarebbe delle persone che ora ci lavorano?

La tecnologia è uno strumento straordinario per migliorare l’efficienza produttiva e la qualità della vita delle persone, operai inclusi.

Ma una macchina fa solo ciò per cui è stata progettata e costruita.

La scelta sul se e come utilizzare la tecnologia, la capacità di prevederne gli effetti sull’organizzazione del lavoro e la scelta di considerarne o meno le ripercussioni sul personale resta esclusivamente umana, così come la responsabilità.

Appassionata di crescita e condivisione, affamata di conoscenza e confronto, inguaribile ottimista sulla possibilità di ciascuno di contribuire al bene comune, dopo 17 anni nel mondo sales e marketing, nella mia vita attuale sono trainer e facilitatrice supportando lo sviluppo dei singoli e dei team e la gestione costruttiva dei cambiamenti e delle relazioni.

Continua a leggere

Crescere

Non dire alle persone come ti guadagni da vivere

Le persone non interagiscono con i titoli e con le competenze. Le persone interagiscono con le persone.

Pubblicato

il

È successo più o meno 15 anni fa.
Ho detto che vendevo ottime sim aziendali.
Lui ha detto: “Interessante. Dicono sia un business in crescita.”
E non ha aggiunto altro.

Qualche anno dopo, ho detto che facevo siti web a buon prezzo.
“Anche questo è interessante. Sei un ragazzo in gamba e ti dai da fare”. Anche questa volta non è successo niente.
Poi ho lasciato perdere i contenitori e sono passato ai contenuti.
“Adesso scrivo cose che le persone vogliono sentire. Anche per aziende come la tua.”
E non è successo niente.

Allora insegna

Poi un giorno ho pensato di aver capito.
Un giorno tutti si sono svegliati dicendo che bisognava educare. Insegnare. Spiegare come fare.
E tutti hanno iniziato a farlo. Anche se avevano wikipedia da una parte e poca esperienza dall’altra.
Tutti sono saliti sul carrozzone.
L’ho fatto anche io.

Ho iniziato a scrivere come scrivere.
Ho iniziato a dire cosa dire.
Ho iniziato a dire cosa funzionasse nel web e in questo mondo digitale.
E solo allora ho capito. Non avevo la minima idea di come funzionasse.

È stato un momento terribile.
Sei lì che ti accorgi che vendi una cosa che avresti bisogno di comprare.

E non ti resta che fare due cose:
a) Continuare a mentire. Ma non puoi farlo a lungo se sei un pizzico sano di mente.
b) Ammetterlo.

E ho iniziato a parlare di quanto avessi paura. Di quanto fossi confuso.

Ho iniziato a dire cosa avevo voglia di fare. E che mi sarei messo in cammino anche se pieno di dubbi.
Mi sono guardato intorno e c’erano i miei bambini a tenermi compagnia. Mia mamma e qualche amico a leggermi per non farmi sentire molto solo.
E anche questo è stato terribile.

Ho scritto anche su questo. Potrei riempire un libro di tentativi e fallimenti. E di paure. Di paura di non arrivare mai.

Poi è successo

Un giorno mi ha scritto un tizio e mi ha detto “capisco come ti senti.”
Eravamo in due. E questo mi ha fatto sentire bene.

Ho raccontato anche questo. Di quanto sia bello sentire che qualcuno ti sente e sa come ti senti.
E mi ha scritto un altro tizio.
“È successo anche a me.” Mi ha detto. Anche se il contesto era completamente diverso.

Ho scritto anche di questo.
Di come a volte la tua storia non è soltanto tua. È una storia che ci si passa di mano, scambiandosi a volte anche il significato.

E poi ho iniziato a parlare di significato.
Di sfide e paure.

Ancora una volta. Ma in modo diverso.
Senza la pretesa di insegnare niente. Senza dare tante risposte ma facendo domande.
Ho messo da parte anche la pretesa che qualcuno rispondesse. Ho iniziato a parlare come se fossi da solo; anche perché a volte è vero.

Un tizio un giorno mi ha chiamato al telefono

“Mi piace ciò che dici. Avrei un lavoro per te”.
C’era da scrivere una guida su una località turistica.
C’era da fare una breve ricerca e infilare un paio di parole una dopo l’altra.
“Ti do 30 euro”.

Ho accettato.
E ho scritto anche di questo. L’ho detto in giro.
Ho detto che un tizio mi aveva chiamato e offerto un lavoro. Solo perché mi aveva visto simpatico. O forse perché gli facevo pena. Che importa.

Potrei continuare all’infinito

Ogni volta che è successo qualcosa intorno a me, o dentro di me, l’ho raccontato in giro.
Ho smesso di dire come mi guadagno da vivere.
Ho iniziato a dire dove stessi andando e come mi sentivo ogni volta.

Faccio ancora così.
A volte succede che qualcuno intraveda una destinazione comune o si senta vicino e vuole parlare con me. E poi qualcosa succede.

È più intrattenimento che educazione

Ho 34 anni, due figli, due cani. Ho scritto migliaia di articoli sul web e un libro. E quello che ho capito è che le persone non parlano con i titoli e con le competenze. Non interagiscono con quello che fai per guadagnarti da vivere. Le persone interagiscono con le persone.

Le persone non interagiscono con i titoli e con le competenze. Non interagiscono con quello che fai. Le persone interagiscono con le persone. Click To Tweet

Tornando al discorso di prima, riguardo a insegnare e contenuti utili, si tratta più di intrattenimento che di altro. È più arte che scienza. Più vita che strategia.

Le persone fanno affari con i loro amici. E con quelli che potrebbero diventare loro amici.
Di norma, ci si affida a qualcuno che sembra buono. O bello. O sensibile. Gli studiosi lo chiamano Halo Effect ma io preferisco dire che sia normale.

Ho un commercialista. Ho un avvocato. Un editor. Un insegnante di inglese.
Non so se siano i più bravi del settore o i più convenienti. Li ho chiamati, e poi assunti, perché mi piaceva il loro modo di dire le cose, fare le cose, pensare le cose.

La maggior parte di loro non hanno scritto guide definitive e non hanno un sito web da urlo. Mi sembravano brave persone e ad oggi sono convinto che sia davvero così.

Poi chiaramente risolvono anche i problemi. Ma questo è venuto dopo.
Altrimenti sarebbe tutto diverso.

Le informazioni non ci mancano, ne abbiamo in abbondanza.
Potremmo andare su Google e cercare sempre ciò di cui abbiamo bisogno. Ed è anche vero che a volte lo facciamo ma, quasi sempre, non per le cose che contano davvero.
Forse se scoppi una gomma e ti serve un gommista in quel momento e in quel luogo. Ma non per un dentista. Non per chi deve operare tuo figlio. Non per chi deve aiutarti con la tua impresa o curarti la schiena.

Per questo genere di cose, ci affidiamo alle emozioni e alle sensazioni. O ai consigli di altre persone.
Ma le persone alle quali chiediamo consiglio sono di norma persone con le quali abbiamo una storia in comune. Persone che un giorno ci sono sembrate vicine, con le quali condividevamo una qualche destinazione, e ci siamo avvicinati ancora di più.
Nessuno chiede al primo che passa di consigliare una baby sitter alla quale affidare i bambini.
Nessuno si fida di chi non conosce e di chi non gli piace.

Ho scritto anche di questo. Tante volte.

E un giorno mi ha scritto un tizio.
Una lunga mail dove si diceva d’accordo e che anche lui avrebbe voluto dire queste cose e scriverle nel web. Solo che non era capace.
E io gli ho detto “perfetto. Ti aiuto io. Sono un ghostwriter” (succedeva tanti anni fa).

Che poi è quasi tutto quello che ho capito di questo mondo digitale.

Non dire alle persone come ti guadagni da vivere.

Prima viene molto altro.
Viene capire chi sei, cosa vuoi, dove stai andando.
Prima viene fare capire alle persone chi (e non cosa) sei, cosa vuoi, dove stai andando.

Oriah l’ha detto meglio.

“Non mi interessa che cosa fai per guadagnarti da vivere. Voglio sapere che cosa desideri ardentemente e se osi sognare di soddisfare l’anelito del tuo cuore. Non mi interessa la tua età. Voglio sapere se rischierai di passare per pazzo nel nome dell’amore, per i tuoi sogni, per l’avventura di essere vivo.”

Continua a leggere

In primo piano

Di generazione in generazione

Attività di famiglia, mestieri che passano di padre in figlio, generazione dopo generazione. Sono opportunità o gabbie dorate?

Pubblicato

il

Recentemente ho svolto dei colloqui di consulenza professionale a due trentenni, Alessio e Federica. Entrambi con una strada già tracciata, un’opportunità sicura di fronte a loro, ma attesa e affrontata in modo completamente diverso.

Partiamo dalle loro storie.

Alessio ha una storia districata tra un rapporto conflittuale con se stesso e una malattia che ha portato via il padre dalla gestione dell’azienda famigliare creata da lui stesso. La ditta è un’azienda che opera in campo finanziario. Alessio ha frequentato l’istituto tecnico commerciale, ragioneria, percorso scelto senza nessuna costrizione da parte della famiglia, ma solo perché nel dubbio adolescenziale della scelta sembrava per Alessio la strada più giusta e più immediata. All’Università invece ha preferito scegliere un percorso completamente diverso perché stanco di studiare sempre il punto di vista economico delle cose. Ciò di cui aveva bisogno e per cui nutriva curiosità e voglia di apprendere erano le materie umanistiche e la sua decisione di frequentare Beni culturali in un’Università lontano da casa rappresentava il segnale lampante di volersi allontanare da ogni costrizione famigliare. Infatti, questa ultima scelta si è rivelata in seguito un percorso intrapreso da Alessio per scappare dall’obbligo morale di dover perseguire la strada del padre nell’azienda di famiglia. E quando il padre si ammala gravemente c’è la necessità di portare avanti la gestione. Cosa fare? Che decisione prendere? Tante le incognite e le ansie che hanno assediato Alessio prima di scegliere di provare a entrare in azienda. Solo perché non era il suo desiderio, ma il destino sembrava volergli indicare a tutti i costi quell’unica via.

La seconda storia con la quale sono entrato in contatto è quella di Federica, una ragazza molto determinata e soprattutto completamente libera da volontà prestabilite paterne. Anche lei figlia di un grande imprenditore che aveva fatto del commercio della carne il principale business dell’azienda famigliare. Federica però desiderava quasi in segreto, di seguire le sorti del padre e soprattutto poter dare un contributo innovativo all’azienda, grazie al suo infinito entusiasmo. Il suo percorso di studi è orientato completamente a riuscire a prendere in mano un’azienda. Studi scientifici alle superiori poi laurea in economia e master in management d’impresa. Tutto pronto per fare il grande salto, ma nel momento che Federica comunica al padre il suo forte desiderio, lo stesso la ferma e si oppone fortemente alla scelta perché ha intenzione di vendere la sua azienda e lasciare libertà ai suoi figli (Federica ha un fratello) di intraprendere un proprio percorso professionale. Federica non sa cosa fare perché non se la sente di fondare una nuova impresa, né di lasciare che il padre venda la sua azienda. Purtroppo ben presto arriva la notizia che gli affari vanno male e il padre accelera il processo di vendita ad acquirenti stranieri. Federica non si dà per vinta e chiede ai nuovi acquirenti di assumerla per poter “traghettare” l’esperienza precedente alla nuova gestione. I nuovi proprietari accettano e Federica si ritrova a supportare la gestione di un’azienda che non è più sua. E qua nascono le incognite che l’hanno portata a rimettere tutto in discussione.

Cosa ci insegnano queste storie? E soprattutto quale futuro hanno i giovani che vivono del “peso” lavorativo famigliare? C’è un modo per risolvere la grande questione?

Ai tanti giovani che mi chiedono indicazioni su come entrare o uscire da una situazione famigliare e professionale come quelle vissute da Alessio e Federica cosa dovrei rispondere loro?

In Italia, secondo l’Osservatorio AUB da una ricerca effettuata dalla Bocconi in collaborazione con l’AIDAF, le aziende famigliari con fatturato superiore a 50 milioni di euro ammontano a 4.756 e incidono sul PIL nazionale per il 27,7%.

Si contano 1.885.771 dipendenti famigliari contro i 4.209.557 dipendenti esterni al nucleo famigliare. Il numero dei figli che si troveranno a fronteggiare una crisi personale determinata dalla scelta di quale lavoro sia meglio svolgere è di grandissime proporzioni.

Che aiuto può dare una persona che fa il mio lavoro a queste persone? Come risolvere l’innato problema?

Non ho risposte preconfezionate e sono qui a presentare le loro storie proprio per innescare una riflessione comune, che si inserisca non solo in un contesto di orientamento, ma vada oltre, nella quotidianità, nell’impatto della famiglia sulla scelta del lavoro dei figli, il valore che diamo alla libertà e al desiderio di fare qualcosa di noi stessi che abbia un senso.

È una questione legata alla libertà dell’individuo, a rendere un uomo protagonista della sua scelta. Entriamo nell’educazione genitoriale, nel modo di porsi con i figli perché ancora una volta siamo noi genitori a creare un processo inverso da quello che ci insegnano a scuola, ovvero trovare l’opportunità dalla crisi. Perché talvolta sembra che nel voler imporre un’educazione e dei valori propri nel figlio cerchiamo di offrirgli crisi in cambio di opportunità. Forse serve per la sua crescita, forse ciò lo aiuta a mettere in discussione realtà certe, forse Alessio e Federica sono i due estremi di un’inadeguatezza culturale della scelta: seguire i percorsi prestabiliti di Alessio o quelli di totale libertà offerti a Federica?

Chi vincerà questa grande sfida? Quella del peso generazionale dell’azienda famigliare, quella del padre o quella del figlio?

Sono pronto ad ascoltare le risposte…

Continua a leggere

Trending

Condividi
Tweet
Condividi
Condividi
Tweet
Condividi