Connect with us

Digital

Se le orecchie di coniglio sono meglio delle occhiaie…

Pubblicato

il

C’è qualcosa di più preoccupante del bullismo del quale si è parlato in seguito allo spot di Banca Intesa. E viene fuori con altri due video apparsi da poche ore. È un mix di ignoranza, equivoci e paura.

L’ignoranza delle dinamiche della rete

Troppo spesso si arriva a conclusioni superficiali, si perde tempo a decidere se questo mondo on line sia buono o cattivo. Domanda stupida. La possibilità di comunicare on line ha permesso a tutti di dire la propria, di raccontarsi, di spiccare senza raccomandazioni e senza chiedere il permesso.

Avvicina le persone ma a patto che si cerchi davvero il contatto e non l’applauso.

Di contro, e mi sembra talmente inutile ripeterlo, è un’incredibile amplificatore. Specie se si tratta di cose brutte, o ridicole.

Per mesi si è scherzato sul video di una ragazza finito per incoscienza (e/o dolo) in rete. Quella ragazza si chiamava Tiziana Cantone ed è morta. Morta molto tempo prima che scegliesse di togliersi la vita. E di questi casi ne abbiamo visti troppi per continuare ad ignorare il pericolo. Non della rete ma di non usare testa e prudenza al tempo della rete.

Clamorosi scivoloni, come ad esempio l’ultimo di Carpisa, o quelli di Barilla a proposito delle famiglie normali o non normali, insegnano che per spiccare per merito ci vuole il tempo di sempre, nel male basta un attimo.

L’equivoco

L’equivoco che si debba far ridere la gente per comunicare on line, che sia una gara cabarettistica.

Persone che rinunciano alla propria dignità per sentire un applauso tecnologico, per sentirsi importanti o qualcosa o parte di qualcosa.

Ci sono tantissimi casi meno noti ma altrettanto tristi e pericolosi. “Saluta Antonio” in questo momento mi sembra uno dei punti più bassi. Altri preferisco tacerli sin quando non sono così noti.

E la cosa incredibile è che non sia solo un gioco da ragazzi ma finiscano per crederci anche aziende e professionisti.

Un altro video (secondo HuffPOst confermato da Banca Intesa) spiega bene il concetto.

[responsive_video type=’youtube’ hide_related=’1′ hide_logo=’1′ hide_controls=’0′ hide_title=’1′ hide_fullscreen=’0′ autoplay=’0′]https://youtu.be/0VBJpEIylVw[/responsive_video]

Il mezzo più vecchio di sempre per ottenere attenzione: rendersi ridicoli. Ma davvero siamo a questo punto? Alle soglie del 2018 ridotti tutti a buffoni di corte?

Tristezza.

Ma l’equivoco è anche quello di comunicare dal palco, di credere che bisogna essere persuasori, e bravi, e maghi della telecamera. Che ci voglia la dizione perfetta ed il sorriso smagliante. Che la comunicazione, il comunicare sia tutto sul mezzo e meno sul messaggio.

E qui mi vengono in mente ancora i poveri cristi di banca intesa messi alla gogna. E non perché da dilettanti si sono cimentati in un video che finiva on line ma perché hanno provato a scimmiottare i professionisti.

O meglio, e questo è il problema di ogni storia, perché qualcuno gli ha inculcato che bisogna recitare un copione.

Io stento a credere che la signora Katia se la incontri in banca ti parla in quel modo. O che tutti insieme non facciano un cervello come è sembrato.

Immagino siano persone normali, mediamente interessanti come tutti. Penso che si fossero presentati con qualche tic nervoso, con la lingua che si inceppa come è normale quando non sei abituato, se avessero parlato come quando sono dietro allo sportello, sarebbe andata meglio. Quasi bene.

Il problema è che questo apparire invincibili ci sta distruggendo. Porta ad esserci la parte meno coinvolgente di noi. Allontana, ci allontana l’uno dall’altro.

Se le orecchie di coniglio sono meglio delle occhiaie…

E poi c’è una verità che fingiamo di non vedere, forse la risposta al punto precedente.

Abbiamo così paura del giudizio delle persone che preferiamo ci si dia del “pazzo”, si rida di noi perché “buffi” anziché mettere in mostra ciò che siamo davvero.

Mi viene da pensare a Snapchat o agli effetti di Instagram utilizzati per le storie, o altri artifici tecnologici che si possono usare per indossare una maschera e nascondersi.

Paradossale. Abbiamo un tremendo bisogno di farci vedere ma non ci vogliamo mostrare.

La paura di mostrarsi umani e fragili. Il motivo per il quale viene facile vestirsi in maschera ma si ha paura di mostrare un look originale.

Per il quale si considera trendy apparire in video con orecchie da coniglio ma ci si sente a disagio nel mostrare normalissime occhiaie.

Huffpost ha scritto “Cosa c’è dietro questo video per cui tutti state ridendo…”

Guardando cosa c’è dietro, pensandoci bene, non c’è affatto da ridere. Prendendo una frase da un passato che appare lontanissimo: non ci resta che piangere.

#ionocistoperniente

Scrittore semplice | Autore di "Pixel in crisi" | Co-Founder Purple&People. È il tizio che parla in modo semplice di cose semplici, e crede non ci sia niente di più straordinario. Ama la virgola seguita dalla e, i cani, il calcio, e soprattutto i suoi bambini. Scrive tutti i giorni da oltre due anni, buona parte delle sue idee le puoi leggere su questo blog.

Continua a leggere

Career

Personal branding? Ogni tanto basta l’essenziale

Il personal branding, per quasi tutti, si crea nella vita di tutti i giorni, dal vivo, e si diffonde e riporta nel mondo on line. I social sono l’amplificatore, non il luogo dove si può creare ad hoc. A meno che tu non faccia qualcosa di strettamente attinente al mondo digitale.

Pubblicato

il

Tra le tante parole inglesi che sono entrate nel nostro linguaggio comune, personal branding è quella alla quale sono più legato.
Perché significa qualcosa di buono. Per come l’aveva spiegata Tom Peters almeno.
La possibilità di fare qualcosa di più. Di valorizzarsi più di sperare che qualcuno si accorga di noi. E la responsabilità, la responsabilità nostra che ciò succeda o meno. Con le parole di Tom… in parte è una buona notizia.

Di cattive notizie, controindicazioni, ce ne sono diverse.
Innanzitutto, il Personal Branding è inevitabile, dobbiamo tutti farci i conti.
Poi c’è il grande rischio di non capire di cosa si tratti davvero. Di confonderlo con una riverniciata, una spruzzatina di colore qua e là, con un logo o una fantasiosa headline.

Ma il rischio più grande è pensare che sia la soluzione. La soluzione a tutto.

Il Personal branding, insomma e invece, potrebbe essere sopravvalutato

Gà qualche anno fa su Inc.com era apparsa una provocazione interessante di Jeff Haden.

Due curricula. Il primo mette in evidenza i network sociali e professionali della persona, quanti Mi piace ha ricevuto e quante visualizzazioni ha il suo blog — il tutto con un design elegante e colorato. Il secondo descrive semplicemente i risultati che la persona ha saputo raggiungere e in quale maniera l’azienda per cui lavorava ne ha beneficiato.
Quale profilo pensi sia più attrattivo?

Jeff crede che le aziende preferirebbero una persona che si impegna con il proprio team piuttosto che un marchio stellare.

Idea resa probabile anche dalle prime due soft skills richieste dai datori di lavoro: comunicazione e lavoro di squadra*.

* tali erano nel 2016, qui invece le pii richieste oggi e nelle prime 5 si esprime ancora senso per il discorso di Jeff.

Paradossalmente dunque creare una presenza abbagliante potrebbe non solo essere inutile ma persino dannosa.
Più sinceramente penso il rischio più probabile possa essere un altro: perdere focus.

Ci ragionavo l’altro giorno proprio su LinkedIn: trovare “lavoro” (inteso anche come clienti) non è il tuo lavoro.
Impiegare un tempo esagerato, e studio, e soldi, per padroneggiare social, marketing, per creare un personal branding da urlo, da una parte può sbloccare molte opportunità. Dall’altra toglie tempo a quelle attività fondamentali, come formazione, studio, esecuzione, che possono posizionarti davvero in alto nel tuo settore.

Ciò che ho detto può sembrare paradossale ma non lo è. Si tratta invece di un equivoco.

Il personal branding, per quasi tutti, si crea nella vita di tutti i giorni, dal vivo, e si diffonde e riporta nel mondo on line.
I social sono l’amplificatore, non il luogo dove si può creare ad hoc.
A meno che tu non faccia qualcosa di strettamente attinente al mondo digitale.

In altre parole, è ciò che diceva Seth ne La Mucca Viola: creare un prodotto straordinario e non cercare di farlo diventare straordinario con la comunicazione.
Altro termine che spiega ancora meglio il concetto, anche nel nostro italiano, è Reputazione.

Una foto fatta bene su LinkedIn, un profilo superstar, contenuti che incollano le persone allo schermo, possono aumentare la tua esposizione del 1000%... ma a chi importa davvero?Click To Tweet

Fare bene il tuo lavoro, avere clienti che parlino bene di te ha invece un impatto.

Non dico che il Personal Branding non abbia alcun senso. Anzi. Però dipende.

Se sei uno scrittore che non vuole passare dall’editoria tradizionale, se sei un blogger da prima che nascesse il termine, se sei un digital qualcosa, allora il Personal Branding dovrebbe essere in cima alla lista.

Se stai cercando lavoro è probabile che sia più sensato uscire ed incontrare più persone possibili. (non lo dirò ma anche il calcetto è un’opzione migliore)

Se sei il CEO di un’azienda che fattura miliardi, il Personal Branding avviene quasi sempre in modo naturale.

Se la tua azienda non si regge in piedi, il Personal Branding è l’ultimo dei tuoi problemi.

In quasi tutti i casi, ciò che serve è un Minimum Personal Branding: un’immagine essenziale che racconti chi sei, cosa fai, dove stai andando.

Un’immagine chiara e non accecante.
Per non accecare soprattutto Te.

* questo articolo è apparso la prima volta su Linkiesta

Continua a leggere

Digital

Scrivi per chi è vicino non per chi non conosci nemmeno

“Più potente di raccontare dove stai andando, c’è raccontare dove state andando.”

Pubblicato

il

Scrivo tutti i giorni, migliaia di parole, da diversi anni. Alcune cose vanno on line, altre in una cartella giustamente nominata bozze, altre rimangono solo qualche minuto sul foglio bianco e poi le cancello via.

Per un certo periodo di tempo pensavo l’abitudine riguardasse soltanto l’arte della scrittura o l’impatto alla voce personal branding.

Poi ho capito che in gioco c’era molto di più e di più importante.

Ciò che ho capito è che scrivere ci rende persone migliori, o almeno è il tentativo di farlo. E che riguarda principalmente noi e chi ci sta vicino, non un pubblico che neanche conosciamo.

La cosa giusta per il motivo sbagliato

Quando ho iniziato a lavorare nel web ho pensato che scrivere si trattasse solo di marketing. Ed è il messaggio che la maggior parte delle persone ha compreso meglio; il che non è un bene.

Venditori, imprenditori, Ceo e simili sono tutti saliti sul carrozzone digitale condividendo idee di poco valore o create ad hoc con l’obiettivo di attrarre clienti.

Posizionarsi su Google o sul mercato sembra essere il motivo principale per cui prendersi del tempo. E i risultati che ne derivano (like, vendite, segnali di questo genere…) continuano ad essere giudici dello sforzo.

Gli abbiamo dato nomi diversi, da content marketing a storytelling, e ci siamo dimenticati il vero potere della scrittura: prendersi del tempo per riflettere e condividere il proprio viaggio con chi ci è vicino.

Un’altra conseguenza è che se scrivere viene visto come mezzo per il risultato, e questo genere di risultato, è qualcosa che non si addice alla maggioranza delle persone.

Se scrivi per ottenere un pubblico o posizionarti ci vuole del tempo, molto tempo, ed entrano in gioco troppe variabili. Non dico che non sia giusto o lecito aspettarsi risultati. Dico solo che c’è un risultato più grande e portata di mano.

A chi serve che tu scriva?

Puoi anche essere il più brillante degli imprenditori, un acuto pensatore, ma il web è influenzato da fattori diversi e spesso anche poco giusti.

“Mi leggono solo le persone dell’azienda…” l’ho sentito tante volte come frase di commiato, di abbandono del progetto. Come se fosse un risultato insoddisfacente e di poco conto.

E invece si tratta di questo. E se invece si trattasse di questo?

La responsabilità del viaggio e delle tue persone

Scrivere per me è oggi prendersi innanzitutto la responsabilità del viaggio. Sapere dove stai andando e perché stai continuando ad andare in una determinata direzione, anche se ci sono difficoltà. Cercare di capire quanto sono veri gli ostacoli e cosa farai per aggirarli o abbatterli. Avere sempre presente che si tratta del tuo viaggio e non quello di qualcun altro.

Puoi anche fermarti a riflettere su questo genere di cose ma di solito scriverlo funziona meglio. Togliendo parole e giri di parole, rileggendo e sistemando le virgole, resta quasi sempre ciò che è vero.

Responsabilità che di sicuro dovresti prenderti se nel tuo viaggio non sei solo e hai la responsabilità, più o meno formale, di altre persone.

Ripensare il “perché” e il “per chi”?

Perché

Il mio istruttore di scuola guida, ormai tanti anni fa, mi diceva due cose: guarda la strada e guarda lontano. Se non guardi la strada prima o poi sbatti. Se ti fermi a guardare sempre a destra e sinistra, quanti centimetri sei dalle auto parcheggiate, finisce che cammini come un idiota e investi comunque.

Allo stesso modo è scrivere.  Bisogna guardare la strada e guardare lontano.

Non troppo vicino per parlare sempre del tuo prodotto, abbastanza per rimanere concentrato sull’obiettivo, tanto da guardare in che direzione stai andando e cosa incontrerai.

Che poi è ciò che interessa alle tue persone. Loro non vogliono sapere cosa è successo oggi ma a cosa serve ciò che stanno facendo e dove li porterà.

Scrivere del tuo viaggio è renderle partecipi. Riflettere se le stai portando davvero nel posto giusto e cosa puoi fare per rendere il viaggio più entusiasmante.

Adesso può sembrare si tratti di discorsi complicati o astratti o filosofici (detto volgarmente) ma invece si tratta di farsi domande; abbastanza semplici quanto importanti.

Come quelle che si faceva Benjamin Franklin nel suo diario quotidiano: cosa dovrò fare oggi? Quanto bene ho fatto oggi?

Unire queste due domande con la direzione è il viaggio.

Per chi

Un viaggio che non stai compiendo da solo. E qui viene il secondo punto importante: scrivi per loro.

Oggi si parla continuamente di influencer marketing e qualcos’altro…ma è bene ricordare chi abbiamo davvero il potere di influenzare e chi ci interessa davvero influenzare.

Anziché scrivere per qualcuno che neanche conosci, sul quale non hai, almeno oggi, influenza, scrivi per coloro che ti sono accanto e che puoi davvero influenzare, positivamente.

Se ami dire che le tue persone sono l’elemento più importante della tua azienda, fa che sia davvero così.

E perché non stai facendo che sia davvero così?

Mezzo e forma vengono dopo

Altra cosa che penso sia tempo di dire è che nonostante abbiamo mille modi per condividere le nostre idee non significa che sia sempre giusto o obbligatorio usarli. O che il fatto di potere intercettare migliaia di persone non significa non sia più intelligente voler parlare con una dozzina.

Ciò che sto dicendo è che scrivere non riguarda per forza il web o i social o il blog.

Potrebbe essere una newsletter interna, una semplice mail, un foglietto distribuito in ufficio.

Le persone hanno bisogno di sapere dove stanno andando e cosa pensi non di un visual da urlo.

Non pensare eccessivamente neanche alla forma. Con un po’ di pratica è un aspetto che migliora naturalmente. Come ti senti e come fai sentire le persone è ciò che conta davvero.

Iniziare

Concludo per come avevo iniziato: ciò che ho capito è che scrivere ci rende persone migliori, o almeno è il tentativo di farlo. Riguarda principalmente noi e chi ci sta vicino, non un pubblico che neanche conosciamo.

Non riguarda parlare a una massa, creare un pubblico o ricevere un sacco di applausi. È una cosa più simile al tentativo di fare chiarezza sul nostro viaggio.

Perché “se accendi una lanterna per un altro, anche la tua strada ne sarà illuminata”.

Continua a leggere

Career

Smart Working: Ovunque, quando vuoi, e chi ha parlato di ufficio?

La cosa più facile da trovare su questo pianeta verde creato da Dio è qualcuno che ti dica tutto ciò che non puoi fare. Tipo come, quando e dove devi lavorare…

Pubblicato

il

La felicità è una cosa seria. Quando intrapresi quasi per gioco la ricerca della felicità non avrei mai immaginato dove mi avrebbe portato e neppure quanto di me avrei dovuto mettere in gioco per rendere l’avventura entusiasmante. Funziona in questo modo, per raggiungere la felicità la prima cosa da fare è scegliere di volerla e darti la grande libertà di essere una persona diversa da quella che sei ora. Non puoi pensare di rimanere lo stesso o di cambiare poche cose per diventare più felice. Dovrai per forza cercare di essere più autentico di quello che sei stato fino ad ora perché c’è un binomio imprescindibile, per essere felice devi essere autentico. L’autenticità è una chiave verso il miglior te di sempre.

É successo quindi che nel mio viaggio per diventare felice ho incontrato molte altre persone autentiche che a prima vista erano soltanto originali, per alcuni solo strane, ma che intimamente avevano trovato la loro felicità. Non spaventarti se quando sarai felice sarai anche molto diverso da oggi. E ricordati di avvertire le persone che stanno intorno a te di questa tua ricerca altrimenti si preoccuperanno della tua rinnovata autenticità. Personalmente ho scoperto una chiave di volta nella ricerca della felicità quando ho deciso di lavorare ovunque e in qualsiasi momento. L’avrai già letto in qualche articolo in lingua inglese il detto “work anytime, anywhere”. L’ho studiato e l’ho applicato.

C’era una volta l’ufficio anzi c’era il lavoro da casa

Il lavoro in ufficio è nato ai tempi della Galleria degli Uffizi a Firenze. Questo edificio era stato originariamente costruito come la centrale amministrativa dell’impero mercantile della famiglia dei Medici ed è stata la prima versione dei moderni uffici oltre che un segno di prestigio e di potere. Prima di allora la maggior parte delle persone lavorava da casa e non esistevano aziende, nel senso moderno del termine, per cui le persone dovevano prendere il proprio mezzo di trasporto e andare al lavoro. Il viaggio di andata e ritorno dal luogo di lavoro è diventato una necessità in tempi recenti.

Secondo recenti studi il tragitto casa-lavoro è una delle maggiori cause di infelicità nelle persone. Non ci vuole certo una ricerca accademica per capire che andare in ufficio nelle ore di punta a Milano o Roma è uno stress inutile. Il viaggio è ancora più inutile quando ti accorgi che durante la giornata in ufficio hai scambiato veramente poche parole con i tuoi colleghi perché la maggior parte del tuo lavoro è stata lavoro da scrivania.

Nonostante questa consapevolezza esistono tantissime persone che sono così abituate ad andare in ufficio che pensano sia l’unico modo per lavorare insieme. Eppure nella definizione di collaborare non c’è riferimento al fatto che le persone lavorino nello stesso luogo. La creazione di luoghi dove le persone lavoravano insieme ha creato una forte distinzione culturale tra l’ufficio, associato al lavoro, e la casa, associata alla comodità e all’intimità.

Nessun altro luogo è stato associato comunemente al lavoro da allora. Solo negli ultimi decenni ha cominciato a crescere l’idea di poter lavorare ovunque, grazie soprattutto al progresso tecnologico.

Quando prendi in considerazione la parola ovunque e la parola lavoro potresti domandarti se davvero puoi lavorare in qualsiasi luogo. La risposta è ovviamente si. Qualsiasi luogo con un collegamento alla rete internet va bene per lavorare.

Come Walter Mitty

Nel film “I sogni segreti di Walter Mitty” il fotografo che lavora per la rivista TIME non si è mai incontrato con Walter, il protagonista addetto allo sviluppo dei negativi, ma ha sempre spedito per posta tutto il materiale. Questa traccia potrebbe dimostrare che anche in assenza di un collegamento alla rete internet puoi lavorare ovunque, almeno per alcuni lavori. Certamente dipende dal lavoro che fai ma se il tuo lavoro è nel settore digitale allora la rete internet ti serve. Puoi quindi lavorare ovunque ma ovunque non ti dice dove. Sebbene la maggior parte delle persone che lavora ovunque lavora da casa sei sicuro che il miglior posto dove lavorare sia la tua casa? Qual è il luogo che ti renderebbe più felice per lavorare? Forse una spiaggia caraibica, forse una baita in montagna, forse quella città dove hai sempre sognato di vivere, forse l’umile paesino dove sei nato.

Il luogo è soggettivo, l’importante è scavare in profondità nel proprio io per trovare quel luogo autentico ripulito di tutte le convinzioni esterne di altre persone. Una spiaggia caraibica, ma sei matto? Una baita in montagna, ma come fai a vivere lì? Il mondo è pieno di chi ti dice cosa dovresti o non dovresti fare. Te l’ho detto che per essere felice devi essere il più autentico possibile ed essere autentico a volte comporta scelte fuori dagli schemi e impopolari. In queste scelte possono comunque essere incluse le persone più care in modo che nessuno venga reso infelice dalla ricerca della felicità.

Molte persone che lavorano da remoto e che ho conosciuto hanno fatto scelte sagge insieme alla loro famiglia e hanno quindi iniziato a lavorare ovunque in compagnia dei loro cari.

Un’altra caratteristica dell’ovunque è la dinamicità: ovunque non è per sempre.

Nel mondo lavorativo tradizionale quando decidi di cambiare lavoro e la nuova opportunità di lavoro si trova in un’altra città devi cambiare città. Spostarsi e traslocare le proprie cose è sempre molto stressante. Se lavorassi a ovunque traslocheresti solo quando sei tu a deciderlo perché il quel momento della tua vita senti il bisogno di cambiare luogo e cercare nuovi stimoli. A ovunque ci puoi stare quanto vuoi, così succede che potresti aver voglia di stare in montagna per qualche mese, da solo o con la tua famiglia. A ovunque potresti decidere di passare l’estate più lunga di sempre dai tempi della scuola nella tua località di mare preferita. A ovunque puoi lavorare come in qualsiasi altro posto senza alcuna limitazione. A ovunque potresti accorgerti di sentirti meglio perché quel luogo in verità ti è sempre piaciuto oppure potresti accorgerti di essere di buon umore ogni giorno che passa oppure potresti accorgerti di aver molto più tempo da dedicare a te stesso e agli altri. Com’è il detto, il tempo è denaro. Potresti accorgerti che il tempo è una variabile che influenza la tua felicità perché se non hai tempo per fare ciò che reputi importante ti senti ingabbiato, schiavo di chi o cosa ti sta rubando il tempo. Meditare sull’importanza del tempo potrebbe portarti alla consapevolezza raggiunta dal più furbo abitante di ovunque: il Sig. Quando Vuoi.

Working Holidays…

La cosa maggiormente apprezzata di ovunque è la possibilità di lavorare e di essere nel luogo ideale nello stesso momento. Gli anglosassoni hanno coniato il termine “working holidays” per tutti coloro che lavorano da remoto e di fatto lavorano e sono in vacanza nello stesso momento. Forse può sembrarti difficile da capire ma pensa per un attimo che ti piaccia stare al mare d’estate. Se non lavorassi a ovunque dovresti prendere la macchina non appena finito il lavoro per andare al mare oppure dovresti organizzare un viaggio per starci il fine settimana. Potresti anche scoprire che domenica prima del ritorno non hai proprio voglia di tornare in ufficio il lunedì mattina. Pensandoci bene potresti incontrare un traffico esagerato. Nonostante tu non voglia andare in ufficio hai una gran voglia di lavorare e iniziare la settimana con grinta, ma semplicemente vorresti farlo svegliandoti al mare e salutando il mare la mattina con una bella passeggiata. Subito dopo la passeggiata potresti voler fare un’abbondante colazione prima di iniziare a lavorare e partire rinvigorito dalla buona sveglia.

Forse adesso hai le idee più chiare sul concetto di essere sempre in vacanza e sempre al lavoro.  Ovviamente tutte le varianti possibili che ti rendono più felice sono accettate. Come ti ho raccontato una caratteristica della felicità è l’autenticità, essere quello che sei intimamente. Il lavoro potrebbe risultarti ora più leggero.

Alcune cose da sapere sul Signor Quando vuoi

Nel manifestare l’autenticità molte persone identificano l’ovunque come la propria casa. In questo non c’è niente di male ma è importante soffermarti un po’ più a lungo sulla scelta del luogo. La scelta deve essere autentica, fatta liberamente e non perché qualcuno ha detto che è meglio lavorare da casa. Il Sig. Quando Vuoi è un tipo strano, gli piace anche lavorare quando vuole. Alcuni lo considerano un scansafatiche perché invece di avere orari ben precisi si sveglia alle 9, magari fa delle pause lunghe e poi lavora quando gli altri colleghi non lavorano. Alcuni sostengono che faccia pure dei pisoli durante il giorno. A nulla importa se le ore che lavora sono le più produttive che siano mai state misurate.

In pratica il Sig. Quando Vuoi è flessibile ma essere flessibili non vuol dire lavorare sempre. Alcune persone sono spaventate dall’errata interpretazione di flessibilità come “lavorare in ogni momento”. Piuttosto essere flessibili significa avere un orario che può variare in base alle esigenze e con il quale poter gestire al meglio la propria vita durante il giorno. La vita diventa parte integrante della giornata lavorativa e non solo un contorno all’orario di lavoro.

Il tempo è diventata una variabile molto preziosa di cui tutti sono gelosi perché tutti sanno intimamente che è limitato.

Durante la rivoluzione industriale le aziende facevano lavorare le persone il maggior numero di ore possibili perché in quel periodo storico i datori di lavoro pensavano semplicemente che più si lavorava più si produceva. Tipicamente la giornata di lavoro era da quando sorge il sole a quando tramonta il sole. Le persone a quel tempo lavoravano molto, dalle 10 alle 16 ore al giorno. Chiaramente quei ritmi non erano sostenibili per lungo tempo e quel modo di lavorare fu fallimentare.

Un uomo di nome Robert Owen iniziò quindi una campagna per far lavorare le persone non più di 8 ore. Il motto era “8 ore di lavoro, 8 ore di svago, 8 ore di riposo”. Una delle prime aziende ad utilizzare questo sistema fu la Ford Motor Company nel 1914. Quando questa ottenne ottimi risultati anche altre aziende la seguirono, così questa modalità di lavoro divenne uno standard. La scelta di questa suddivisione non fu assolutamente scientifica ma basata sulla necessità di maggior efficienza e sul buon senso. Da allora nulla è cambiato nell’orario di lavoro e anzi in molti contesti lavorativi è ritornata l’idea che per aumentare la produttività sia necessario aumentare il numero di ore che le persone lavorano.

Il Sig. Quando Vuoi invece sa che il suo orario di lavoro flessibile non pregiudica la qualità del suo lavoro e neppure la sua capacità di collaborare con gli altri. Un tempo anche lui lavorava in ufficio e rispettava gli orari ufficiali, salvo poi accorgersi che a ovunque lavorava bene come in ufficio ed era pure molto felice. Il sig. Quando Vuoi era felice perché qualche mattina poteva ritardare l’inizio del lavoro per potersi godere una passeggiata in riva al mare, cosa che lo energizzava così tanto. Il suo buon umore era lampante anche ai suoi colleghi che spesso gli dicevano “ti vediamo così di buon umore da quando sei andato ad abitare a ovunque”.

Mi è successo in passato di lavorare così tanto da perdere il bilanciamento ottimale della mia vita. La sfida è capire davvero quali sono le cose importanti nella tua vita. Da quella consapevolezza nasce un automatismo interno che ti vieta di sbilanciarti nuovamente. Quello stesso automatismo ti spinge a cercare e alla fine raggiungere un tuo equilibrio. Siamo esseri intimamente divini e quindi siamo portati naturalmente verso la felicità. Paul Dolan definisce la felicità come un equilibrio tra momenti piacevoli e momenti con uno scopo. Sondando le proprie emozioni e in generale quello che succede dentro noi stessi puoi capire cosa è scopo e cosa è inutilità. Se ti fermi ad ascoltarti lo puoi sentire, se non lo senti fai pratica e imparerai a sentirlo, assicurato. Le emozioni legate a momenti con uno scopo sono significative, piene e meritevoli di essere vissute. L’inutilità porta momenti di noia e futilità. Tutti queste emozioni influiscono sulla tua felicità. Generalmente portiamo molta più attenzione a quello che pensiamo possa renderci felici piuttosto che a quello che ci rende veramente felici.

Da questo punto di vista la felicità diventa il più importante feedback che puoi avere dalle tue abitudini che determinano il tuo stile di vita. Possiamo quindi fidarci della nostra esperienza più di qualsiasi altra cosa nella vita, piuttosto che le credenze o le intuizioni. Se un’attività ti rende felice e ne sei consapevole sarai probabilmente spinto a farla. Questo vale tanto per la sfera personale quanto per la sfera professionale.

Un lavoro che senti inutile non ti potrà mai portare la felicità professionale e tenderà ad abbassare anche la felicità personale.

Il problema nasce quando cerchi di modellare la tua felicità sulla base di norme che provengono dall’esterno anche se queste non coincidono con quello che senti nel tuo cuore.

La felicità, per essere significativa, deve essere personale. Essa cambia da individuo a individuo e ha origine nella tua parte più profonda, dove risiede anche la tua autenticità. Spesso abbiamo bisogno di un raffinato lavoro di introspezione per scoprire la nostra originale idea di felicità. É molto più facile uniformare la tua professione a qualcuna di quelle già esistenti e fare in modo che il “business model canvas” sia simile a quello di qualcun altro che sta già funzionando nel mercato.

Sei sicuro che il tuo business sia pensato per renderti più felice? Oppure il tuo business è creato solo per essere economicamente di successo. E allora cos’è per te il successo?

Il successo può esistere solo dentro di te, è quindi assolutamente personale. Per alcune persone può essere andare in giro con la Ferrari, per altri può essere lavorare ovunque. Tutti sono nel giusto se sono autentici. Non denigrare chi ha un’idea di felicità diversa dalla tua ma piuttosto aiutalo a portarla avanti semplicemente accettandola. Il successo non è fatto di apparenze e dei sogni di qualcun altro, ma piuttosto di valori personali autentici che nascono nella tua parte più profonda. Lo scopo è la chiave di volta per scoprire veramente cosa significa essere vivi, eppure capire il proprio ruolo nel mondo non è facile, neppure dal solo punto di vista professionale. Esistono decine di rapide scorciatoie lì fuori, pronte all’uso. Eppure ognuno di noi ha sentito durante la sua vita un momento in cui era follemente appassionato per quello che faceva e sentiva di avere una direzione da seguire. Forse per qualcuno di noi questi momenti folli sono più indietro nel tempo e non sono legati al lavoro ma ad una passione. La rivoluzione sociale delle professioni che sta accadendo in questi anni è fortemente legata alla riscoperta delle passioni che molte persone traducono in un business di successo e felice.

Senti di aver trovato il tuo scopo quando sei disposto a fare quella cosa nonostante tutte le avversità del mondo e anche senza guadagnare denaro per molto tempo. Questo non vuol dire che tu debba vivere nella povertà. La maggior capacità che hai è di creare un progetto in grado di essere realizzato nel tempo, passo dopo passo, che ti permetta di vivere bene il viaggio che ti accingi a fare. Essere felice durante il viaggio è imprescindibile finché un giorno ti accorgerai di essere arrivato dove hai sempre voluto essere.

Non è d’altronde possibile arrivare a ovunque se prima non hai chiarito dov’è questo luogo. Ovunque può essere anche una metafora di un luogo dentro di te e non solo un luogo fisico. Ovunque può essere dietro l’angolo, nessuno te lo può dire.

Da dove partire?

Ho trovato molto utile prima di tutto andare in giro. Se non sai dove andare piuttosto che stare fermo è meglio muoversi e scoprire più luoghi possibile, fisici o metaforici dentro di te. Solo facendo i primi passi del tuo cammino è possibile fare esperienza di quello che ti piace, per poter poi decidere cosa tenere e cosa scartare. Col tempo diventi sempre più esperto di quello che ti rende felice, nella vita e nel lavoro. Alcune persone che ho conosciuto avevano già raggiunto questa consapevolezza dopo un lungo camminare ma ad un certo punto arriva il momento in cui è necessario fare una scelta. In quel momento di trasformazione prendi tutte le consapevolezze che hai acquisito nel cammino e decidi qual è la vita o il business che ti rende felice e lo realizzi. Per questa scelta serve coraggio, ma quanto più chiaro è lo scopo tanto più è inevitabile la scelta.

La vita è corta e molti capiscono cosa era veramente importante solo verso la fine. Una bella citazione di Wayne Dyer dice: “Non morire mentre hai la musica ancora in te”.

Come si fa ad arrivare al buon umore del Signor Quando Vuoi? Essere felici e lavorare ovunque è un binomio che procede di pari passo, vuol dire che non basta lavorare ovunque per essere felici e per essere felici non è necessario lavorare ovunque.

La risposta alla domanda è personale perché la responsabilità di essere felice dipende completamente da te. Quando inizi il viaggio per diventare più felice non sai da dove partire e neppure quali strumenti utilizzare. Le iconiche immagini di persone che partono per viaggi spirituali e tornano a casa illuminati sono un facile stereotipo da film. Gli stessi stereotipi allontanano le maggior parte delle persone dalla ricerca perché non sono praticabili in un contesto reale dove devi pagare le bollette. Per costruire la tua vita ideale e il business che ti rende felice è necessaria una saggia progettualità, proprio come quella che usi normalmente nella realizzazione di un buon lavoro.

Se la felicità è dentro di te non serve intraprendere un viaggio per scoprirla, anzi rischieresti di viaggiare con te stesso, la stessa persona che probabilmente ti ha impedito di raggiungerla finora. Tutto dipende da te. Il premio per le tue fatiche sarà la capacità di cambiare in meglio la tua vita portando maggior attenzione alle cose davvero importanti, in termini di pace, di soddisfazione e fiducia ma anche di denaro.

Tutto dipende da te, nessun altro può vivere al tuo posto, nessun altro può intraprende il viaggio di cambiamento verso una vita più felice.

note: questo articolo è apparso per la prima volta come capitolo di Pixel in crisi

Continua a leggere


Su Purpletude ogni giorno nuove idee per fare e pensare qualcosa di diverso. Ottieni un riepilogo settimanale per non perderti nulla.

envelope

Libri “viola”

Il nostro impegno

Per noi fare impresa non significa soltanto produrre utili ma fare qualcosa di significativo e per gli altri. Per questo, con questo progetto, sosteniamo persone che vivono un momento di difficoltà offrendo il nostro tempo e le nostre competenze in modo completamente gratuito. Prenota una call. 

Trending

Condividi
Tweet
Condividi

Purpletude è l'attitudine a pensare in modo diverso. E provare a fare qualcosa di diverso. Sei dei nostri?