Connect with us
L'alternativa alla cultura dello stress e della paura in azienda L'alternativa alla cultura dello stress e della paura in azienda

In primo piano

L’alternativa alla cultura dello stress e della paura in azienda

“O distruggiamo il capitalismo o lui annienterà noi”, sostiene il sociologo svizzero Jean Ziegler. Certo è che il nostro sistema economico attuale sta mostrando forti limiti e che è necessario trovare delle alternative.

Pubblicato

il

“O distruggiamo il capitalismo o lui annienterà noi”, sostiene il sociologo svizzero Jean Ziegler.

Parlo spesso della necessità di cambiare le modalità di relazionarsi in azienda; altrettanto spesso le lettrici e i lettori mi scrivono, interrogandosi su come sia possibile attuare un cambiamento di paradigma in un mondo in cui le aziende sembrano avere poco o zero interesse per le persone. E mi raccontano il loro quotidiano da fine ‘800, che fa venire i brividi.

Di solito rispondo che sono fiducioso per due ragioni: la prima è che le aziende devono fare i conti con l’arrivo sul mondo del lavoro di nuove generazioni che hanno dei valori diversi rispetto a quelle precedenti, e che mettono l’accento sull’importanza del proprio benessere psico-fisico.

La seconda ragione è che i consumatori sono sempre meno passivi, e anzi sono consum-attori, protagonisti della vita del prodotto e dei servizi che decidono di acquistare; sono finiti i tempi in cui le aziende potevano nascondersi dietro generali dichiarazioni di impegno: oggi ognuno di noi si sente in diritto di chieder loro le prove di quell’impegno, e riteniamo che le aziende abbiano l’obbligo morale di contribuire al benessere della comunità in cui operano.

C’è un terzo aspetto, però, di cui non parlo volentieri, perché ha una dimensione maggiormente politica e presta quindi il fianco a ogni tipo di incomprensione: mi riferisco al fatto che il cambiamento è possibile a condizione che il nostro sistema capitalista cambi in maniera profonda.

Le criticità del sistema economico attuale

Capiamoci: dare un colpo deciso al sistema capitalista non vuol dire diventare comunisti, con buona pace di chi pensa che il mondo sia solo bianco o nero.

Il sistema capitalista funziona in quanto è in grado di migliorare la vita delle persone, e lo vediamo da come la Cina ha saputo diminuire drasticamente la povertà, aprendosi al libero mercato (o a qualcosa che ci assomiglia).

Tuttavia l’abuso del sistema capitalista ha portato alla maggior parte dei problemi sociali che stiamo vivendo in questo periodo storico. E, soprattutto, il capitalismo è all’origine dei cambiamenti climatici. Per questo va distrutto prima che lui distrugga noi: è in questo contesto che si inserisce la frase di Jean Ziegler, che è, tra l’altro, membro del comitato consultivo del Consiglio dei diritti umani dell’ONU.

“Il sistema capitalista ha effettivamente impressionanti capacità, dinamica e creatività”, riconosce il professore 85enne in un’intervista pubblicata dal domenicale svizzero SonntagsBlick. “Ma i grandi gruppi economici si sottraggono a ogni controllo: funzionano unicamente secondo il principio della massimizzazione dei profitti nel tempo più breve possibile, a qualunque costo umano».

Le storie che ci raccontiamo (per non cambiare)

L’idea di non poter cambiare il nostro sistema economico è una narrativa radicata e difficile da mettere in crisi. Invece dovremmo vederla per quello che è veramente: una storia che ci raccontiamo.
Per diversi motivi: perché è più facile; perché ci vuole una buona dose di impegno per cambiare; per alcuni, perché il sistema attuale li avvantaggia; perché manchiamo di creatività; perché conosciamo solo questo modo. E tante altre ragioni.

Ci sono molti studi teorici che cercano di dare delle risposte a questa crisi di valori che ormai è evidente a tutti, soprattutto ai lavoratori. Si cercano opzioni sostenibili, che spesso vengono diluite a slogan, e presi in prestito dai vari gruppi politici che pensano di poter far leva sul disagio delle persone per raccogliere consensi e quindi voti.

Una delle dottrine più interessanti è quella nata negli Stati Uniti in seno a gruppi di interesse che coltivano l’idea di un capitalismo consapevole: si tratta di liberare lo spirito positivo del fare business e di unirlo alla creatività imprenditoriale collettiva, con l’intento di affrontare le difficoltà socio-economiche che stiamo vivendo in questo particolare periodo storico (di cui il cambiamento climatico è l’espressione più allarmante).

I quattro principi del capitalismo consapevole

1. La buona causa (Higher Purpose)

Le imprese devono avere delle ragioni che vadano al di là del mero profitto: queste ragioni definiscono la buona causa, che deve perseguire obiettivi superiori. Da questo punto di vista, la sostenibilità economica è un risultato, ma non è lo scopo dell’azienda.

“Abbiamo bisogno dei globuli rossi nel sangue per vivere (così come le aziende hanno bisogno dei soldi per vivere), ma lo scopo ultimo della vita va molto al di là del produrre globuli rossi (così come lo scopo di un business va al di là della semplice produzione di profitti).”
– Prof. R. Edward Freedman –

2. L’integrazione d’interessi (Stakeholders orientation)

Le aziende vivono in un ecosistema delicato, composto da collaboratori, clienti, fornitori, investitori, governi, risorse naturali.
Il business deve consapevolmente creare valore per tutta la comunità, non solo per gli azionisti.
Bisogna motivare tutti gli stakeholder a perseguire gli interessi della comunità e non quelli del singolo, cercando di generare valore condiviso, persino per i concorrenti. Questo perché tutte, ma proprio tutte, le parti coinvolte compongono l’ecosistema.

3. La Leadership consapevole (Conscious Leadership)

Come gli altri stakeholder dell’ecosistema, anche i leader delle aziende devono mettersi al servizio delle persone piuttosto che inseguire potere e ricchezza personali.
Devono saper ispirare una visione condivisa di benessere, facendo in modo che tutti nell’azienda abbiano il focus sulla buona causa e che lavorino in un’ottica di fiducia e di cura reciproche.

4. Una nuova cultura consapevole (Conscious Culture)

Alla base del capitalismo consapevole c’è una cultura aziendale (ma anche economica) fatta di fiducia, responsabilità, trasparenza, integrità, lealtà, uguaglianza e miglioramento personale.
Questi principi agiscono come una forza energizzante e unificante per tutti gli stakeholder: in essa, le persone si riconoscono e possono trovare un’alternativa alla cultura della paura e dello stress tipica delle culture aziendale disfunzionali.

Il peso delle multinazionali

Personalmente, trovo l’approccio utile. Tuttavia, vivo questa versione illuminata del capitalismo come un tentativo maldestro di non affrontare la questione di fondo: tipicamente, come portare le aziende ad applicare questo livello di consapevolezza.

C’è un aspetto critico che non può essere scopato sotto il tappeto: per una piccola parte della popolazione, il nostro sistema socio-economico attuale funziona, in quanto permette loro di vivere in una ricchezza che, probabilmente, non avrebbero se cambiassero le regole del gioco.

Le Fortune 500, ovvero le 500 più grandi multinazionali del mondo, hanno il controllo del 52,8% del reddito nazionale lordo della Terra. Come fa notare Jean Ziegler “hanno un potere che nessun re ha mai avuto su questo pianeta”.

Per lo stesso motivo non serve a molto attaccare i governi e pretendere dai nostri politici di trovare delle soluzioni, se non abbiamo messo in conto l’inevitabile e necessaria revisione del concetto stesso di capitalismo. Capitalismo che suona come un dottrina economica ma che si traduce concretamente nel nostro modo, reale e quotidiano, di vivere.

La scelta tra evoluzione e rivoluzione

Un modello, il nostro, che continua a ispirare quelle popolazioni che non hanno ancora preso il treno dello sviluppo economico: tutti i paesi del cosiddetto Terzo Mondo perseguono l’obiettivo di raggiungere lo stesso livello di vita dei Paesi industrializzati. Ora, guardiamo in faccia la verità: questo sviluppo non è semplicemente possibile.
Applicare lo stesso modello economico basato sul consumismo e sullo sfruttamento delle risorse naturali porterà inevitabilmente all’esaurimento del Pianeta e quindi a un rischio concreto per tutto l’ecosistema, umani compresi.

C’è chi pensa che questa enorme pressione ancora a venire creerà una tale crisi sociale, economica e politica che dalle ceneri di scontri e crisi nascerà un nuovo paradigma mondiale, questa volta più sostenibile e orientato al bene comune. Ma ne beneficeranno solo i sopravvissuti (ammesso che ce ne siano).

“La storia insegna che le classi dominanti – oggi l’oligarchia finanziaria internazionale – non rinunciano mai volontariamente ai loro privilegi: si difendono a sangue”, puntualizza Jean Ziegler. “Se guardo alla storia mi sembra impossibile che oggi succeda qualcosa di diverso”.

Tutti pronti per una sanguinosa rivoluzione, quindi?
L’opzione evolutiva c’è, ma dobbiamo prendere l’iniziativa, noi per primi.

Divide et Impera

Siamo ancora in tempo a evitare l’ecatombe. Purtroppo il tempo stringe e noi esseri umani abbiamo questa capacità unica di organizzarci sempre in fazioni contrapposte e bellicose.

Siamo fondamentalmente animali tribali e facciamo fatica a sentirci uniti come un’unica razza.
Ci riusciamo solo nei film di fantascienza, quando gli alieni ci invadono per distruggerci… e allora, per il tempo di una battaglia epica, mettiamo da parte le nostre differenze e difendiamo quella che consideriamo la nostra casa comune.

Nella realtà, quando persone come Greta Thunberg si impegnano a far capire all’opinione pubblica che siamo in una situazione di emergenza, c’è subito chi ci vede dietro il complotto, gli interessi dei poteri occulti, e si organizzano di conseguenza per discreditare non solo lei ma anche tutte le sue azioni.

Temo che si debba cominciare da qui, ovvero dal riconoscere che ci sono persone che demonizzano movimenti come quello iniziato da Greta Thunberg, facendo così il gioco degli stessi “poteri occulti” che criticano e temono: perché è impossibile non essere d’accordo sul fatto che bisogna abbattere l’utilizzo delle fonti energetiche non rinnovabili. Quindi: perché affermare che è un complotto?

I politici che si oppongono a queste azioni sono sempre al servizio delle grandi aziende che non sono pronte a rinunciare ai loro profitti, nonostante abbiano avute decenni per prepararsi. Il fatto che il petrolio sarebbe terminato, prima o poi, lo sapevamo già negli anni 70.

Valore e valenza del profitto

Ed è qui che c’è l’intersezione tra la questione dell’emergenza climatica e quella del cambiamento di paradigma a livello di condizioni lavorative.

La parola chiave è profitto: in un sistema, quello attuale, esso è massimizzato e concentrato nelle mani di pochi; nel sistema verso il quale dobbiamo andare, esso è ridistribuito su tutta la società e, soprattutto, non è lo scopo ultimo, ma solo un mezzo per il fine più nobile: quello di garantire benessere a ogni essere umano sulla Terra.

Noi che siamo relativamente in basso nella gerarchia decisionale abbiamo però un potere importante: i numeri sono dalla nostra parte. Le masse, chiamiamole così, sono le vittime del sistema ma anche il suo principale motore.

Sta a noi, nel nostro quotidiano, contribuire al cambiamento di paradigma in azienda. E ci sono diversi modi di farlo, a mio avviso:

  1. Sollevare le questioni etiche con colleghi e superiori, anche quando sono scomode: porsi le domande è il primo livello di difesa contro gli abusi.
  2. Rifiutarsi di lavorare per le aziende che massimizzano il profitto (lo so, più facile a dirsi che a farsi, quando hai un mutuo e una famiglia da mantenere; quindi vedi il punto 3).
  3. Rifiutarsi di acquistare prodotti e servizi delle aziende che massimizzano il profitto a scapito dell’ambiente e delle persone.
  4. Cercare di applicare il principio del bene comune anche nella nostra vita di tutti i giorni, e non solo con i famigliari, ma anche con le persone che sentiamo diverse e lontane.
  5. Crederci sempre: credere nel cambiamento che verrà e credere in noi stessi come parte importante di questo cambiamento.

Tutti per uno, uno per tutti

L’aspetto sensibile di questo discorso è che, sebbene si tratti di un apparente confronto tra parti, dobbiamo cercare noi per primi di pensare al bene comune. E nel bene comune ci sono anche quelle aziende e quelle modalità che combattiamo.

È uno dei motivi per cui, personalmente, ho sempre guardato con sospetto ai sindacati, che in teoria, sulla carta, dovrebbero avere un ruolo importante. Invece finiscono col diventare organizzazioni il cui scopo è quello di promuovere gli interessi di una sola classe, mentre dobbiamo ragionare in maniera “mescolata”: tutti dobbiamo collaborare per un reciproco vantaggio, padroni e operai, politici e cittadini, governi e aziende.

Sembra una visione rivoluzionaria della vita, eppure è comprensibile anche per chi è un sostenitore agguerrito del sistema economico attuale: in fondo, l’idea è sostituire il profitto di pochi con il profitto per tutti.

Il nocciolo della questione potrebbe proprio essere che il sistema capitalista in cui viviamo è imperfetto e non è implementato come invece dovrebbe. Alla fine, forse avere ragione Gilbert K. Chesterton, che diceva che “troppo capitalismo non significa troppi capitalisti, ma troppo pochi capitalisti”.

HR | Digital Transformation | Change Management | Co-Founder Purple&People. Negli ultimi 15 anni ha rivestito ruoli manageriali nell’ambito delle risorse umane, a 360°, lavorando in grandi aziende americane, in multinazionali francesi e in organizzazioni parastatali svizzere. Il suo focus personale si concentra soprattutto sulla digital transformation, la gestione del cambiamento, le relazioni con gli stakeholders e lo sviluppo dei talenti. Ha il pallino per le questioni di genere e il diversity management, con una fastidiosa tendenza a voler sperimentare in prima persona le innovazioni e i modelli organizzativi radicali.

Crescere

Prenditi cura del tuo futuro e il passato si adeguerà

L’importanza di porsi un obiettivo: noi siamo le nostre memorie e, senza queste, non siamo nulla. L’unico problema è che quello che decidiamo di ricordare dipende da quello che, di volta in volta, decidiamo di diventare.

Pubblicato

il

Il futuro che desideri determina quello che fai nel presente, quello che fai nel presente dà un senso al passato che hai vissuto.

Se in futuro tu volessi vivere a Berlino, oggi studierai tedesco. Se oggi studi tedesco, il tempo che hai passato a studiare il latino al liceo non è stato completamente sprecato. Se, invece, in futuro tu volessi andare a vivere a Shanghai, oggi studierai Cinese. Se oggi studi cinese, il tempo che hai passato a fare un lavoro che non ti piaceva è stato utile a farti guadagnare i soldi per realizzare il tuo sogno.

È così che funziona il nostro cervello. Nulla è per sempre. Quando studiavi latino ti sembrava di perdere il tuo tempo. Oggi che hai deciso che in futuro vivrai a Berlino e quindi studi il tedesco, aver preso confidenza con declinazioni e coniugazioni ti avvantaggia. Prima studiare latino “è” una perdita di tempo, poi studiare latino “è” un investimento per il tuo futuro. La realtà cambia, pur rimanendo sempre se stessa.

Tutto quello che è stato si adegua costantemente a quello che vogliamo che sia. Le connessioni tra le cellule cerebrali si creano e si distruggono, si potenziano e si indeboliscono. Costantemente e sempre. La relazione tra le singole memorie e quindi il valore relativo di ogni memoria cambia a ritmo continuo, di attimo in attimo, di ora in ora, di giorno in giorno.
Il valore assoluto delle memorie acquisite è raramente rilevante.

Alla luce di tutto ciò, l’unica cosa che conta realmente è l’obiettivo che desideri raggiungere. La meta verso la quale dirigi il timone della tua nave. Se cambi la meta, cambi anche la direzione del tuo timone; se cambi la direzione del timone, cambi anche la direzione da cui provieni.

Tutto il tempo che passi nel tentativo di dare un senso al tuo passato è tempo sprecato. L’unica cosa che dovresti fare realmente è prenderti cura del tuo obiettivo. Il passato si adeguerà. Ugualmente il tempo che passi a definire cosa sarebbe meglio fare adesso è anch’esso tempo sprecato. Il presente non è mai né buono né cattivo, né giusto né sbagliato. È solo funzionale o disfunzionale rispetto al futuro che desideri. L’unica cosa che dovresti fare è prenderti cura del tuo futuro.

La domanda che dovresti farti non è “Chi sei?”, ma “Chi vorrai essere?”.

Tuttavia, a questo punto qualcuno potrebbe domandare: “Se la cosa più importante è domandarsi quale sia il nostro obiettivo (il futuro), perché questo determinerà cosa è utile che noi facciamo (il presente) e darà valore a quello che abbiamo fatto (il passato), è al tempo stesso sufficiente per garantire che il futuro desiderato si realizzi?”.

Naturalmente la risposta è… no! Desiderare non basta, perché un certo futuro sarà il nostro futuro solo se un certo presente sarà il nostro presente e al tempo stesso il nostro presente è il nostro presente, solo se un certo passato è stato il nostro passato.

Il futuro determina il presente e il presente il passato. Ma al tempo stesso il presente determina il futuro e il passato determina il presente. Quindi il passato determina il futuro. Se ho studiato norvegese in passato, parlo norvegese nel presente e desidererò vivere in Norvegia in futuro.

Quindi il passato determina il futuro, tanto quanto il futuro determina il passato. Entrambe le affermazioni sono vere.

E quindi cosa dovrebbe fare una persona quando si sveglia al mattino? Impegnarsi a essere quello che vuole diventare o accettare di essere quello che è stato? Non si può che essere se stessi e al tempo stesso si è quello che si vuole diventare. Un gioco costante tra ieri e domani, domani e ieri.

Le moderne neuroscienze ci suggeriscono che questi due processi avvengono in noi costantemente. Ci comportiamo come abbiamo imparato a comportarci e al tempo stesso ci comportiamo come vogliamo imparare a comportarci. Perché nelle nostra mente è inscritto tutto quello che abbiamo fatto per come vogliamo di giorno in giorno ricordarlo.

Noi siamo le nostre memorie e, senza queste, non siamo nulla.

L’unico problema è che quello che decidiamo di ricordare

dipende da quello che di volta in volta decidiamo di diventare.

 

Continua a leggere

In primo piano

Stereotipi di genere: ne soffrono anche gli uomini

Anche gli uomini sono vittime di stereotipi che li costringono in modelli prestabiliti, sulla base di uno standard maschile molto rigido. Alcuni di questi sono talmente radicati da sembrare semplicemente… naturali.

Pubblicato

il

Anche gli uomini sono vittime di stereotipi che li costringono in modelli che non sono solo vecchi, ma falsi.
Come sempre, non per tutti, non in tutti i contesti ma, signori uomini: pensateci un attimo e ditemi se non siete stati vittime, almeno una volta, di uno o più di questi pregiudizi.

Impara presto a nascondere le emozioni

Un vero uomo non piange; almeno non in pubblico.
Non puoi piangere né per dolore, né per gioia, né per rabbia. Non puoi e basta.
E se da bambino, dopo i cinque anni, non hai ancora imparato a controllare queste emozioni, allora ti insegnano a farlo spiegandoti che è “da femmina”.

Se abbracci un uomo, devi appena sfiorarlo o toccarlo come un gladiatore che misuri la massa muscolare dell’avversario.
Movimenti rigidi e possenti pacche sulle spalle, perché nessuno pensi che tu sia omosessuale; caratteristica grave tanto quanto l’essere femmina; per alcuni, peggiore.

Impara a vincere

Devi essere il primo, sempre. La competizione è nel tuo DNA.
Fai squadra, purché tu ne sia il capitano.
Se non ci riesci, fai squadra e conquista il capitano. Vice è sempre meglio di niente.
Se proprio non hai la stoffa, fai squadra e nasconditi dietro le spalle dei maschi “alfa”.
Si dice che, in un medesimo contesto, gli uomini fanno squadra e le donne si fanno la guerra.
Spesso è vero, ma raramente le squadre maschili sono tra pari: le gerarchie e i ruoli sono rigidamente definiti; e chi non si adegua, è fuori.

Lavora e… basta

Se sei un uomo, puoi tranquillamente restare in ufficio fino a tarda sera. Tanto non hai nient’altro da fare.
Cioè: non hai affetti, interessi, desideri che non siano ascrivibili al tuo lavoro.
Come se fuori da quello spazio ci fosse il vuoto cosmico.

Se una donna non lavora e si occupa di casa e famiglia è una casalinga; per un uomo non c’è una parola che lo possa definire.
Perché, semplicemente, non è concepibile.

Il padre all’inizio non serve

L’inizio è l’inizio della vita, o l’ingresso nella famiglia adottiva di un figlio o di una figlia; cui il padre non può assistere e partecipare.
In Italia, attualmente, un uomo ha diritto a cinque giorni consecutivi di congedo per paternità nell’anno della nascita o dell’ingresso in famiglia. E poi un giorno all’anno.
Tanto c’è la madre: il padre non serve.

Dal punto di vista pratico può, in parte, essere vero (ma se la madre non allatta, il castello crolla); ma dal punto di vista relazionale?
In quale momento il padre diventa importante?
Secondo questa logica, mai. I congedi non aumentano al crescere della prole.

Come fa un padre a costruire il rapporto con suo figlio o sua figlia se non può dedicare tempo di qualità?
E se decidi di sospendere per un periodo il lavoro per dedicarti ai tuoi figli, perdi anche il titolo di papà, e diventi un “mammo”.

Devi essere maschio

Quindi, anzitutto, ti devono piacere le donne; altrimenti smetti di essere un uomo e diventi, per dirlo alla napoletana, un femminiello.
E poi devi essere fisicamente forte e con una buona manualità.
Meglio il calcio che la danza; meglio un libro di guerra che di poesie; meglio la passione per i motori che per i tessuti d’arredo.

Se ti piace cucinare, fai in modo di diventare uno chef, oppure tienitelo per te.
Se non sei un pescatore, dimentica il ricamo e i lavori a maglia.
E se proprio non puoi fare a meno di essere omosessuale, cerca almeno di essere discreto.

Sii l’eroe

Devi trasferire forza, protezione, guida.
Non puoi mostrare paura o titubanza.
Se non riesci a farne a meno, affidati ad un altro uomo: non puoi farti proteggere o guidare da una donna.

Fatemelo dire: un inferno, pari al nostro, per tutti quegli uomini che vogliono sentirsi liberi di esprimere le proprie sensibilità; che coltivano molteplici interessi; che vogliono tempo e presenza per gli affetti.

Ne conosco molti; la maggior parte dei quali hanno optato per professioni liberali, proprio per non cadere in certi circoli viziosi.
Conosco padri che sono velocisti da guinness nel cambio dei pannolini.
Conosco uomini che hanno sacrificato la propria carriera per favorire quella della partner.
Conosco uomini talmente forti da piangere serenamente in pubblico e sciogliersi in abbracci dolcissimi con i propri amici.

Facciamo che siano loro i modelli per i nostri bambini.

Continua a leggere

Treding