Connect with us

In primo piano

Non siamo una società violenta, siamo noi violenti

Il cambiamento incomincia dall’uomo che vedi nello specchio. Non c’è bisogno di manifesti, grandi idee o rivoluzioni. Basta comprendere che non riguarda “gli altri”.

Pubblicato

il

Come fare a tenere accesa la fiducia nell’altro?
L’altro – l’essere umano: quello che nei film di fantascienza, quando gli alieni ci invadono, sentiamo vicino come un fratello. L’altro, quello che, insieme a tanti altri come lui, crea l’umanità che lotta per la sua sopravvivenza e per la quale tifiamo tutti. O quasi.

Perché io, ad esempio, la razza umana, a volte, non la amo particolarmente.

Mi riesce difficile esserne un fan, quando guardo con quale arroganza crediamo di essere in cima alla piramide alimentare e di avere diritto di vita e di morte sugli altri esseri viventi; o guardo cosa abbiamo fatto al nostro pianeta, alla mancanza di rispetto che abbiamo per la nostra casa, l’unica che abbiamo, oppure ancora guardo l’innocente ignoranza con cui abbiamo cominciato a inquinare anche lo spazio, riempendolo di satelliti, di detriti, di rifiuti, e persino di auto elettriche di ultima generazione.

E, soprattutto, guardo cosa ci siamo fatti per millenni. Cosa abbiamo fatto agli altri, voglio dire.

Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te

La nostra specie è unica sotto molti aspetti e tra questi c’è anche quello di aver inventato metodi di tortura e di sofferenza che si distinguono per creatività e crudeltà.

Lo abbiamo fatto dalla notte dei tempi, in ogni cultura, in ogni angolo del mondo, in ogni epoca.

La tirarono giù dal carro e le strapparono i vestiti. La trascinarono per strada, fino alla chiesa, tirandola per i capelli. Lì la immobilizzarono e ognuno si servì dal cumulo dei resti di costruzione: chi prese una tegola, chi una scheggia di pietra, chi un coccio di vetro, chi una conchiglia rotta, e le raschiarono la pelle via dal corpo, lembo dopo lembo. Quando fu totalmente scorticata, le staccarono gli arti, la fecero a pezzi più piccoli per poi bruciarli, affinché di lei non restasse nulla.

Così morì Ipazia, filosofa e matematica, nel marzo del 415

La vittima veniva immobilizzata e fatta sedere su un palo che, dopo essere stato ricoperto di pece, miele, e qualsiasi altro materiale che lo rendesse viscoso, veniva poi sollevato in posizione verticale. A causa del peso, la punta del palo si conficcava nella carne viva e il legno si faceva piano piano strada attraverso le interiora del condannato, strappando tessuti, lacerando gli intestini, rompendo le ossa del bacino che trovava sul suo cammino. Di solito il palo emergeva a livello dello sterno e veniva quindi posizionato sotto il mento, per bloccarlo. La vittima poteva sopravvivere fino a 3 giorni in quella posizione, impalata, prima di esalare l’ultimo respiro.

Così morirono fino a 300’000 persone, nel 1400.

Hanno usato il suo corpo come una lavagna, incidendo con un coltello delle lettere nella sua carne, in cinque punti diversi, tra cui la mano sinistra, sulla schiena e sul volto, tra l’occhio e il sopracciglio destro. Per diversi giorni, l’hanno picchiato, seviziato, ustionato sia con sigarette che con fili elettrici, martoriandolo su tutto il corpo nudo, rompendogli i denti, fratturandogli tutte le dita delle mani e dei piedi, mentre con una spranga gli avevano letteralmente spappolato i peroni delle gambe. Il colpo che lo uccise lo colpì al collo, rompendogli una vertebra cervicale.

Così morì Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano, nel febbraio del 2016.

Dà la nausea, vero?
Ma non nascondiamoci dietro alla scusa che ci sono i buoni e ci sono i cattivi, che ci sono gli invasati, i terroristi, gli assassini, i dittatori crudeli.

Siamo noi, esseri umani, a far all’altro tutto questo. Senza mai pensare che l’altro potremmo essere noi. O forse è proprio questo il nostro modo di esorcizzare la paura di essere alla mercé di qualcuno? Colpiamo nei modi più infimi perché ci aspettiamo che l’altro ci colpirebbe nella stessa maniera?

Non per niente, molti di noi credono in una religione che ha fatto di uno strumento di tortura e di morte il proprio simbolo (la croce…).

Molti di noi, noi tutti, persone senza grandi titoli o responsabilità. Persone comuni.
Le stesse persone che hanno fatto di uno strumento di tortura e di morte il proprio simbolo di speranza: la croce.

Perché la violenza straordinaria è perpetrata spesso da gente ordinaria.

Elementi di ordinaria violenza

Ci sono numerosi fattori che determinano i nostri comportamenti e, di conseguenza, se una persona svilupperà tendenze violente. Ci sono aspetti genetici, relazioni familiari, il livello di studi, l’intelligenza, lo sviluppo più o meno equilibrato in età infantile, la relazione con i propri pari, degli aspetti culturali e, naturalmente, delle caratteristiche individuali.

Ogni fattore ha un effetto sugli altri e gli altri su di esso. Quando i fattori negativi si accumulano e in assenza di fattori positivi, la violenza sembra diventare l’unico modo che abbiamo per gestire i problemi della vita.

Lo sviluppo dei social ci ha fornito una finestra privilegiata su questo fenomeno: ci permette di vedere tutto l’odio, la cattiveria, la bassezza di cui siamo capaci. Lo siamo sempre stati. Come razza, abbiamo ucciso e torturato da millenni e non abbiamo mai smesso.

E non è qualche maniaco. Siamo tutti noi.
Mio padre mi raccontava la settimana scorsa di suo fratello maggiore che, durante il periodo del fascismo, usciva con lo squadrone di amici a fare le purghe.

Prendevano le persone che avevano già adocchiato in precedenza e le isolavano, magari sulla strada pubblica, all’uscita dal lavoro, o addirittura nella propria casa. Davano loro una lezione e li forzavano a ingoiare dell’olio di ricino, a litri. Alcuni, i più deboli, morivano letteralmente di diarrea. Le purghe, appunto.

Il vuoto che fa parte di noi

Quello era mio zio Ilario, quello che mi piaceva anche senza averlo mai conosciuto, perché mio padre mi diceva che era alto come me, e mi assomigliava.

E non è stata l’unica sorpresa della settimana.
Poi è successo che su LinkedIn qualcuno ci accusasse di lucrare sul dorso dei disoccupati.
La mia prima reazione è stata quella di essere allibito, ancora prima che ferito. Perché ha scritto questa cosa, in un post pubblico? È probabile che lo pensi veramente, che si senta veramente così, usato, anche se non è mai stato un nostro cliente…

Lo trovo ingiusto? Sì. Lo capisco? Non so. Ma mi sforzo.
Mi sforzo di capirlo e questo non mi rende migliore, anzi: mi rende falsamente superiore, mi rende uno di quelli che cerca di sfuggire alla natura bassa di cui siamo fatti. È più probabile che dentro di me, questa persona avrei voglia di picchiarla e gridarle che non è vero non è vero non è vero e sta mentendo. Invece incasso. E con il mio modo di non agire, sono di una violenza inaudita. Perché a volte non c’è nulla di peggio dell’essere semplicemente ignorati.

Intendiamoci: è anche un meccanismo di difesa. Personalmente, io sopravvivo al disgusto… ignorandolo.

Ignoro chi usa ancora frasi ad effetto del genere “vi svelo il segreto del curriculum vincente”, come se fosse una bella cosa e che invece sembra il bandana che si portava nell’estate dell’85.
Ignoro chi posta i gattini, le canzoni, le foto dei tramonti, perché mi dico che forse ne ha bisogno, e chi sono io per giudicare?
E ignoro certe persone che sottoscrivono appelli e manifesti per smettere di utilizzare parole che feriscono sui social, eppure ogni volta che fanno un commento, hanno un pala di merda per ciascuno, e la distribuiscono in maniera generosa, tutti i giorni, con quel fare di chi pensa di essere superiore e senza peccato.

Io stesso, proprio ora, getto la prima pietra e avverto un piccolo brivido di sovversione che mi scuote perché mi sto esponendo. O forse non è sovversione: è ciò che si prova quando si comincia ad essere ignorati. Ignoro anche me stesso.

E non provo nulla. Nulla perché la violenza, anche quella verbale, non porta nulla.
Eppure la usiamo di continuo. Adoriamo esercitare il nostro nulla. Adoriamo essere nulla. Forse è rassicurante smettere di pensare a chi siamo, dove andiamo e perché. È più semplice chiuderci nel ciclo dell’ingiuria, della parola che ferisce, della battuta sagace, come se fosse una manciata di terra gettata nel pozzo di ciò che proviamo.

Perché quel buco esistenziale che sentiamo dentro di noi è veramente profondo. Non riusciamo a riempirlo con niente: il sesso, l’alcol, i soldi, neppure la felicità di vedere crescere i propri figli. Rimaniamo assetati e vuoti e allora è chiaro che diventiamo violenti. Siamo profondamente incazzati col mondo. E con noi stessi.
E ci credo che diventiamo violenti.

Le neuroscienze a soccorso

L’essere umano è frustrato, e chi imbriglia questa frustrazione fa successo.
E chi la cavalca, e la porta all’eccesso, può governare persino un Paese.

Le ricerche nel campo delle neuroscienze hanno dimostrato che uno spirito fortemente competitivo permette di migliorare le prestazioni individuali e, parallelamente, contribuisce a creare una percezione più elevata della propria posizione sociale.
In pratica, chi esercita pressione, potere, controllo e altre forme di violenza più o meno sdoganate ha più successo. E, nell’eterna comparazione che facciamo tra noi e i nostri simili, questo ci rende più sicuri di noi e del nostro ruolo nella gerarchia della vita.

Al contrario, gli studi che si sono dedicati a esplorare i comportamenti cooperativi hanno dimostrato che la modalità partecipativa rinforza il benessere sociale, ci fa sentire importanti e soddisfatti, e contribuisce a migliorare le relazioni tra le persone (questo non dovrebbe sorprendere).
D’altro canto, però, i comportamenti cooperativi sono associati a delle prestazioni inferiori rispetto a quelli competitivi. Insomma, sei felice ma meno produttivo. Per lo meno nell’ambito socio-culturale in cui viviamo oggi.

L’aspetto interessante di queste ricerche estremamente pratiche, nel senso che misurano l’attività delle differenti parti del cervello quando vengono attivate, è che ci si è resi conto che entra in gioco molto presto il concetto di ricompensa: la cooperazione soddisfa i nostri bisogni, mentre la competizione è meno interessante dal punto di vista sociale, e anzi richiede un impiego più elevato di risorse mentali.

Il principio di economia delle risorse classificherebbe quindi la competizione come anti-economica, e le darebbe di conseguenza meno spazio nell’ordine naturale delle cose. La maggior parte dei processi fisiologici, infatti, tende all’ottimizzazione dei processi: in natura non tutto ciò che consuma più del dovuto tende a modificarsi, o a sparire.
Una teoria discussa a questo livello, ritiene che in un contesto competitivo, i comportamenti del “rivale” siano meno predittivi rispetto a un contesto cooperativo. Infatti, nel caso di quest’ultimo, le aspettative condivise tendono a essere chiare, in termini di comportamenti, in quanto tutti perseguono lo stesso obiettivo. Nella competizione, invece, non sai cosa aspettarti e quindi devi essere molto più presente e attento.

La violenza: un fenomeno contro natura?

Nonostante le premesse estremamente sfavorevoli, mi sento in obbligo di prendere in considerazione questa ipotesi: e se la violenza non fosse la soluzione più semplice, quella più naturale? Se ci fosse stato qualcosa, a un certo punto della nostra evoluzione, che è andato storto?

Poco fa ricordavo che i fattori che determinano l’insorgere di comportamenti violenti sono molteplici, a livello di individuo. Tuttavia, non è forse vero che possiamo dire lo stesso a livello di società, tutta intera?
Quali sono i fattori che ci hanno fatto disertare la strada economica della collaborazione per preferire quella più difficile della competizione?

È stata l’agricoltura? Quando abbiamo cominciato ad avere abbastanza da mangiare, a non dipendere più solo dalla caccia e dalla raccolta stagionale, abbiamo forse soddisfatto i nostri bisogni di base e quindi abbiamo cominciato a volere di più? E in quel volere di più, d’un tratto, la collaborazione non era più abbastanza? Non saprei.

Certo, come dicevo poco fa, ci sono prove di violenza dell’essere umano contro un altro essere umano fin dalla notte dei tempi. Ma ci sono anche evidenze che i nostri avi più lontani si prendevano cura dei loro simili. La cura dei malati o dei feriti, ad esempio, non è una caratteristica esclusiva dell’uomo, tuttavia, nel regno animale, siamo l’unica specie a praticarla in maniera sistematica.

Gli antropologi hanno trovato delle prove di uccisioni di ominidi un po’ dappertutto nel globo e questo risalenti fino a 45’000 anni fa. Tuttavia, nei limiti delle nostre conoscenze attuali, i primi segni di quella che deve essere stata una battaglia risalgono a soltanto 13’000 anni fa. Il luogo è la valle del Nilo e i cadaveri ritrovati, morti di morte violenta, sono 60, tutti nello stesso posto.

I ritrovamenti che indicano invece dei comportamenti collaborativi nei nostri antenati risalgono addirittura a più di un milione di anni fa, quando l’homo sapiens non esisteva ancora. Sono state ritrovate delle ossa che mostravano segni di malattie, di deformità o semplicemente di gravi infortuni e di cui si è potuta accertare la sopravvivenza su un lungo periodo. Cosa significa? Che qualcuno si prendeva cura dell’uomo rimasto senza gambe, o della bambina idrocefala. Ricevevano cure, attenzioni, e cibo. Per anni.

Disinneschiamo la violenza

Gli esseri umani prestano soccorso in maniera istintiva. Lo si vede anche nei bambini più piccoli, che dimostrano già in tenera età il desiderio di confortare chi soffre. Ed è proprio questo meccanismo collaborativo che ci ha permesso di sopravvivere e di evolvere fino allo stadio attuale della nostra civiltà.

La spiegazione più semplice che mi viene in mente per giustificare un comportamento non naturale come la violenza è il fatto che viviamo in un ambiente non naturale. Il sistema della concorrenza tra le aziende è fondamentalmente poco in linea con la natura umana.
La competizione è la risposta che abbiamo trovato per rispondere a delle richieste ben precise: affermare i vantaggi competitivi, essere meglio degli altri, garantire i nostri margini di guadagno, vendere di più.

Con questo quadro concettuale in mente, ci sono tre cose che dobbiamo imparare a fare quando siamo al lavoro:

  1. accettare che ci siano persone che fanno le cose meglio di noi, in azienda e fuori, e non sentirci minacciati da questo; anzi: che ci siano di ispirazione per migliorare;
  2. salvaguardare del tempo di qualità da passare con gli altri, e ciò significa non fare orari impossibili (e non inventare scuse sul fatto che bisogna farli per forza);
  3. praticare sempre la gentilezza, in ogni occasione, anche quando siamo in difficoltà.

Il cambiamento comincia da piccoli gesti e non c’è bisogno di fare delle rivoluzioni. Ad esempio, si può uscire 15-20 minuti prima dal lavoro, con più regolarità. Cambiando le regole del gioco, arriveremo a intaccare anche i comportamenti disfunzionali e violenti. E con questo anche i capi stronzi, i colleghi antipatici, i familiari dominanti. Un piccolo passo per noi ma un grande passo (indietro) per l’umanità, ai tempi in cui eravamo consci che, per sopravvivere, dovevamo collaborare.

D’altro canto, come diceva quella canzone?
Il cambiamento incomincia dall’uomo che vedi nello specchio.

HR | Digital Transformation | Change Management | Co-Founder Purple&People. Negli ultimi 15 anni ha rivestito ruoli manageriali nell’ambito delle risorse umane, a 360°, lavorando in grandi aziende americane, in multinazionali francesi e in organizzazioni parastatali svizzere. Il suo focus personale si concentra soprattutto sulla digital transformation, la gestione del cambiamento, le relazioni con gli stakeholders e lo sviluppo dei talenti. Ha il pallino per le questioni di genere e il diversity management, con una fastidiosa tendenza a voler sperimentare in prima persona le innovazioni e i modelli organizzativi radicali.

In primo piano

Welfare aziendale: nuovi modi di risparmiare (per tutti)

L’erogazione di benefit aziendali ha fatto l’oggetto di importanti modifiche a livello fiscale. Essi sono ora uno strumento interessante a disposizione delle aziende. Sono altrettanto interessanti per i collaboratori?

Pubblicato

il

Alcuni anni fa lessi delle facilitazioni, o meglio dire dei benefit che Google e Facebook offrivano ai loro dipendenti nella sede centrale.
Si andava da una serie di servizi interni quali la mensa aziendale (ma parliamo di una mensa a 5 stelle!) ai massaggi. La cosa che mi aveva colpito tuttavia erano i benefit estesi al di fuori dell’area aziendale. Affitti di case (in Silicon valley i costi di un affitto sono da urlo), maggiordomi che gestivano i servizi di lavanderia, dentista, assistenza ai genitori dei dipendenti anziani etc..

Inizialmente ero rimasto un poco allibito pensando alle spese aggiuntive che ogni azienda andava a caricare per ogni impiegato. Dopo tutto, questi servizi avevano dei costi e, anche assumendo che vi fossero delle aziende di servizi specializzate (che quindi potevano fare un “bundle” e relativo sconto, per un certo numero di clienti, leggasi i dipendenti dell’azienda), i costi aggiuntivi mi sembravano importanti.
Quello che ignoravo allora, ammetto le mie colpe, era che la maggior parte se non tutti questi benefit erano scaricabili al 100%. In pratica Facebook, Google e tutte le altre data company potevano dedurre al 100% le spese per i benefit dati ai loro dipendenti.

Vantaggi per i dipendenti

I vantaggi sono duplici. L’azienda può permettersi di essere generosa nei confronti dei propri dipendenti e intanto dedurre dalle tasse milioni (tema sempre caldo per un’azienda, in qualunque parte del mondo). I collaboratori invece godono di servizi utili e spendibili, ma il cui peso fiscale è meno importante di un premio pagato sullo stipendio.

Negli ultimi anni anche in Italia il tema benefit per i dipendenti è diventato caldo e ora le possibilità di benefit scaricabili non solo sono aumentate ma sono divenute utilizzabili per la stragrande maggioranza delle aziende (incluse una buona parte delle PMI).
Un report interessante che può offrire una visione di insieme del fenomeno welfare in Italia è il Welfare Index Pmi 2018.

Tuttavia il tema più interessante, a mio avviso, è la lista di benefit che le aziende ora possono erogare, in particolare:

Educazione e istruzione
Andiamo dalle borse di studio ai testi scolastici, in aggiunta sono previsti anche i servizi scolastici integrativi. Se consideriamo quanti dipendenti sui 30 anni e più hanno figli piccoli, da elementari o asilo, si comprende subito il vantaggio di questi benefit. Ancora più rilevante se si considera che non vi sono limiti di spesa. Quindi l’azienda, per ipotesi si intende, può definire un ammontare discrezionale.

Cura per membri della famiglia giovani o anziani
Babysitter, centri estivi e invernali (quindi anche lezioni di sci o altri sport), assistenza per familiari anziani non auto sufficienti.
Anche in questo caso non sono previsti tetti di spesa. Egualmente se consideriamo che l’età di un lavoratore in un’azienda va dai 25-30 sino ai 50, si comprende bene come questi benefit possano essere una boccata d’ossigeno per i dipendenti.
Se si considera poi i costi per gli anziani (i genitori in questo caso) che sono crescenti con la crescita dell’età media di vita, si comprende come anche in questo caso questi benefit diventino vitali per molte famiglie.

Fringe Benefit
Beni servizi e voucher, in questo caso c’è al momento un limite di 258 euro, lo sforamento del quale comporta la tassazione dell’intero importo. Un limite importante ma pur sempre utile nell’economia di una strategia di benefit aziendali.

Cassa sanitaria e fondi pensione 
Nessuno in caso di PDR, diversamente tetti rispettivamente di 3.600 euro e 5.100 euro.

Prestiti/mutui
Nessun limite

Buoni pasto
Una voce classica dei benefit aziendali. Quello cartaceo ancora rimane fisso a 5,29 euro al giorno mentre per l’elettronico, un settore su cui le welfare company puntano molto, arriva a 7 euro. Per quanto spesso la pausa pranzo sia limitata, c’è da considerare che molte aziende prevedono già una mensa interna gratuita. Quindi il ticket si trasforma in moneta digitale spendibile in molti punti convenzionati (a partire dai supermercati).

Educazione, istruzione, culto
Anche nel caso di sport, viaggi, cultura, non vi sono limiti.
La spesa per il tempo libero è una spesa rilevante per molti dipendenti e, purtroppo, spesso limitata da quello che “avanza” a fine mese; l’ISTAT stima che essa ammonti a circa al 5,2% della spesa complessiva di una famiglia italiana ed è quindi una voce importante che può aiutare il morale del dipendente.

Convezioni, carte sconti, conciliazione vita lavoro e mobilità
Anche in questo caso nessun limite.
Se consideriamo che le carte sconti si estendono anche a e-commerce e negozi online si capisce come anche in questo caso, specialmente sotto Natale, un bonus erogato con soluzioni di welfare può essere un’ottima soluzione per gratificare i dipendenti e migliorare il loro morale.

Alcuni aspetti normativi che meritano di essere menzionati

Il primo inizio importante sul tema benefit lo abbiamo con la legge di stabilità del 2016 che ha potenziato le agevolazioni fiscali per le aziende che concedono servizi e prestazioni di welfare aziendale ai dipendenti e allo stesso tempo ha reintrodotto la detassazione dei premi produttività.

  • Novità per i dipendenti: il lavoratore stesso sceglie se scambiare il premio retributivo con prestazioni di welfare integrativo completamente detassate.
  • Novità per le aziende: per i datori di lavoro, uno dei principali cambiamenti è dato dall’esenzione IRPEF dell’utilizzazione di opere e servizi messi a disposizione dei dipendenti e loro familiari anche se previsti da disposizione di contratto, accordo o regolamento aziendale (in precedenza, l’esenzione scattava soltanto se il benefit risultava come atto unilaterale e volontario del datore di lavoro).

La legge di Stabilità del 2016 ha anche previsto la possibilità di erogare i benefit da parte del datore di lavoro tramite i voucher, ovvero documenti di legittimazione in formato cartaceo o elettronico che riportano un valore nominale. È tuttavia con la legge di bilancio del 2017 che si consolidano molti de traguardi del 2016. Rispetto alla precedente normativa vengono ridefiniti due aspetti sulla parziale detassazione del premio di risultato. Il primo definisce i destinatari e i limiti del beneficio fiscale:

  • Requisito soggettivo: il tetto massimo di reddito di lavoro dipendente che consente l’accesso alla tassazione agevolata viene innalzato da 50.000 a 80.000 euro.
  • Importi massimi: gli importi dei premi erogabili aumentano da 2.000 a 3.000 euro nella generalità dei casi, e da 500 a 4.000 euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro.

Il secondo stabilisce che i servizi previsti dall’art. 51, co.4 del TUIR e i contributi alle forme pensionistiche complementari (D. Lgs. 252/2005) e di assistenza sanitaria (art. 51, c. 2, lettera a) non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente né sono soggetti all’imposta sostitutiva del 10%.

I vantaggi per le aziende

Ad aiutare le imprese ad accrescere il loro livello di welfare contribuisce quindi l’impianto normativo, modellato dalla legge di Stabilità 2016 e successivamente rafforzato dalle leggi di Stabilità 2017 e 2018 che, con robusti incentivi fiscali, ha promosso gli investimenti a sostegno del benessere dei dipendenti e delle loro famiglie: da un lato l’azzeramento del cuneo fiscale sulle somme erogate ai dipendenti, dall’altro, la deducibilità delle spese dal reddito delle imprese.

Un secondo aspetto della normativa riguarda, poi, la possibilità di convertire i premi aziendali di risultato in servizi di welfare, rafforzando gli incentivi già previsti per la componente variabile delle retribuzioni. I premi aziendali erogati in forma di welfare sono esenti da imposizione fiscale e contributiva.

La sfida

C’è ancora molto da fare.
In ambito aziendale le sfide sono principalmente due.

La prima è il selezionare dei pacchetti di welfare che siano adatti per i dipendenti. Per quanto molti uffici delle risorse umane abbiano avuto un “aggiornamento” della forza lavoro, molte di esse, se parliamo delle PMI, rischiano ancora di essere piuttosto statiche nel loro potere decisionale.

Di fatto il rischio è che i vantaggi del welfare non vengano a pieno percepiti, o peggio, vengano mal gestiti. Immaginiamo un’azienda che ha un mix di dipendenti giovani (dove i benefit per l’istruzione dei figli potrebbe essere molto apprezzato) e dipendenti con maggior seniority (dove i vantaggi per il care-giving dei genitori anziani sono sicuramente un asset). Se il manager delle risorse umane non è attento nel fare delle ricerche tra il personale i vantaggi del welfare saranno poco utili sia per l’azienda che per i dipendenti.

C’è poi una forte necessità che l’intera linea di comando (dalle risorse umane sino al CFO) possa comprendere i vantaggi del welfare aziendale e attivarsi di conseguenza.

La seconda sfida non è da meno. I dipendenti devono comprendere quali sono i benefici del nuovo welfare. Spesso le comunicazioni su questi temi vengono percepite come un rumore di fondo. Molto spesso l’azienda, soprattutto se parliamo di PMI, tende a comunicare senza enfasi questi servizi. Il risultato finale è che i dipendenti sono poco invogliati a iscriversi ai piani aziendali o, forse anche peggio, non sono un elemento attivo dei processi decisionali.

Una non-partecipazione dei dipendenti, che così non manifestano cosa può essere di loro interesse, è un serio danno per i processi di welfare aziendale e, di conseguenza, per l’azienda stessa. In alcuni casi, inoltre, è il collaboratore stesso a non apprezzare l’erogazione di premi che, di fatto, diminuiscono i propri contributi pensionistici.

Un esempio

Si ipotizzi che un’azienda, sotto il periodo natalizio o durante l’approssimarsi di un trimestre positivo, decida di erogare dei premi aziendali. Ovviamente la percezione del dipendente sarà a vantaggio di un bonus economico. Tuttavia se, poniamo, il benefit sia di 1000 euro, una volta “sopravvissuto” alla tassazione il benefit sarà probabilmente della metà, o poco più(ci sono differenti fattori per il calcolo del benefit economico finale).
Se invece lo stesso benefit o premio viene dato in welfare, l’intera cifra verrà percepita senza nessuna deduzione.

Per far questo tuttavia è necessario che le due sfide sopra menzionate siano superate.
Cioè che l’azienda sappia veramente come funziona il welfare e le aree dove i vantaggi possano essere applicati e conosca egualmente i gusti e gli interessi dei suoi dipendenti. E dall’altro che i dipendenti abbiamo un ruolo partecipativo nell’azienda.

Sicuramente i nuovi bilanci dei prossimi anni porteranno ulteriori novità a questo settore. Tuttavia già ora per le aziende italiane, e come detto non si parla solo delle grandi aziende ma anche delle PMI, il welfare aziendale è una soluzione vincente. Basta coglierla.

Continua a leggere

Crescere

Non dire alle persone come ti guadagni da vivere

Le persone non interagiscono con i titoli e con le competenze. Le persone interagiscono con le persone.

Pubblicato

il

È successo più o meno 15 anni fa.
Ho detto che vendevo ottime sim aziendali.
Lui ha detto: “Interessante. Dicono sia un business in crescita.”
E non ha aggiunto altro.

Qualche anno dopo, ho detto che facevo siti web a buon prezzo.
“Anche questo è interessante. Sei un ragazzo in gamba e ti dai da fare”. Anche questa volta non è successo niente.
Poi ho lasciato perdere i contenitori e sono passato ai contenuti.
“Adesso scrivo cose che le persone vogliono sentire. Anche per aziende come la tua.”
E non è successo niente.

Allora insegna

Poi un giorno ho pensato di aver capito.
Un giorno tutti si sono svegliati dicendo che bisognava educare. Insegnare. Spiegare come fare.
E tutti hanno iniziato a farlo. Anche se avevano wikipedia da una parte e poca esperienza dall’altra.
Tutti sono saliti sul carrozzone.
L’ho fatto anche io.

Ho iniziato a scrivere come scrivere.
Ho iniziato a dire cosa dire.
Ho iniziato a dire cosa funzionasse nel web e in questo mondo digitale.
E solo allora ho capito. Non avevo la minima idea di come funzionasse.

È stato un momento terribile.
Sei lì che ti accorgi che vendi una cosa che avresti bisogno di comprare.

E non ti resta che fare due cose:
a) Continuare a mentire. Ma non puoi farlo a lungo se sei un pizzico sano di mente.
b) Ammetterlo.

E ho iniziato a parlare di quanto avessi paura. Di quanto fossi confuso.

Ho iniziato a dire cosa avevo voglia di fare. E che mi sarei messo in cammino anche se pieno di dubbi.
Mi sono guardato intorno e c’erano i miei bambini a tenermi compagnia. Mia mamma e qualche amico a leggermi per non farmi sentire molto solo.
E anche questo è stato terribile.

Ho scritto anche su questo. Potrei riempire un libro di tentativi e fallimenti. E di paure. Di paura di non arrivare mai.

Poi è successo

Un giorno mi ha scritto un tizio e mi ha detto “capisco come ti senti.”
Eravamo in due. E questo mi ha fatto sentire bene.

Ho raccontato anche questo. Di quanto sia bello sentire che qualcuno ti sente e sa come ti senti.
E mi ha scritto un altro tizio.
“È successo anche a me.” Mi ha detto. Anche se il contesto era completamente diverso.

Ho scritto anche di questo.
Di come a volte la tua storia non è soltanto tua. È una storia che ci si passa di mano, scambiandosi a volte anche il significato.

E poi ho iniziato a parlare di significato.
Di sfide e paure.

Ancora una volta. Ma in modo diverso.
Senza la pretesa di insegnare niente. Senza dare tante risposte ma facendo domande.
Ho messo da parte anche la pretesa che qualcuno rispondesse. Ho iniziato a parlare come se fossi da solo; anche perché a volte è vero.

Un tizio un giorno mi ha chiamato al telefono

“Mi piace ciò che dici. Avrei un lavoro per te”.
C’era da scrivere una guida su una località turistica.
C’era da fare una breve ricerca e infilare un paio di parole una dopo l’altra.
“Ti do 30 euro”.

Ho accettato.
E ho scritto anche di questo. L’ho detto in giro.
Ho detto che un tizio mi aveva chiamato e offerto un lavoro. Solo perché mi aveva visto simpatico. O forse perché gli facevo pena. Che importa.

Potrei continuare all’infinito

Ogni volta che è successo qualcosa intorno a me, o dentro di me, l’ho raccontato in giro.
Ho smesso di dire come mi guadagno da vivere.
Ho iniziato a dire dove stessi andando e come mi sentivo ogni volta.

Faccio ancora così.
A volte succede che qualcuno intraveda una destinazione comune o si senta vicino e vuole parlare con me. E poi qualcosa succede.

È più intrattenimento che educazione

Ho 34 anni, due figli, due cani. Ho scritto migliaia di articoli sul web e un libro. E quello che ho capito è che le persone non parlano con i titoli e con le competenze. Non interagiscono con quello che fai per guadagnarti da vivere. Le persone interagiscono con le persone.

Le persone non interagiscono con i titoli e con le competenze. Non interagiscono con quello che fai. Le persone interagiscono con le persone. Click To Tweet

Tornando al discorso di prima, riguardo a insegnare e contenuti utili, si tratta più di intrattenimento che di altro. È più arte che scienza. Più vita che strategia.

Le persone fanno affari con i loro amici. E con quelli che potrebbero diventare loro amici.
Di norma, ci si affida a qualcuno che sembra buono. O bello. O sensibile. Gli studiosi lo chiamano Halo Effect ma io preferisco dire che sia normale.

Ho un commercialista. Ho un avvocato. Un editor. Un insegnante di inglese.
Non so se siano i più bravi del settore o i più convenienti. Li ho chiamati, e poi assunti, perché mi piaceva il loro modo di dire le cose, fare le cose, pensare le cose.

La maggior parte di loro non hanno scritto guide definitive e non hanno un sito web da urlo. Mi sembravano brave persone e ad oggi sono convinto che sia davvero così.

Poi chiaramente risolvono anche i problemi. Ma questo è venuto dopo.
Altrimenti sarebbe tutto diverso.

Le informazioni non ci mancano, ne abbiamo in abbondanza.
Potremmo andare su Google e cercare sempre ciò di cui abbiamo bisogno. Ed è anche vero che a volte lo facciamo ma, quasi sempre, non per le cose che contano davvero.
Forse se scoppi una gomma e ti serve un gommista in quel momento e in quel luogo. Ma non per un dentista. Non per chi deve operare tuo figlio. Non per chi deve aiutarti con la tua impresa o curarti la schiena.

Per questo genere di cose, ci affidiamo alle emozioni e alle sensazioni. O ai consigli di altre persone.
Ma le persone alle quali chiediamo consiglio sono di norma persone con le quali abbiamo una storia in comune. Persone che un giorno ci sono sembrate vicine, con le quali condividevamo una qualche destinazione, e ci siamo avvicinati ancora di più.
Nessuno chiede al primo che passa di consigliare una baby sitter alla quale affidare i bambini.
Nessuno si fida di chi non conosce e di chi non gli piace.

Ho scritto anche di questo. Tante volte.

E un giorno mi ha scritto un tizio.
Una lunga mail dove si diceva d’accordo e che anche lui avrebbe voluto dire queste cose e scriverle nel web. Solo che non era capace.
E io gli ho detto “perfetto. Ti aiuto io. Sono un ghostwriter” (succedeva tanti anni fa).

Che poi è quasi tutto quello che ho capito di questo mondo digitale.

Non dire alle persone come ti guadagni da vivere.

Prima viene molto altro.
Viene capire chi sei, cosa vuoi, dove stai andando.
Prima viene fare capire alle persone chi (e non cosa) sei, cosa vuoi, dove stai andando.

Oriah l’ha detto meglio.

“Non mi interessa che cosa fai per guadagnarti da vivere. Voglio sapere che cosa desideri ardentemente e se osi sognare di soddisfare l’anelito del tuo cuore. Non mi interessa la tua età. Voglio sapere se rischierai di passare per pazzo nel nome dell’amore, per i tuoi sogni, per l’avventura di essere vivo.”

Continua a leggere

Trending

Condividi
Tweet
Condividi
Condividi
Tweet
Condividi