Connect with us

In primo piano

Stage: ti insegno e poi ti assumo (ma non è vero, capita solo 12 volte su 100)

Il 44% degli stagisti ha tra i 25 e i 34 anni, quasi il 15% supera i 40. Per loro, il futuro non si chiama lavoro ma stage. Cioè incerto e sottopagato.

Pubblicato

il

Quando ho capito che in Italia si assumono solo stagisti e apprendisti era tardi, circa l’una di notte. Ero appena rientrato da Milano, dove ormai da tre anni vivevo una storia d’amore che non si accontentava più dei fine settimana.

Deciso a trovare una soluzione alle esigenze di cuore, avevo aperto LinkedIn e mi ero messo a cercare qualche opportunità di lavoro in Lombardia; naturalmente, avevo già fatto il lutto del mio super salario svizzero, sicuro che non avrei mai potuto averne uno comparabile, nel Bel Pease. Ma non mi ero preparato allo shock di scoprire che la maggior parte delle posizioni disponibili era a livello di “entry level”. O apparentemente tali.

L’aspetto formativo

Ho sentito molte persone lamentarsi della qualità delle prestazioni di chi si affaccia sul mondo del lavoro. E qui va fatto subito un distinguo: ci sono gli stage curricolari, quelli cioè che fanno parte di un percorso di studi, e poi ci sono quelli extracurricolari, spesso proposti come anticamera dell’assunzione (in teoria).

Nel primo caso, siamo in una dimensione di apprendimento, tra l’altro ancora non consolidato: per molti studenti è la prima volta che si ritrovano in un contesto lavorativo e, sinceramente, ci sta che siano un po’ imbranati.

Il secondo caso, invece, è dove avvengono la maggior parte degli abusi.
La narrativa del “ti insegno il lavoro e poi ti assumo” è smentita dai dati: solo il 12% degli stagisti è assunto a seguito dello svolgimento di un periodo di stage nella stessa azienda con cui ha firmato il contratto.

Verrebbe da dire che solo i migliori vengono assunti, vero? Ma se la qualità è così scadente, perché solo lo 0,7% dei tirocini viene cessato su iniziativa del datore di lavoro? Il 70% abbondante arriva alla fine del periodo di orientamento (o “formazione”), mentre di solito è lo stagista che lascia, speriamo perché nel frattempo ha trovato un lavoro “vero”.

L’ampiezza del fenomeno

Considerando tutte le categorie di stagisti arriviamo a circa 1’000’000 di persone all’anno. Ma come fa notare la ricercatrice Rossana Cillo nel suo libro Nuove frontiere della precarietà del lavoro, mancano all’appello alcune decine di migliaia di stagisti, poiché non ci sono fonti e dati su alcune categorie di stage numericamente rilevanti, come “quelli curricolari attivati da studenti che frequentano master di I e II livello e corsi di formazione professionale, e i praticantati richiesti per poter sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio di alcune professioni”.

È inoltre diffusa la pratica, soprattutto nella Pubblica Amministrazione e nel terzo settore, di proporre tirocini volontari non retribuiti, senza un ente promotore e senza la stesura di un progetto formativo.

Il dato che ci interessa, tuttavia, è quello dei tirocini puramente extracurriculari, ovvero quelli più a rischi di sfruttamento e che rappresentano circa un terzo di quel milione di stagisti.

Nel 2012 erano 63’000, mentre il numero dei tirocini attivati nel 2017 è pari a circa 368’000.

Una progressione del 500% in cinque anni senza sostanziali cambiamenti nella normativa legale deve pur significare qualcosa. Non è un dato che possiamo trovare casuale. È lì, è grosso e grasso, e a mio avviso è la punta dell’iceberg di una cultura del lavoro che si sta avvelenando rapidamente e questo a svantaggio di tutti, lavoratori e datori di lavoro.

Più danni che vantaggi

Se all’inizio l’HR che c’è in me non ci vedeva nulla di male, col tempo, incontrando molte persone occupate in stage e leggendo sempre più annunci a loro dedicati, sono arrivato a una conclusione semplice: gli stagisti fanno male all’economia. Anzi, mi correggo: le aziende che assumono sistematicamente forza lavoro con contratti di tirocinio stanno distruggendo l’economia del Paese.

Ho parlato con diversi piccoli imprenditori che mi assicurano che non potrebbero fare altrimenti: lo stagista costa meno, macina lavoro e, soprattutto, contribuisce ad alleggerire il cuneo fiscale sull’azienda, grazie alle varie agevolazioni concesse.

È sicuramente vero.
Come è vero che incrementare l’impoverimento dei lavoratori, abbassando di conseguenza il loro potere di acquisto, non contribuisce a migliorare la salute dell’economia.

Non dovrebbe essere compito degli imprenditori trovare soluzioni al ribasso per far quadrare i conti: è una responsabilità dello Stato.

Manodopera a basso costo

Non nascondiamoci dietro a un dito: quando cade il movente formativo, lo stagista è semplicemente una risorsa che costa poco.
La politica, anche in questo caso, ha le sue responsabilità: con l’introduzione dell’equo compenso, il tirocinio è diventata la migliore scusa per erogare ai giovani un mini-salario senza investire un centesimo sulla parte degli obblighi formativi.

Addirittura, alcuni stage proposti dalle aziende sono doppioni di quelli curricolari, soprattutto nelle professioni sanitarie. Non c’è nessuna ragione empirica, a parte quella economica, per cui un datore di lavoro debba assumere come stagista un operatore socio-sanitario diplomato, oppure che ci siano farmacisti abilitati e qualificati all’esercizio della professione, addirittura già iscritti all’albo, a cui vengono proposti contratti di tirocinio.

Ho lavorato molti anni come HR di un ospedale svizzero: diverse persone disoccupate in Italia chiedevano di fare degli stage in ambiti qualificati; per regolamento interno, non accettavamo nessuno che avesse già una qualifica in quell’ambito. Ma legalmente avremmo potuto assumerli (anche se, nel caso dell’assunzione di stranieri, c’era un ulteriore filtro da passare rispetto al controllo statale contro il dumping salariale).

Ecco: dumping salariale. Alle nostre latitudini è un’espressione corrente ma si applica perfettamente anche alla realtà degli stage in Italia: si tratta di quel fenomeno che tende ad abbassare i salari generali, assumendo persone che sono disposte a lavorare per cifre molto inferiori rispetto al valore di mercato di quella professione.

E attenzione: è un circolo vizioso, perché più il fenomeno del dumping salariale si consolida, e più forte sarà nel tempo l’erosione del salario medio. Un RAL annuale di 30’000 Euro, dopo 10 anni di stagisti a rimborso spese, sarà proposto senza vergogna a 23’000.

Un caso tipicamente italiano

L’Italia è al primo posto in Europa nella classifica dei cosiddetti NEET, l’acronimo inglese che indica i giovani tra i 20 e i 34 anni che non studiano E non lavorano (quelli che vedete in giro col cinquantino a gironzolare intorno al bar del villaggio a ogni ora del giorno, per intenderci). Erano il 26% nel 2016. Un ragazzo su quattro.

Per trovare una soluzione a questo fenomeno, sono stati iniettati diversi miliardi nel progetto Garanzia Giovani, il programma europeo di inserimento nel mondo del lavoro per i giovani che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (i NEET, appunto).
Il programma comprende politiche attive di orientamento, istruzione e formazione, nonché l’inserimento al lavoro.

Il 54% dei ragazzi italiani che beneficiano di questo percorso approda a un tirocinio, contro una media europea del 13%. Vedete che quando affermo che gli stage sono una prerogativa (leggi: un problema) italiano non vado a naso.

Meglio uno stage che un calcio nelle gengive, verrebbe da dire? No, perché lo scarpone che colpisce i denti dell’economia (e del futuro di questi ragazzi) è proprio lo strumento del tirocinio. Infatti nel biennio 2014-15, la media europea di chi ha trovato lavoro grazie a Garanzia Giovani è dell’80%, con picchi del 90% in Francia. L’Italia rimane fanalino di coda con il 31%, lontanissima dalla penultima Irlanda, che riesce comunque a fare due volte meglio, con il 64% di proposte contrattuali.

A occhio e croce, 40% delle assunzioni potenziali sono quindi cannibalizzate da percorsi di tirocinio a bassa retribuzione e a zero garanzie.

Una soluzione alla burocrazia?

Una campana interessante che ho sentito rispetto a problematiche di questo genere è che lo stage rappresenta un’alternativa conveniente al regime dei contratti a tempo determinato. La ragione è semplice: la normativa legale è troppo restrittiva e lo è diventata ancor di più dalla ratifica del Decreto Dignità del ministro Di Maio. Come a dire che la strada per l’inferno è spesso lastricata di buone intenzioni.

A parte il fatto che, di nuovo, i lavoratori pagano lo scotto di qualcosa che non funziona a causa del sistema, mi sento tranquillo nel ribadire che anche questa è solo una scusa. Infatti, il contratto a tempo determinato rimane la forma contrattuale prevalente in Italia e si attesta al 70% del totale delle attivazioni del 2017.

A titolo indicativo, in Svizzera la percentuale dei contratti a durata determinata è dell’8%. E la cosa che mi fa sorridere è che altri indicatori di “stabilità”, come ad esempio il fatto di essere proprietari di una casa, sono invertiti: in Italia, 30% delle persone sono in affitto, contro il 70% in Svizzera. Eppure in Italia, se crediamo alle statistiche, abbiamo un numero molto maggiore di precari, che in teoria la casa non dovrebbero proprio pensarci a comprarsela.

Qualche esempio pratico

La ragione principale per cui ho deciso di trattare questo argomento è che, a mio avviso, bisogna prendere coscienza che c’è qualcosa che non va.
Quando viviamo in un mondo disfunzionale, ragioniamo in modo altrettanto disfunzionale. È quindi necessario fermarsi, fare un passo indietro, o fuori dalla situazione, e guardarla con distacco. Le statistiche servono a questo, ma sappiamo che anche ai dati si può far dire quello che si vuole.

Il modo migliore per fare un “reality check” è quello di confrontarsi con annunci veri, che ho raccolto nella prima settimana di ottobre 2018 su LinkedIn. Non si tratta di mettere alla berlina nessuno, ma semplicemente di constatare il fenomeno.

(Nota: Gli annunci erano presenti sulla piattaforma LinkedIn, nella sezione Jobs, e consultabili liberamente. sulla base della ricerca “stagista” in località “Milano, Italia”, in data 7 ottobre 2018. Rimane naturalmente riservato l’eventuale diritto di replica dei diretti interessati.)

Case study 1: Studio Odontoiatrico di Milano

Iniziamo con uno Studio Odontoiatrico di Milano, di cui non è citato il nome, che cerca un(a) stagista assistente alla poltrona. Nell’annuncio si sottolinea che la posizione è aperta ad ambo i sessi e questo è ben indicato anche nella scelta dell’articolo declinato sia al femminile e al maschile. Possiamo quindi presupporre che ci sia attenzione al quadro legale.

Al mio occhio di HR navigato questo mi sembra il mansionario di un’assistente alla poltrona diplomato (soprattutto per gli aspetti legati all’igiene, come la sterilizzazione dello stumentario). Non si fa riferimento a un quadro formativo, a un accompagnamento, a un eventuale sbocco professionale futuro. Qui si cerca semplicemente manodopera a basso costo. Punto.

Case study 2: Generali

Un grosso gruppo, sicuramente, con le risorse e la struttura adeguata per accogliere persone in formazione.
La ricerca riguarda uno/a stagista da inserire all’interno della Direzione Pianificazione e Controllo, con riporto diretto al responsabile del servizio. Si presuppone che questo manager si occuperà anche della formazione del tirocinante? Non viene precisato.

Le mansioni sono tipicamente impiegatizie, ma certo che in Italia gli stagisti, molto probabilmente al primo impiego, ne sanno fare di cose. Vediamo qual è il profilo ricercato: una laurea in materie economiche, le solite ottime conoscenze di Office e in particolare conoscenza avanzata di Excel, team working, problem solving e… ecco che casca l’asino: “costituiranno titolo preferenziale per i candidati eventuali pregresse esperienze lavorative in ambito Pianificazione e Controllo e/o Contabilità”.

Non so voi, ma io la sola differenza che vedo tra un collaboratore e un stagista, in questo caso, è il salario. Non è inoltre fatta menzione di nessun programma formativo e/o di inserimento.

Case study 3: Protiviti

Da un “gruppo multinazionale di consulenza direzionale, specializzato nel creare valore attraverso la capacità di analizzare e gestire il rischio e la nostra visione della Governance Aziendale” mi aspetto assunzioni di specialisti di alto livello.

Vediamo un po’… interessanti due cose: la parola “potenziamento”, che lascia intendere che la persona è ad organico, quindi una risorsa supplementare, non un inserimento formativo; e poi il titolo “HR Generalist”, perché, diciamocelo, è quello il vero titolo della posizione, non “stagista”. La lista delle mansioni, inoltre, è in tutto e per tutto quella di una persona che si occupa di amministrazione del personale.

Case Study 4: Orienta

Andiamo a lavare i panni sporchi in casa HR.
Orienta di Arcore per un suo cliente cerca:

E qui risparmio ogni commento, a parte indicare che si tratta di uno screenshot dell’annuncio originale e quindi gli errori di battitura non sono miei…

Case Study 5: Adecco

Dai, andiamo dai leader di mercato.
Adecco è una multinazionale svizzera, da cui mi aspetto comportamenti al di sopra degli standard etici, anche perché è la “più importante piattaforma multibrand di consulenza e soluzioni HR per il mondo del lavoro che comprende servizi di ricerca e selezione, formazione, consulenza organizzativa, head hunting, somministrazione di lavoro a tempo determinato e indeterminato, soluzioni in outsourcing e outplacement”. Non sono gli ultimi arrivati.

Bene, la filiale di Binasco sta cercando una persona che si occuperà di “attività di reclutamento e selezione del personale”.

A parte la laurea e delle buone doti relazionali si specifica che non è richiesta nessuna esperienza pregressa. Bene, mi sembra un buon inizio. Inoltre non si parla di “Stagista” nel titolo.

Vediamo le mansioni: la maggior parte sono attività tipiche di segretariato. La parte di screening di CV e quella dei colloqui, invece, mi inquieta a priori: non le farei fare a cuor leggero neanche a una specialista HR con due anni di esperienza figuriamoci a… uno stagista, sì, perché l’ultimo paragrafo è dedicato alle condizioni contrattuali, su cui Adecco, devo dire, mostra la massima trasparenza.
Ma vogliamo commentare quel rimborso spese? Per una persona che verosimilmente avrà in mano il destino di altre persone in cerca di lavoro?

Case study 6: My Taxi

MyTaxi a Milano se la gioca internazionale e pubblica in inglese l’annuncio per un “Driver Services Intern”, della durata di 6 mesi.

I paradossi cominciano già alla seconda riga: “You will be responsible for the acquisition, training and motivation of the mytaxi taxi fleet in Milan”. Quindi stanno cercando uno stagista (“intern”) che sarà responsabile dell’acquisizione, della formazione e della motivazione dei taxisti? Wow. Dici niente.

Tra le varie responsabilità, annoveriamo: “Gestione del processo di CRM per i taxisti; il consolidamento di una forte rete locale per facilitare le cooperazioni e rappresentare MyTaxi agli influencer autoctoni per creare un buona reputazione al marchio su Milano; contribuire in modo significativo al coordinamento, alla ricerca, all’organizzazione e all’esecuzione delle attività o delle promozioni del dipartimento; dare forma e migliorare i processi di vendita sulla base degli input del mercato. Mi ripeto, posso? Wow, dici niente!

Una questione di classe

Questi erano alcuni annunci che ho trovato nel giro di pochi minuti con una ricerca semplice su LinkedIn.

A onor del vero, ho letto anche qualche caso virtuoso, o per lo meno espresso in maniera più consona, come ad esempio Bershka, che cita anche l’accompagnamento di personale esperto: “L’obiettivo dello stage è trasmettere al tirocinante le tecniche espositive specifiche del fashion retail, sviluppando le sue competenze in materia di visual merchandising e le sue capacità creative.”

Pure Manpower mette l’accento sulla presenza di personale con esperienza che affiancherà gli stagisti.
Che sia vero o no, per lo meno è la prova di una sensibilità all’argomento, che invece i casi citati sembrano non avere.

E perché questo? Perché siamo assuefatti a questo modo di ragionare.
Lo stage è diventato il punto di entrata obbligato nel mondo del lavoro per cui ci rassegniamo e non ce la prendiamo neppure più.

Nel medio termine, questa “abitudine” potrebbe avere in risvolto inatteso: ristabilire le differenze di classe. Se lo stage è un pre-requisito necessario per entrare nel mondo del lavoro, e sembra moltiplicarsi al punto che il primo contratto arriva solo dopo 2-3 cicli di stage, questo significa che si viene a creare una barriera tra chi può permettersi di aspettare e chi invece deve lavorare subito.

Quindi i giovani provenienti da famiglie più modeste tenderanno a cercare lavori più “umili” in cui la soglia di entrata è meno dispendiosa. L’implicazione è che i salari elevati e i profili di carriera che portano a questo tipo di profilo saranno riservati a chi ha possibilità di sostentamento che vanno ben al di là del rimborso spese da stagista, magari in una grande città in cui la persona ha dovuto emigrare alla ricerca di uno stage.

A questo punto è forse utile precisare che sono stato stagista anch’io. Ho fatto sia stage retribuiti che non. Ma questo a inizio carriera, in un momento della mia vita in cui effettivamente dovevo imparare un mestiere. E l’ho fatto con grande entusiasmo e sono ancora riconoscente alle persone che mi hanno dato quell’occasione.

Non intendo demonizzare lo stage in sé.
Ma sono convinto che vada stigmatizzato, una volta per tutte, l’utilizzo eccessivo che se ne fa in Italia.

È ora di dirlo forte e chiaro, sia alle aziende che alla classe politica: basta esagerare.

Una generazione di vecchi stagisti

Nonostante la quantità di denaro investita dallo Stato per sostenere le assunzioni, la probabilità di essere assunti dopo uno stage extracurriculare non è cambiata negli ultimi tre anni. Ciononostante, La Repubblica degli Stagisti, fa notare che si può dire però che è migliorata la qualità dei contratti che vengono offerti agli ex stagisti.

Gli incentivi economici hanno fatto aumentare le assunzioni

“Il combinato disposto della nuova disciplina dei contratti a tempo indeterminato, gli incentivi economici previsti dalla Finanziaria 2015 e dal programma Garanzia Giovani”, scrive la sua fondatrice Eleonora Voltolina, “hanno fatto aumentare le assunzioni post stage a tempo indeterminato e ridotto la quota di contratti precari.

È pur vero che Le grandi aziende attive nelle telecomunicazioni, nei servizi informatici, nella consulenza, così come la farmaceutica e l’industria petrol-chimica utilizzano spesso lo stage come mezzo di pre-selezione, come se fosse un periodo di prova.

Ma altri settori dell’economia, in particolare quelli stanno sperimentando le maggiori pressioni a livello di mercato del lavoro, tipicamente la sanità, l’assistenza sociale, l’istruzione e i servizi formativi privati, hanno la tendenza a supplire alle carenze di personale con stagisti a costo zero (o quasi).

Questo sistema che a primo acchito fa risparmiare soldi alle aziende, sia sotto forma di salari bassi che di agevolazioni fiscali, sta minando alla base l’intera società: il 44% degli stagisti ha tra i 25 e i 34 anni.

Il 44% degli stagisti ha tra i 25 e i 34 anni.Click To Tweet

Ma di cosa stiamo parlando? Quella è l’età in cui la carriera dovrebbe essere già avviata. Questo dato è sintomo che c’è un collo di bottiglia economico, una gabbia professionale, insomma: è sintomo di qualcosa che non va.

A questo si aggiungono il 14,4% degli stagisti che ha più di 45 anni. Le disabilità, le esperienze di recupero sociale o di ri-orientamento professionale non giustificano un dato tanto elevato.

Insomma, siamo arrivati al punto che quando chiederai “Ciao bella bimba, dimmi: cosa vuoi fare da grande?” questa ti risponderà “La stagista, come il papà”.


Nota: Ove non citati, i dati sono da attribuirsi al Rapporto Annuale 2018 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

HR | Digital Transformation | Change Management | Co-Founder Purple&People. Negli ultimi 15 anni ha rivestito ruoli manageriali nell’ambito delle risorse umane, a 360°, lavorando in grandi aziende americane, in multinazionali francesi e in organizzazioni parastatali svizzere. Il suo focus personale si concentra soprattutto sulla digital transformation, la gestione del cambiamento, le relazioni con gli stakeholders e lo sviluppo dei talenti. Ha il pallino per le questioni di genere e il diversity management, con una fastidiosa tendenza a voler sperimentare in prima persona le innovazioni e i modelli organizzativi radicali.

In primo piano

Scioperare è un diritto ma in realtà c’è molto da lavorare

È tempo di creare nuove forme di partnership tra lavoratori, aziende e rispettivi rappresentanti. Nuove relazioni basate sulla fiducia reciproca, sulle responsabilità condivise. E meno scioperi, specie di venerdì…

Pubblicato

il

Il vestito della domenica, la pizza del giovedì sera, lo shopping del sabato e… lo sciopero del venerdì.

Nel calendario settimanale, l’abitudine più sgradevole è sicuramente quella di rassegnarsi a fare la sardina, tutti vicini vicini e compressi nei vagoni delle fasce protette, a recitare defissioni su almeno tre generazioni di madri dei tramvieri. 

In Italia, bus tram e metropolitane scioperano circa 120 giorni all’anno, vincendo facilmente la palma d’oro delle agitazioni sindacali. Nel 2017, su un totale di 1’488 scioperi realmente effettuati, il settore del trasporto pubblico locale ne ha svolti 318, cioè uno su cinque. E praticamente sempre di venerdì.

Un diritto: abusato?

Lo sciopero è l’astensione organizzata dal lavoro di un gruppo di lavoratori dipendenti, con l’obiettivo di fare pressione a tutela di comuni interessi o a difesa di diritti di carattere politico o sindacale. Non per niente viene solitamente proclamato dai sindacati.

Di fatto, però, le ragioni rimangono oscure ai più. Nonostante esistano degli obblighi ben precisi sia per chi proclama lo sciopero che per chi ne dà notizia, raramente gli organi di informazione forniscono informazioni sulle motivazioni delle agitazioni.

Eppure in Italia lo sciopero è un diritto riconosciuto dalla Costituzione all’articolo 40: “Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano»” Peccato che queste leggi siano state promulgate solo nel 1990 (la legge 146) e poi nel 2000 (legge 83).
Il quadro legale è comunque molto chiaro, nonostante le regole possano cambiare leggermente a dipendenza dell’ambito di lavoro: si definisce chi non ha il diritto di scioperare, quali sono i servizi che devono essere garantiti in ogni caso, entro quando va annunciato (almeno 10 giorni prima), con quali modalità e quali sono le procedure obbligatorie volte a cercare di evitare lo sciopero (per esempio la contrattazione tra le parti).

Da parte nostra – dei cittadini – prevale invece l’attitudine di sconforto di fronte a un fenomeno che, ormai, cataloghiamo come “venerdì nero” e che viene svuotato di ogni significato. La percezione è che lo sciopero sia una forma di dispetto da parte di statali fannulloni che vogliono solo farsi un week-end di tre giorni.

Di scioperi e paradossi

Il settore dei trasporti pubblici è emblematico in questo senso: per quasi un decennio non ha visto rinnovato il proprio contratto nazionale. A valle (o forse a monte) di questo dato di fatto c’è stata una proliferazione delle sigle sindacali, che ha portato alla proclamazione di molte agitazioni da parte di organizzazioni anche fortemente minoritarie.

A questo si aggiunge un effetto oserei dire perverso legato al sistema di distribuzione dei contributi pubblici alle aziende di trasporto: ogni volta che c’è uno sciopero, i lavoratori perdono lo stipendio mentre i vari consorzi ci guadagnano tre volte, risparmiando sui salari, economizzando gasolio e manutenzione dei mezzi che rimangono in deposito e percependo comunque i finanziamenti statali.

Infatti le vendite di biglietti e abbonamenti coprono soltanto il 30% circa dei costi di esercizio. Nessuna impresa pubblica o privata avrebbe interesse a fornire questo tipo di servizio se non ricevesse importanti contributi da parte dello Stato.
L
’associazione che rappresenta le aziende di trasporto, l’Asstra, nega che queste guadagnino con lo sciopero, e sostiene che i contributi sono legati ai chilometri effettivamente percorsi, che però in molti casi sono forfettari.

Resta il fatto comunque che i gestori del servizio sono poco interessati a chiudere le vertenze con i loro collaboratori perché, in caso di agitazione sindacale, le perdite che subiscono sono limitate. Non possiamo dire lo stesso dei cittadini, che si ritrovano in ostaggio di beghe di cui sanno poco o niente.

Il ruolo dei sindacati

Chi invece ne conosce bene i retroscena sono i sindacalisti, poco importa di che settore o credo politico. È un mestiere, a mio parere, in via di estinzione, vittima di anni di lotte sbagliate, fatte per conservare i privilegi di taluni e per opporsi a ogni cambiamento, e questo di principio.

L’Italia è stata per molti anni alla mercé di persone che, sebbene mosse da ideali nobili, hanno finito per guardare sempre e solo nello specchietto retrovisore. Persone per le quali il futuro è necessariamente minaccioso e peggiore del presente e che stanno vivendo il tramonto di un sistema basato sui grandi partiti politici e sulle opposizioni sinistra-destra, lavoratori-padroni, come se fosse la fine del mondo.

È un discorso delicato, questo.
C’è chi ritiene essenziale il ruolo dei sindacati in quanto danno voce ai lavoratori, in un mondo dominato dalle regole dell’economia, in cui ogni datore di lavoro è vassallo; i sindacati garantiscono salari migliori e trattamenti equi, in un particolare momento storico in cui all’orizzonte spunta lo spauracchio dei licenziamenti a causa della tecnologia.
In quest’ottica, dei salari più alti significano che più soldi possono essere iniettati nel commercio, e quindi questo sarebbe al servizio di un mondo migliore.

Poi ci sono quelli che invece danno la colpa ai sindacati di appestare l’economia: organizzazioni corrotte che utilizzano i fondi forniti dai loro membri per fini politici e che causano l’aumento del costo della vita, rendendo difficile le attività anche delle aziende oneste.

Altri ancora credono che i sindacati non siano più necessari perché le protezioni legali dei lavoratori sono molto migliorate. Ma il contro argomento è che molte di queste protezioni non esisterebbero oggi se i sindacati non avessero forzato la mano ai governi, per difendere i diritti dei lavoratori. Ma questo era nel passato.

Personalmente, credo che il sindacalista sia un ruolo ambiguo, perché è tenuto a fare gli interessi dei lavoratori ma è pagato per essere un sindacalista. Cosa vuol dire? Che è obbligato, in qualche modo, a fomentare le contrapposizioni di classe, anche quando non ci sono.
In realtà, il suo è un mestiere soggetto a un forte conflitto di interessi, perché non gli conviene che ci sia la pace tra datore di lavoro e lavoratori. O per lo meno deve fare in modo che questa pace sia costantemente sotto pressione e oggetto di negoziazioni, di cui il sindacalista stesso costituisce elemento essenziale.

Ordinamenti (e culture) a confronto

Ho sempre detto ai miei amici Italiani che in Svizzera lo sciopero è anticostituzionale. Non è completamente vero: l’articolo 28 della Costituzione federale è più restrittivo del suo corrispettivo italiano, ma non lo vieta: “Lo sciopero e la serrata sono leciti soltanto se si riferiscono ai rapporti di lavoro e non contrastano con impegni di preservare la pace del lavoro o di condurre trattative di conciliazione.”

ll motivo della relativa rarità degli scioperi in Svizzera è legato a una lunga tradizione, soprattutto nel settore industriale, di cercare di evitare il conflitto attraverso la negoziazione. Gran parte dei contratti collettivi, che fissano le condizioni di lavoro, contempla una clausola sulla cosiddetta “pace del lavoro”.

In un periodo in cui si parla molto di “pace fiscale” come sinonimo di “condono”, è facile intuire che dietro all’espressione “pace del lavoro” ci sia in realtà l’impegno sindacale a non indire scioperi. È vero che anche il datore di lavoro si impegna a trovare delle soluzioni condivise, ma perché la tradizione della negoziazione è fortemente ancorata nella società elvetica, e la si ritrova a tutti i livelli della società.

Questo non significa che la Svizzera sia esente da conflitti di lavoro.
All’inizio della mia carriera, lavoravo per l’operatore telefonico Orange: durante un periodo di riorganizzazione, alcuni collaboratori organizzarono uno sciopero. Ricordo che arrivarono autorità e televisioni, perché era qualcosa di estremamente inusuale, per la Svizzera.

L’ultimo sciopero dei trasporti pubblici risale al 2014, a Ginevra, quando i lavoratori hanno scioperato per opporsi ad alcuni tagli di bilancio e di posti di lavoro. Il precedente sciopero nei trasporti pubblici ginevrini risaliva al… 1982.

Cambiare e coinvolgere

Come per la maggior parte dei fenomeni legati al mondo del lavoro, sono fermamente convinto che sia giunto il momento di attuare un cambio di paradigma.

Si deve cominciare col comprendere che gli interessi dei lavoratori sono gli stessi del datore di lavoro, e viceversa. C’è molto lavoro da fare a livello di impresa per sviluppare una sensibilità alle proprie responsabilità civili e sociali. E non sto parlando di semplice social responsibility, che non è un’altra moda del marketing, per truccare un po’ il viso fatiscente di certe aziende.

Sto parlando di capire che siamo tutti sulla stessa barca.
E nella stessa maniera, i sindacati devono cominciare a smettere di rimpiangere i giorni delle barricate e delle lotte di classe. Certo, quando c’erano i muri, certe cose erano più certe. Oggi viviamo in una società liquida, dove tutto tende a mischiarsi a confondersi. Anche le ideologie.

Non possiamo più tendere imboscate chiamandole scioperi, portando la battaglia per i nostri interessi nel campo della liberà di altri lavoratori, che si trovano lesi dalle nostre rivendicazioni. Io blocco la metropolitana, e loro devono alzarsi un’ora prima per arrivare in tempo in ufficio. Un’ora sottratta al sonno e agli affetti per… cosa?

Per “chiedere di condividere con i lavoratori almeno una piccola parte degli enormi utili che l’azienda fa attraverso un premio di produttività (che non sia il bonus una tantum per il periodo natalizio proposto dall’azienda) e un livello di retribuzione che vada oltre il livello minimo previsto dal contratto nazionale”, come recitano ad esempio le motivazioni dello sciopero dei dipendenti Amazon Italia in pieno black-Friday (un altro venerdì, anche questo).
Come se il premio di produttività fosse la priorità rispetto alle condizioni di lavoro della multinazionale americana in questione…

Un mondo che non c’è più

In quest’ottica di confronto, quello che mi ha sempre stupito è vedere la forte presenza di manifestazioni sindacali e di relative agitazioni, come gli scioperi del venerdì, senza però scorgere nulla di concreto su alcuni temi fondamentali del mondo del lavoro: non è solo una questione di tutelare i diritti già acquisiti, ma anche di garantire che le condizioni di lavoro siano sane.

Onestamente, è così importante avere forme contrattuali che mi mettono al riparo dall’essere licenziato da un lavoro in cui mi sto mangiando il fegato tutti i giorni? È significativo poter contare su dei giorni di permesso per andare dal medico, quando il mio capo esercita delle pressioni su di me che mi portano a non volere andare al lavoro al mattino (e ad aver bisogno di quel medico dal quale ho il diritto di andare nel mio giorno di permesso)?

È sulla qualità e non solo sulla quantità che i sindacati dovrebbero concentrarsi. E non pensare solo a chi un lavoro già ce l’ha, ma anche ai milioni di Italiani che sono alla ricerca di un’occupazione, o di tutti quelli che vivono con contratti precari o di stage.

Ho l’impressione che lo sciopero sia uno strumento ormai antiquato al servizio di persone che vogliono difendere i lavoratori, difendendo invece una visione anacronistica del mondo del lavoro di un’Italia che ormai non esiste più.

Stiamo lì a discutere di un anno in più o in meno di pensione, mentre il vero problema sono i giovani che, molto probabilmente, quella pensione non la vedranno mai. Per loro, per questi giovani, non sono sicuro che il significato costituzionale di uno sciopero sia chiaro, o che significhi molto di più di un viaggio scomodo in metropolitana. Per loro, le attività dei sindacati non solo sono lontane, ma addirittura di intralcio a quello che può essere un tentativo di costruirsi il proprio futuro.

È tempo di creare nuove forme di partnership tra lavoratori, aziende e rispettivi rappresentanti.

Nuove relazioni basate sulla fiducia reciproca, sulle responsabilità condivise, non da ultimo nei confronti della cittadinanza, che potrà finalmente cominciare avere un rapporto positivo con chi, fino a ieri, litigava in modo sterile.

Continua a leggere

Crescere

Il problema non è bilanciare vita e lavoro. Il problema è il lavoro

Sino a quando non capiamo che cosa sia il lavoro non possiamo pensare di equilibrare vita e lavoro. Anche perché di vita, in migliaia di anni, bisogna ammettere non abbiamo capito così tanto.

Pubblicato

il

Pensare di dividere vita e lavoro come fosse la differenziata non è soltanto utopico ma porta a pensare in modo completamente sbagliato. Come ha osservato di recente John Coleman, coautore di Passion & Purpose, ci si ostina a consigliare come equilibrare l’una e l’altra cosa senza mai riuscire a definire cosa è un lavoro buono e cosa si intenda per una vita buona. L’assunto principale continua dunque a essere che le cose che contano davvero sono quella “della vita”, quelle “fuori dal lavoro”.

Con una narrazione di questo tipo risulta difficile orientarsi nel mondo del lavoro. Un mondo che è completamente stato rivoluzionato nei fatti e poco nelle idee. Tre su tutte: il lavoro è noioso, il lavoro noioso fa schifo, il massimo nella vita è fare il lavoro che ami

  • Il lavoro è noioso

Lo abbiamo imparato intorno ai 5 o 6 anni, passando dall’asilo, o da casa, alla scuola elementare. Lì ci hanno detto che non si trattava più di fare disegnini e oggetti con la plastilina ma ci toccava lavorare. Non credo di essere l’unico ad avere avuto maestre e maestri usare letteralmente “lavorare” parlando dello studiare storia o geografia. Anche i genitori contribuiscono a questa narrazione, raccomandando di metterti sotto con lo studio, che con lo studio non si scherza e che “adesso sei grande” – anche se non sei ancora entrato nell’età della pubertà. Il termine lavoro per indicare qualcosa di noioso o un dovere è talmente insito e radicato da non essere messo in discussione – come fai a metterlo in discussione a 6 anni? – ed è causa di intere generazioni di pseudo calvinisti veramente frustrati.

  • Il lavoro noioso fa schifo

L’altra caratteristica che ci insegnano sin da piccoli è che il lavoro noioso fa schifo. Nel senso che è normale sia così. Non c’è da trovare il lato buono o indorare la pillola come diceva Mary Poppins. C’è da saperlo, metterci una croce sopra, lavorare.

Farsi il letto, sistemare la stanzetta, fare i compiti. Fa schifo ma devi farlo. È il tuo dovere e spesso è l’indice per eccellenza che definisce il bravo e cattivo bambino – “è così bravo… fa sempre i compiti…” Di contro ogni qual volta un bambino è invece animato da passione per fare i compiti o sistemare la stanza viene esibito come strano e anormale. “Non ci crederai ma mio figlio/a…”

Nota: Mentre si parla di ridurre gli orari di lavoro, si fantastica su giornate di sole 6 ore lavorative, i bambini lavorano in media, tra aula e compiti, circa 9 ore al giorno!

  • Il massimo della vita è fare il lavoro che ami

E poi si racconta che alcuni invece abbiano il vergognoso culo di fare un lavoro che amano. Un’eccezione che conferma la regola. Un qualcosa non tanto al quale aspirare ma un’eventualità, un lusso, riservato a pochi.

L’effetto più probabile di un’idea del genere è:

– Rafforzare l’idea che il lavoro in generale fa schifo

– Tormentarsi perché non sei tra i superfortunati che fanno (per caso) il lavoro che amano

“Fai il lavoro che ami e non lavorerai un giorno in vita tua”. Ovvero: se sei fortunato nel fare il lavoro che ami, non lavorerai un giorno in vita tua… perché di norma il lavoro fa schifo.

La trappola del lavoro felice

Se pensi alla ricerca della felicità e ti viene in mente Will Smith è esattamente questo il problema. Un messaggio completamente sbagliato che ci stordisce come una modica dose di erba, ci fa sembrare di aver trovato la soluzione e ci culla invece nella mediocrità e nella tristezza.

Andiamo velocemente al film: come il protagonista trova la felicità?

I passaggi sono più o meno i seguenti: Lavoro da schifo > problemi di soldi > lavoro fantastico > un pacco di soldi > risoluzione problemi > felicità.

E come si avvia tutto questo? Qual è la leva? Il protagonista che passa davanti Wall Street e vede un’auto lussuosa parcheggiata. Chiede: “cosa bisogna fare per potersela comprare?” La risposta da quel punto in poi sarà lo scopo.

Il messaggio a guardare bene è che soldi= felicità; lavoro che ti da un sacco di soldi = lavoro felice

Il protagonista aveva uno splendido rapporto con il figlio già da povero, in mezzo si separa dalla moglie, alla fine lo ritroviamo con il figlio (già felice squattrinato) e ancora separato dalla moglie. Cos’è cambiato? I soldi. Potremmo anche dire la realizzazione professionale ma non sappiamo quanto sia vero dato che alla base, la motivazione, si parte da un fattore economico e da un calcolo economico.

Il nostro problema si chiama LAVORO

Tornando all’idea dalla quale eravamo partiti, dovrebbe essere chiaro che il problema non sia coniugare vita e lavoro ma capirci qualcosa in almeno uno dei due ambiti, ambiti che in fondo sono sempre strettamente legati. Per sognare bisogna partire da presupposti precisi, concreti, appunto reali. Seguendo lo schema di sopra, le bugie, eccone alcuni che potrebbero esserlo.

Il lavoro è faticoso non noioso

Ho scritto queste righe con una certa quantità di fatica ma non direi di essere annoiato, anzi. Tutto ciò che facciamo presenta un certo livello di difficoltà e presuppone un certo di livello di impegno, sudore fisico e intellettuale. Nello sport capita di pagare volontariamente per questo genere di fatica. In altri ambiti, anche in quello amatorio, ambiamo alla fatica:)

La variabile è chiaramente il significato che dai a ciò che fai e non meramente ciò che fai. Se siamo annoiati nel lavoro potrebbe essere un problema (si dice che sia il problema tipico dei millennial) ma la fatica no, non è un fattore sul quale esprimere un giudizio.

La maggior parte delle persone fa un lavoro da schifo

(occhio a questo punto perché ci ritorniamo tra poco)

Il lavoro fa schifo, ci crediamo, perché la maggior parte delle persone è cresciuta con quest’idea radicata dentro. Forse per un periodo ha resistito, ha provato a cercare un’alternativa ma poi non trovandola ha abbandonato, ci ha creduto, è diventata official ambassador del lavoro come punizione e senza troppa gioia. Sono diventati cioè insegnati di altri allievi che hanno fatto lo stesso percorso.

Se fai il lavoro che ami lavorerai più che tutti i giorni ma lo vivrai in maniera diversa (e a volte farà schifo)

Mi piace sempre citare Marco Aurelio quando si chiede come mai alcune persone lavorano ininterrottamente per ore e non sentano neanche il desiderio e la necessità di staccare, mangiare, dormire. Chiaramente sono persone che amano il proprio lavoro. Ciò che non è chiaro – se non lo sperimenti – è che questo significa lavorare duramente, altro che non lavorare un giorno in vita tua.

Il popolo di imprenditori, freelance, delle partite iva, degli artisti, del tipo “amo il lavoro che faccio”, hanno problemi diversi da chi deve sottostare a un capo stronzo ma sempre di problemi si tratta. Non stacchi quasi mai perché non te lo concedi, il che è un’aggravante micidiale, soprattutto se hai una famiglia. Non ti rallegri più per un soldo incassato ma vuoi fare sempre di più. Non tanto perché sei un avido bastardo ma perché sei/diventi un perfezionista schifoso. L’amore per ciò che fai diventa anche l’incapacità di staccare. Una droga legale e della quale nessuno parla. Con buona pace di Confucio.

Perché crediamo che con il lavoro non ci sia speranza?

Prendiamo i due ultimi punti (il lavoro fa schifo + l’idea che ci vendono della felicità) e abbiamo quasi la soluzione: siamo sulla strada sbagliata.

Mettiamoci di mezzo la “crisi”, l’incastrarsi del periodo che va dal 2008 (recessione) e il cambiamento (digitalizzazione, confini nuovi, problemi nuovi) e il quadro è completo.

In tale contesto diventa chiaramente difficile se non impossibile uscirne alla vecchia maniera. Se giriamo in città sperando di capire come riuscire a mantenerci una villa con piscina o una Ferrari, l’esito più probabile è rimanerci male e diventare ancora più frustrati e pessimisti.

L’alternativa ci sarebbe. Sarebbe sganciarsi da tutte le idee a proposito di lavoro e provare a dare definizioni quanto oneste quanto efficaci.

Lavoro come sostentamento

Ogni tanto è da intendersi così. Per una volta salviamo la narrativa cristiana. Chi non lavora, non mangi. Lavori e anche se non ti piace, anche se è noioso o faticoso, stai mantenendo te stesso e la tua famiglia. Non è che tutti debbano avere lo start with why fiammante del quale parla Simon Sinek. Nel mondo della realtà si gode anche del fatto che tuo figlio possa mangiare ogni giorno, fare sport, studiare e fare una vita diversa. Non dico sia il massimo ma succede e non penso sia da condannare.

È un lavoro, non il lavoro.

Ci sono fondamentalmente due modi per vivere con un lavoro che non ci piace. Paul Graham li chiama percorsi e ne individua principalmente di due tipi.

Il percorso organico: diventando più bravi, autorevoli, riconosciuti, crescendo insomma, nel nostro lavoro aumenteranno gli aspetti positivi. Ci saranno meno noiose e dure, e queste verranno affidate a chi sta invece iniziando. O, qui torna il concetto di soldi, potremo permetterci di scegliere e fuggire da ciò che è noioso, duro e ci fa stare male.

Oppure un percorso diverso, Paul lo chiama two-job route: fare un lavoro che non ti piace per farne uno che ti piace. Potresti fare un lavoro che non ti piace per permetterti di seguire le tue passioni, o avere abbastanza tempo per stare con i tuoi figli. O fare un lavoro che non ti piace inquadrandolo in un percorso a più ampio spettro, in un progetto futuro dove trovi significato.

L’accettazione del “temporaneo” ma anche del “necessario” ti fa andare avanti e ti dà la forza. Vista così, anche nelle situazioni non ideali, il lavoro non fa mai schifo. Non è mai privo di significato perché te lo stai creando.

(Può essere) slegato dai risultati

E qui veniamo al punto “nuovo”: il lavoro può e deve essere slegato dai risultati. Slegato cioè da quella produttività che sin ora ha sempre giustificato ingiustizie, noia, fatica, un lavoro da schifo.

Perché una persona non può dire di lavorare se scrive un blog? O se dipinge? O se cerca di rendere migliori, in qualunque legale modo, le vite degli altri? Perché insomma bisogna trovare sempre il codice ateco della storia?

Il fatto che il lavoro venga definito tale quando è riconosciuto dal mercato, è quel genere di cose sulle quali bisogna pensare in questo particolare momento. Una di quelle cose che abbiamo dato sempre per scontato ma in futuro potrebbe non essere così.

Si tratta, per dirla con Kacy Qua, di correggere il (nuovo/vecchio/vecchissimo) difetto del capitalismo moderno del quale parlavamo. Ne avevo parlato anche qui

Ciò è possibile chiaramente solo a patto di slegarsi dalle vecchie idee e da quell’auto fiammante parcheggiata all’angolo della strada. Raccontando e raccontandoci una storia nuova. Una storia che possibilmente includa almeno questi tre punti:

  1. Ciò che aggiunge valore alle persone, alla società, alla terra dovrebbe essere ritenuto lavoro. Sempre e comunque.
  2. Ciò che non aggiunge valore o che reca un danno alle persone, alla società, alla terra, dovrebbe essere compensato meno o addirittura penalizzato. E non considerato un lavoro plausibile.
  3. Chiunque svolga un ruolo prezioso per la società dovrebbe essere ricompensato e dovrebbe andare in giro orgoglioso del suo lavoro.

Raccontami ancora di come bilanci vita e lavoro

Più che di bilanciamento o integrazione, per dirla con Jeff Bezos , bisognerebbe invece sbilanciarsi. Sbilanciarsi nel senso di dare una rotta precisa alla propria esistenza, dunque al proprio lavoro, dunque alla propria Vita.

Perché il problema non è dividere le ore in maniera “buona” ma provare a vivere una vita buona. Il problema non è equilibrare vita e lavoro. Il problema è il Lavoro.

Continua a leggere


Su Purpletude ogni giorno nuove idee per fare e pensare qualcosa di diverso. Ottieni un riepilogo settimanale per non perderti nulla.

envelope

Libri “viola”

Trending

Purpletude è l'attitudine a pensare in modo diverso. E provare a fare qualcosa di diverso. Sei dei nostri?

Condividi
Tweet
Condividi