Connect with us

Ciò che speri ti porti l’anno nuovo…era qui ed ora

Mancano ore. Sgoccioli di fine anno. Una candela, che si sta consumando, verrà rimpiazzata e poi toccherà ancora a lei sciogliersi sino alla fine. Fantastico meravigliarsi per un processo che va avanti da miliardi di anni! Come se strabuzzassimo gli occhi, e forse dovremmo farlo, quando dopo la mattina cala la sera, e poi quando sorge ancora il sole.

Pubblicato

il

Mancano ore. Sgoccioli di fine anno. Una candela, che si sta consumando, verrà rimpiazzata e poi toccherà ancora a lei sciogliersi sino alla fine. Fantastico meravigliarsi per un processo che va avanti da miliardi di anni! Come se strabuzzassimo gli occhi, e forse dovremmo farlo, quando dopo la mattina cala la sera, e poi quando sorge ancora il sole.

Ma non è questo il punto. Siamo umani e ci piace sognare, guardare avanti come se fosse lì tutto ciò che stiamo cercando. Credere che un tic di orologio sia un nuovo inizio e non credere che basti invece una parola, una decisione, per fare altrettanto ed in modo più efficace.

Ecco, forse è proprio questo il punto.

Il punto è che la maggior parte di noi sono bambini che hanno scartato tutti i regali e se ne sono dimenticati uno ai piedi dell’albero. C’è il nostro nome sopra, è incartato e bello come gli altri ma lo abbiamo lasciato lì.

E la cosa fantastica è che per quanto abbiamo ricevuto e scartato tanti regali, siamo ancora insoddisfatti per non aver avuto proprio quella cosa lì…quella cosa che è in un pacchetto che abbiamo abbandonato, che non abbiamo visto o che abbiamo finto di non vedere.

Ai piedi dell’albero, proprio accanto a noi c’è un pacchetto. Dentro c’è tutto ciò che vorremmo nell’anno nuovo, non appena scoccherà la mezzanotte. Ciò che vorremmo ed avevamo già.

Cosa c’è nel pacchetto?

Nel pacchetto ci sono tutte le opportunità delle quali abbiamo bisogno e le quali continuiamo ad invocare, reclamare, desiderare.

Il problema è che non lo vediamo perché davanti ci abbiamo messo mille mila problemi che non esistono. Seghe mentali create a regola d’arte o che altri continuano a rafforzare con titoli ad effetto ed altri nomi strani.

Il pacchetto c’è ed è lì ma non si vede. Oscurato da parole come CRISI.

 Apri il pacchetto

In realtà la storia è diversa. Il futuro ed il Presente è vergognosamente abbondante.

Mentre le cattive notizie, il pessimismo, la tendenza a vedere tutto sporco e nero, dilaga, abbiamo prove sufficienti per credere il contrario.

Come, tra gli altri, sta portando avanti Hans Rosling con gapminder.org. Queste ad esempio sono “le migliori statistiche mai viste”, tutto dento il famoso pacchetto lasciato in disparte.

Ma senza pensare “globale”, volendo insomma guardare al concreto, al nostro orticello, ci sono altri validi argomenti per pensare e credere che Futuro e Presente siano abbondanti – come sostiene Steven Kotler in “Abbondanza. Il futuro è migliore di quanto pensiate”

Abbondante di cosa?

C’è un passaggio che la maggior parte delle persone che ha letto il libro ha sottolineato, l’ho fatto anche io e vale la pena dircelo a turno e di continuo.

L’abbondanza non è data dal possedere una mercedes o un conto in banca sostanzioso, dall’avere un lavoro figo, sicuro o che paga bene. Non riguarda per nulla il possesso di cose ed oggetti.

Non riguarda avere ma potere.

Il futuro è abbondante perché viviamo nel miglior momento della storia per aspirare a qualcosa di Grande. Perché “potenzialmente” (che qui è inteso in senso letterale e non come presa per il culo!) possiamo.

Mi tornano in mente le parole di Bill Gates nel lontano 1996 (Content is King): con una connessione ed un portatile tutti potranno diventare editori. Quelle parole, “quell’editori”, viene spesso confinato al settore della nuova editoria, ai blogger, agli smanettoni, al Content Marketing. Ma c’è di più, moltissimo di più.

La possibilità di avere informazioni, di cercarsele, filtrarle, in modo autonomo, su qualsiasi cosa, è un’arma più potente di quanto abbiano mai avuto i nostri predecessori.

Ci distacca dal passato così come il fuoco ha fatto migliaia di anni fa con i nostri avi. Ci eleva, ci può/deve fare evolvere ad uno stadio successivo.

E le informazioni portano nuove idee ed ancora più libertà, più Grandezza.

Perché allora si parla di crisi? Perché nessuno vede il pacchetto?

Molto semplicemente tutti i problemi di cui si sente parlare (lavoro, pochi soldi, vita di m.) sono dati dal vivere un periodo straordinario ma nuovo; dal vivere la Svolta con idee e strumenti tipici della rivoluzione industriale.

C’è un sacco di gente là fuori che continua a barattare il proprio tempo (ancora la risorsa più preziosa) con pochi o tanti soldi. E barattare il salario (senti come suona vecchia la parola?) con oggetti ed apparente sicurezza.

C’è un sacco di gente là fuori che invece ha obiettivi più grandi, che vive una vita significativa, facendo ogni giorno cose significative. Chi sta davvero cambiando il mondo, chi un settore, chi lotta contro i problemi del pianeta, chi semplicemente sta inseguendo un sogno personale.

Il punto importante da capire è che non conta quando ci arrivi e forse nemmeno se ci arrivi. La nuova piramide dei bisogni (lasciamo riposare in pace Maslow!) vede in cima scopo ed aspirazioni e le persone felici di sfidarsi (in proprio ma anche collaborando) per raggiungere il traguardo.

Cosa vorresti nell’anno nuovo?

Semplificando ci sono solo due tipi di persone:

Quelli talmente ciechi da aspettarsi qualcosa di buono (un lavoro, soldi, una casa nuova vinta alla lotteria…)

Quelli più smaliziati che non chiedono cose ma l’opportunità per realizzarle

Per i primi probabilmente l’anno nuovo non porterà niente di buono.

Per i secondi: sveglia! Le opportunità ci sono già.

Scarta il pacchetto. 

Scrittore semplice | Co-Founder Purple&People | Papà di Nicolò, Giorgia, Quattro (Schnauzer) e Pixel in crisi (libro) Aiuto le persone a trovare-raccontare-vivere il proprio scopo. Qualcuno parlerebbe di Personal Branding ma preferisco dire “Posizionamento personale”. (Perché non riguarda affatto solo il tuo lavoro e perché l’obiettivo è vivere pienamente e non essere scelti da uno scaffale.)

In primo piano

Alexa mon amour (o la voce del progresso digitale)

Siamo veramente arrivati al punto che preferiamo l’efficienza di una macchina piuttosto che l’errore umano?Sicuramente non siamo ancora all’innamoramento dell’uomo sulla macchina, o forse sì?

Pubblicato

il

È da poco uscita la nuova generazione di prodotti Echo di Amazon, con una versione di Alexa sempre più integrata e realizzata apposta per il mercato italiano.

Parliamo naturalmente dell’assistente virtuale dell’azienda di Jeff Bezos, che fa parte dell’affollata famiglia delle varie Siri (Apple), Cortana (Microsoft), Google Now, AliGenie (Alibaba) e Bixby (Samsung).

L’utilizzo del dispositivo è semplice: tu chiedi e lui (lei) risponde, reagendo a ogni tipo di richiesta (fino a 40’000 diverse abilità, a credere al produttore).

È lecito domandarci: siamo veramente così impegnati nella nostra vita da aver bisogno di un’assistente che svolga per noi piccoli lavoretti come creare un promemoria, una nota, mettere su una canzone o svegliarci alla tal ora? Sono infatti queste le tipiche mansioni che gli 8,2 milioni di consumatori che hanno acquistato un prodotto Echo chiedono ad Alexa più spesso.

Di nuovo: siamo veramente arrivati al punto che preferiamo l’efficienza di una macchina piuttosto che l’errore umano?
Pensando a questa situazione mi viene in mente il film Lei di Spike Jonze (2014), in cui, in un futuro non troppo distante, il protagonista, interpretato da Joaquin Phoenix, si innamora perdutamente della sua assistente virtuale.

Fantascienza, finzione o profezia? Sicuramente non siamo ancora all’innamoramento dell’uomo sulla macchina, o forse sì?
L’azienda nipponica Gatebox afferma di aver celebrato in Giappone più di 3’700 matrimoni “cross-dimensionali”, ovvero tra un essere umano e Hatsune Miku, una famosa popstar che ha due piccole peculiarità: ha solo sedici anni ed è… un ologramma.

A ben pensarci, la situazione attuale è quasi un paradosso: non parliamo con i nostri coetanei ma ci rivolgiamo ad un computer.
Facciamo fatica ad alzare lo sguardo quando qualcuno ci chiede qualcosa ma chiediamo ad un software ogni tipo di informazione. In alcuni casi, estremi, godiamo della compagnia di una proiezione tridimensionale che ci augura la buona notte e che spegne le luci.

L’utilizzo della nuova tecnologia è indubbiamente una comodità, un modo per agevolare certi nostri bisogni, tuttavia lasciamo che la macchina faccia il suo lavoro e noi cerchiamo di goderci i piccoli momenti della nostra vita con le persone che ci accompagnano nel quotidiano, con i nostri cari, soprattutto con i nostri bimbi. Insomma cerchiamo di restare umani.

Non perdiamo le relazioni fisiche, non perdiamo la birra con i nostri, amici lasciando il posto alle chat di gruppo.

Non permettiamo che sia un computer a decidere le “persone che potresti conoscere” e lasciamo che l’algoritmo svolga il suo lavoro, ma ogni tanto chiudiamo quel monitor, blocchiamo quello schermo e guardiamo la realtà delle cose, con i nostri occhi.

Continua a leggere

Crescere

Quella volta che mi hanno licenziata (per fortuna)

Il giorno in cui è capitato non avrei mai pensato di dirlo, ma sì, la cosa migliore che mi sia capitata durante la carriera lavorativa è essere licenziata.

Pubblicato

il

Il giorno in cui è capitato non avrei mai pensato di dirlo, ma sì, la cosa migliore che mi sia capitata durante la carriera lavorativa è essere licenziata.

Ricordo ancora quel giorno: dopo il week end passato sul set faccio la copy, stavamo girando la pubblicità di un detergente intimo – rientro in agenzia al mattino.

Lavoro un’oretta, le solite cose: mail da smazzare, telefonate coi fornitori, settimana da pianificare, in attesa dell’ok per registrare l’audio del nuovo spot.

Poi i capi mi chiamano in sala riunione.

“Puoi venire? Dobbiamo parlarti”.

Mi si sono seduti entrambi di fronte e mi hanno semplicemente detto che l’internazionale di cui facciamo parte ha deciso di imporre dei tagli al personale e hanno deciso di licenziare me.

Senza nessun “ci dispiace”, senza altro. Nessuna avvisaglia i giorni prima… e poi una doccia gelata di spilli, una vertigine che ti fa domandare dove sarai domani. Il tuo posto non esiste più. Tu non servi più.

La prima cosa che pensi è che sarai povera. Non scherzo: pensi subito che non ti potrai permettere più nulla, dovrai correre ai ripari, che devi subito tagliare il tagliabile.

Pensi: “E le bollette?”

Poi c’è stata la rabbia: cominci a contare le ore di straordinario non retribuite, a pensare a quello che hai fatto, a quanto non ne sia valsa la pena, al fatto che hai fatto tanto per la società che ora ti ripaga mettendoti alla porta, tu e le tue domeniche lavorative e le notti non retribuite. Il tempo tolto a chi ami per sentirsi dire “sei licenziata”.

Ti trovi a dare ragione a chi ti diceva di smetterla di lavorare così tanto. Che tanto non stavi salvando la vita a nessuno: inutile.

Lo smarrimento è durato qualche giorno: il tempo di sentire un avvocato, mettere in pista la causa per il licenziamento, prendere le mie cose e covare il giusto risentimento verso i capi che, per fortuna loro, non ho più incontrato. In quel periodo mi sono presa le ferie più belle della vita: quelle senza meta, che si decidono di giorno in giorno e con un grande salto nel vuoto al rientro.

Non sapevo cosa avrei fatto, poi ci ha pensato il talento.

Si, devo comunque dire grazie a quegli anni di attività a testa bassa perché la gente ha apprezzato quello che ho fatto.

Hanno cominciato a chiamarmi: sentito che mi avevano licenziata, hanno cominciato a cercarmi per passarmi dei lavori a tempo.

Così ho fatto, la voce si è sparsa, e incredibilmente da dieci anni a questa parte lavoro.

Alla fine fare il freelance è questo: non avere certezze di quello che farai domani.

Abituata al “non lo so”.

Sicuramente ci sono liberi professionisti più abili di me nel riuscire a pianificare con una certa stabilità il loro futuro. Io no. Non chiedetemi per chi lavorerò domani perché non lo so. E cosa incredibile che continuo a ripromettermi da dieci anno a questa parte è che appena avrò tempo scriverò un libro. Appena mi libererò da quella consegna, appena fatta quella telefonata, appena sfangata quella presentazione, mi rimetterò a scrivere.

E da un lavoro ne scaturisce un altro, un tuo cliente parla bene di te a un suo contatto ed eccoci qui, dopo 10 anni, a poter dire con certezza che non tornerei mai indietro.

Le notti che faccio le faccio per me perché io ho deciso che quello che devo fare è tanto urgente da meritarsi una notte insonne.

Sono io che decido quando prendermi dei giorni di libertà – il lavoro di freelance è fatto anche di questo: sapere quando è il momento di concedersi un pomeriggio libero per fare quello che vuoi.

Mi hanno proposto più volte di tornare a fare la dipendente, ma la libertà che provi nel lavorare da sola è troppo piacevole per rinunciare a favore della stabilità.

Ho fatto pace coi miei dubbi.

Lavorerò tutta la vita? Resterò abbastanza aggiornata e in gamba da essere una professionista affermata anche quando sarà arrivata l’età della pensione?

Potrò permettermi di continuare a fare un lavoro creativo anche da anziana?

Non lo so. Questi 10 anni sono volati. E non mi sono pesati.

Però la mia dolce vendetta me la sono presa: ho scritto un libro – che reputo un lavoro minore – dedicato al mondo della pubblicità. Mi sono tolta un po’ di sassolini dalla scarpa. Non ho fatto nomi, ma chi doveva sapere, ora sa, e conosce i retroscena. È stato il mio modo di salutare la vita da dipendete in favore di questa, più instabile, ma decisamente più gratificante.

Voi come avete reagito al licenziamento? Alla fine si è rivelata un’esperienza positiva?

Continua a leggere

Trending

Purpletude è l'attitudine a pensare in modo diverso. E provare a fare qualcosa di diverso. Sei dei nostri?

Condividi
Tweet
Condividi