Connect with us

Non è facile

Prima o poi morirò, spero sia poi, ma succederà, ne sono certo. Quando ci penso, mi innervosisco perché mi viene in mente Frank Zappa: “Così tanti libri, così poco tempo”.

Pubblicato

il

Prima o poi morirò, spero sia poi, ma succederà, ne sono certo.

Quando ci penso, mi innervosisco perché mi viene in mente Frank Zappa: “Così tanti libri, così poco tempo”.

Non è questo di sicuro l’unico martello che picchia sul mio sistema nervoso, ma di sicuro contribuisce a farmi diventare ansioso. Così tante cose da provare, tanti posti da vedere, facce da incontrare, mani da stringere o lasciare.

Sì, perché lo so già che non tutto è buono in questa esistenza.

C’è un sacco di merda da spalare. Davide parlo con te.

Davide, te ne sarai accorto, un sacco e ovunque.

Come si accorge l’invecchiato Stanlio in “Triste, solitario e final” di Osvaldo Soriano, quando vuol sapere dal detective Marlowe perché i produttori si siano scordati di lui e come mai nessuno gli offra più un lavoro.

Caro Davide, ci siamo conosciuti un giorno, anni fa, e mi chiedesti qualche parola per tenere duro. Per continuare a darti da fare “matto e disperatissimo” sulle tue passioni.

Ti dissi di guardare lontano.

Di tenere conto dei tuoi figli e nelle tue scelte, di parlare tanto con loro per comprendere e farti comprendere, per rispettarli e dare loro opportunità senza che siano una prigione per te.

Ti suggerii di trovare un supporto attivo nella tua partner e non solo un assenso sui tuoi progetti. Non un: “Ok tesoro, fai pure”, ma un: “Amore cosa posso fare per aiutarti?”

Ti raccomandai di lavorare sempre su un piano B, che ti permettesse di non perdere la dignità nei momenti bui e ti proposi di risparmiare sempre qualcosa, per non doverti inginocchiare di fronte all’arroganza.

Ti dissi che nonostante fossi in un posto geograficamente scomodo e ai margini, potevi fare arrivare i tuoi messaggi ovunque, a patto che fossero frutto di un travaglio interiore e di coraggio intellettuale oltre che di vero interesse per la materia. Ti raccomandai di mettere nello zaino la voglia di alzarti un’ora prima e andare a dormire un’ora dopo di quelli che stimi di più.

Però ti mentii su qualcosa, anzi omisi qualcosa. E spero che adesso che sei arrivato al Campo Base del tuo progetto spero che mi perdonerai.

L’ho fatto perché avevo capito che saresti arrivato alla fine del primo pezzo importante di strada, con il tuo carico di dubbi e perplessità e paure e timori ma che era necessario dotarti di quella sfrontatezza che solo la gioventù e una certa “ignoranza” dei pericoli portano con loro.

Omisi di dirti che è proprio difficile emergere e che oltre a questo avresti incontrato animi malevoli che ti avrebbero tenuto la testa sott’acqua spacciandolo per un aiuto per imparare a nuotare.

Nascosi di farti notare che la disperazione è sempre più popolare e a buon mercato della fiducia e si pagano più i profeti di sventure che quelli che portano buone notizie.

Tacqui sul costo enorme da pagare quando avresti dovuto dire: “No amore, il papà per ora questa cosa non la può comprare e nemmeno può venire alla riunione insegnanti, perché ha un cliente, ma viene la mamma e poi mi racconta, ti voglio bene tesoro”.

Perché questo succede sempre a chi naviga in acque aperte per cercare qualche sirena che nessuno ha mai visto. Ma sai una cosa Davide? Ho fatto bene. Per due motivi. Uno è che te ne sei accorto da solo. L’altro è che così quando te ne sei accorto, eri già così lontano dalla riva che non hai potuto fare altro che nuotare al tuo meglio.

Sei un cavallo di razza Davide e questo impegno che ti sei preso nel parlare di cambiamenti e suggerire percorsi, senza pontificare ma leggendo, scrivendo e facendo sta dando risultati.

Un giorno, dopo alcuni anni dalla tua telefonata, seguita da un reciproco silenzio, mi dicesti che avevo fatto una cosa bella per te al tempo. Mi dicesti che ti avevo ascoltato e dato gli spunti e l’energia per avventurarti lontano quando non ci credevi.

L’ho fatto perché avevo l’intima speranza di vedere un giorno la dimostrazione che chi non si fida di quelli che vengono dopo ha torto. E che il mondo non si ferma mai. E che le persone hanno anche bisogno di qualcuno che creda in loro per dare il loro meglio. E anche di un po’ di avventatezza.

Vai Davide. Parlaci ancora di Pixel in crisi e raccontaci che non è finita qui.

Anche se prima o poi morirò. Questo è certo, anche se spero che sia poi.

Un abbraccio, Seba

Note: pubblicato originariamente su Pixel in Crisi puoi scaricare un breve estratto gratuito da qui

Sebastiano Zanolli fa il manager, un manager un po' atipico, che sceglie un approccio alla professione misto di pragmatismo e di sentimento. Nato nel 1964 a Bassano del Grappa (VI), dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze signifi cative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato per 4 anni di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione del Gruppo OTB/Diesel ed attualmente, per lo stesso Gruppo, presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. Più info su: www.sebastianozanolli.com

In primo piano

Alexa mon amour (o la voce del progresso digitale)

Siamo veramente arrivati al punto che preferiamo l’efficienza di una macchina piuttosto che l’errore umano?Sicuramente non siamo ancora all’innamoramento dell’uomo sulla macchina, o forse sì?

Pubblicato

il

È da poco uscita la nuova generazione di prodotti Echo di Amazon, con una versione di Alexa sempre più integrata e realizzata apposta per il mercato italiano.

Parliamo naturalmente dell’assistente virtuale dell’azienda di Jeff Bezos, che fa parte dell’affollata famiglia delle varie Siri (Apple), Cortana (Microsoft), Google Now, AliGenie (Alibaba) e Bixby (Samsung).

L’utilizzo del dispositivo è semplice: tu chiedi e lui (lei) risponde, reagendo a ogni tipo di richiesta (fino a 40’000 diverse abilità, a credere al produttore).

È lecito domandarci: siamo veramente così impegnati nella nostra vita da aver bisogno di un’assistente che svolga per noi piccoli lavoretti come creare un promemoria, una nota, mettere su una canzone o svegliarci alla tal ora? Sono infatti queste le tipiche mansioni che gli 8,2 milioni di consumatori che hanno acquistato un prodotto Echo chiedono ad Alexa più spesso.

Di nuovo: siamo veramente arrivati al punto che preferiamo l’efficienza di una macchina piuttosto che l’errore umano?
Pensando a questa situazione mi viene in mente il film Lei di Spike Jonze (2014), in cui, in un futuro non troppo distante, il protagonista, interpretato da Joaquin Phoenix, si innamora perdutamente della sua assistente virtuale.

Fantascienza, finzione o profezia? Sicuramente non siamo ancora all’innamoramento dell’uomo sulla macchina, o forse sì?
L’azienda nipponica Gatebox afferma di aver celebrato in Giappone più di 3’700 matrimoni “cross-dimensionali”, ovvero tra un essere umano e Hatsune Miku, una famosa popstar che ha due piccole peculiarità: ha solo sedici anni ed è… un ologramma.

A ben pensarci, la situazione attuale è quasi un paradosso: non parliamo con i nostri coetanei ma ci rivolgiamo ad un computer.
Facciamo fatica ad alzare lo sguardo quando qualcuno ci chiede qualcosa ma chiediamo ad un software ogni tipo di informazione. In alcuni casi, estremi, godiamo della compagnia di una proiezione tridimensionale che ci augura la buona notte e che spegne le luci.

L’utilizzo della nuova tecnologia è indubbiamente una comodità, un modo per agevolare certi nostri bisogni, tuttavia lasciamo che la macchina faccia il suo lavoro e noi cerchiamo di goderci i piccoli momenti della nostra vita con le persone che ci accompagnano nel quotidiano, con i nostri cari, soprattutto con i nostri bimbi. Insomma cerchiamo di restare umani.

Non perdiamo le relazioni fisiche, non perdiamo la birra con i nostri, amici lasciando il posto alle chat di gruppo.

Non permettiamo che sia un computer a decidere le “persone che potresti conoscere” e lasciamo che l’algoritmo svolga il suo lavoro, ma ogni tanto chiudiamo quel monitor, blocchiamo quello schermo e guardiamo la realtà delle cose, con i nostri occhi.

Continua a leggere

Crescere

Quella volta che mi hanno licenziata (per fortuna)

Il giorno in cui è capitato non avrei mai pensato di dirlo, ma sì, la cosa migliore che mi sia capitata durante la carriera lavorativa è essere licenziata.

Pubblicato

il

Il giorno in cui è capitato non avrei mai pensato di dirlo, ma sì, la cosa migliore che mi sia capitata durante la carriera lavorativa è essere licenziata.

Ricordo ancora quel giorno: dopo il week end passato sul set faccio la copy, stavamo girando la pubblicità di un detergente intimo – rientro in agenzia al mattino.

Lavoro un’oretta, le solite cose: mail da smazzare, telefonate coi fornitori, settimana da pianificare, in attesa dell’ok per registrare l’audio del nuovo spot.

Poi i capi mi chiamano in sala riunione.

“Puoi venire? Dobbiamo parlarti”.

Mi si sono seduti entrambi di fronte e mi hanno semplicemente detto che l’internazionale di cui facciamo parte ha deciso di imporre dei tagli al personale e hanno deciso di licenziare me.

Senza nessun “ci dispiace”, senza altro. Nessuna avvisaglia i giorni prima… e poi una doccia gelata di spilli, una vertigine che ti fa domandare dove sarai domani. Il tuo posto non esiste più. Tu non servi più.

La prima cosa che pensi è che sarai povera. Non scherzo: pensi subito che non ti potrai permettere più nulla, dovrai correre ai ripari, che devi subito tagliare il tagliabile.

Pensi: “E le bollette?”

Poi c’è stata la rabbia: cominci a contare le ore di straordinario non retribuite, a pensare a quello che hai fatto, a quanto non ne sia valsa la pena, al fatto che hai fatto tanto per la società che ora ti ripaga mettendoti alla porta, tu e le tue domeniche lavorative e le notti non retribuite. Il tempo tolto a chi ami per sentirsi dire “sei licenziata”.

Ti trovi a dare ragione a chi ti diceva di smetterla di lavorare così tanto. Che tanto non stavi salvando la vita a nessuno: inutile.

Lo smarrimento è durato qualche giorno: il tempo di sentire un avvocato, mettere in pista la causa per il licenziamento, prendere le mie cose e covare il giusto risentimento verso i capi che, per fortuna loro, non ho più incontrato. In quel periodo mi sono presa le ferie più belle della vita: quelle senza meta, che si decidono di giorno in giorno e con un grande salto nel vuoto al rientro.

Non sapevo cosa avrei fatto, poi ci ha pensato il talento.

Si, devo comunque dire grazie a quegli anni di attività a testa bassa perché la gente ha apprezzato quello che ho fatto.

Hanno cominciato a chiamarmi: sentito che mi avevano licenziata, hanno cominciato a cercarmi per passarmi dei lavori a tempo.

Così ho fatto, la voce si è sparsa, e incredibilmente da dieci anni a questa parte lavoro.

Alla fine fare il freelance è questo: non avere certezze di quello che farai domani.

Abituata al “non lo so”.

Sicuramente ci sono liberi professionisti più abili di me nel riuscire a pianificare con una certa stabilità il loro futuro. Io no. Non chiedetemi per chi lavorerò domani perché non lo so. E cosa incredibile che continuo a ripromettermi da dieci anno a questa parte è che appena avrò tempo scriverò un libro. Appena mi libererò da quella consegna, appena fatta quella telefonata, appena sfangata quella presentazione, mi rimetterò a scrivere.

E da un lavoro ne scaturisce un altro, un tuo cliente parla bene di te a un suo contatto ed eccoci qui, dopo 10 anni, a poter dire con certezza che non tornerei mai indietro.

Le notti che faccio le faccio per me perché io ho deciso che quello che devo fare è tanto urgente da meritarsi una notte insonne.

Sono io che decido quando prendermi dei giorni di libertà – il lavoro di freelance è fatto anche di questo: sapere quando è il momento di concedersi un pomeriggio libero per fare quello che vuoi.

Mi hanno proposto più volte di tornare a fare la dipendente, ma la libertà che provi nel lavorare da sola è troppo piacevole per rinunciare a favore della stabilità.

Ho fatto pace coi miei dubbi.

Lavorerò tutta la vita? Resterò abbastanza aggiornata e in gamba da essere una professionista affermata anche quando sarà arrivata l’età della pensione?

Potrò permettermi di continuare a fare un lavoro creativo anche da anziana?

Non lo so. Questi 10 anni sono volati. E non mi sono pesati.

Però la mia dolce vendetta me la sono presa: ho scritto un libro – che reputo un lavoro minore – dedicato al mondo della pubblicità. Mi sono tolta un po’ di sassolini dalla scarpa. Non ho fatto nomi, ma chi doveva sapere, ora sa, e conosce i retroscena. È stato il mio modo di salutare la vita da dipendete in favore di questa, più instabile, ma decisamente più gratificante.

Voi come avete reagito al licenziamento? Alla fine si è rivelata un’esperienza positiva?

Continua a leggere

Trending

Purpletude è l'attitudine a pensare in modo diverso. E provare a fare qualcosa di diverso. Sei dei nostri?

Condividi
Tweet
Condividi