Connect with us

Includere

Cosa si nasconde dietro a una fotografia

In comunicazione non si lascia nulla al caso. A volte un semplice ritratto di un gruppo di politici può svelare simboli, significati e persino realtà nascoste.

Pubblicato

il

Una fotografia vale più di mille parole, si dice.
Capita però che una foto faccia parlare (e scrivere) altrettanto, e forse anche di più.

È il caso di questo ritratto ufficiale del Governo svizzero: lodato e criticato per molte ragioni diverse e, paradossalmente, a volte molto simili. Come una medaglia e il suo rovescio. Come i tempi che viviamo.

L’aria dei tempi

È un ritratto contemporaneo. Magari un po’ facilone, per carità, ma rappresentativo del momento storico che stiamo vivendo.
Prima di tutto, il mandato era chiaro: doveva essere realizzato con uno smartphone (ma senza Nutella, diremmo noi che siamo esposti alle fotocamere digitali di altri politici).

Siamo entrati nel nuovo millennio con 80 miliardi di foto; tre anni dopo erano già 660 miliardi; oggi si stima che l’umanità scatti oltre un trilione di fotografie all’anno, ovvero più del totale iconografico cumulato nel corso della nostra storia millenaria.
Lo sviluppo degli smartphone ha cambiato il nostro rapporto con la fotografia perché, semplicemente, oggigiorno ognuno può fare una foto e renderla pubblica. È facile.

Tra i molti professionisti che hanno aderito a questo movimento e che lo hanno in qualche modo legittimato, uno dei più autorevoli è sicuramente Chase Jarvis, che ha fatto dell’istantanea uno strumento di esperienza artistica (da cui il nome “Insta-gram”, se non ci aveste mai fatto caso). Per lui, come per molti altri, l’istantanea scattata con lo smartphone non è tanto una fotografia, quanto piuttosto un ricordo visivo, qualcosa che serva ad ancorarci all’esperienza che stiamo vivendo.

In questo senso, il messaggio veicolato da questo ritratto del Consiglio Federale è chiaro: vogliamo essere risolutamente attuali e vogliamo che questa immagine ricordi un’esperienza, che è quella della cosa pubblica, del gestire uno Stato in nome dei cittadini. Eccoci qua, ci mettiamo la faccia, anche con un po’ di imbarazzo, come gente normale, con uno smartphone in mano.

L’arte del simbolismo

L’idea di normalità non è una novità per il Governo svizzero. Già nel 2008 avevano fatto una foto in cui si perdevano nella folla.

Foto del Consiglio Federale 2008 (c) Cancelleria federale svizzera

Comunque, per tornare all’attualità:
la fotografia del 2019 è significativa perché riprende tutta una serie di simboli tipici della tradizione elvetica: il Cervino, la fonduta, il corno delle Alpi, la mucca, il coltellino svizzero, gli orologi e i bastoni da hockey su ghiaccio (lo sport nazionale), il profilo di Palazzo Federale, l’immancabile croce della bandiera ma anche un simbolico ponte tra tradizione e futuro, tra lingue diverse, tra culture e religioni, tra dimensioni che hanno bisogno di una via di comunicazione.

Una delle poche cose che ricordo dei tempi del liceo classico è l’etimologia della parola simbolo: “mettere insieme”. E il suo contrario, è ciò che separa: dia-bolo, il diavolo. Come a dire che in qualche modo i simboli dovrebbero federare e non dividere. Trovo affascinante il fatto che si viva poi nell’epoca della con-divisione…

…e non per niente uno dei simboli più forti della fotografia è lo smartphone, di cui abbiamo già parlato, e, soprattutto, il pubblico, la popolazione: è a loro che il Governo sta facendo la fotografia. Non per niente il ritratto si intitola “Cambio di prospettiva” e simboleggia l’interesse che i politici dovrebbero portare ai loro elettori, ma anche un legame tra una classe di professionisti affermati (i ministri) e una nuova generazione (possiamo immaginare che le teste siano quelle dei giovani che hanno scattato la foto…).

Foto del Consiglio Federale 2019 (c) Cancelleria federale svizzera

La professionalità del dilettante

Infatti, il ritratto è stato realizzato da 7 apprendisti mediamatici.
In Svizzera l’apprendistato è proposto di solito ai giovani tra i 16 e i 20 anni ed è simile agli istituti tecnici in Italia, con la differenza che la maggior parte dei percorsi prevedono un’alternanza studio-lavoro (tipicamente 2-3 giorni di scuola alla settimana, il resto in azienda).
Quindi stiamo parlando di veri giovani. E il numero sette non è un caso, a mio avviso: i Consiglieri Federali sono anche loro sette (nella foto vedrete otto persone, perché la tradizione vuole che il segretario venga immortalato con i ministri: è il signore tutto a sinistra).

Di professione questi giovani sono mediamatici. Una professione nuova, inedita, anche questa perfettamente inserita nell’attualità del mondo del lavoro, in continua evoluzione.
I mediamatici sono specialisti polivalenti delle tecnologie di comunicazione. Creano e gestiscono siti web, elaborano presentazioni e si occupano della gestione di manifestazioni. A tale scopo sfruttano le loro conoscenze negli ambiti multimedia, design, marketing, informatica e amministrazione.

Questo ha scatenato le reazioni delle associazioni dei fotografi professionisti.
Per due ragioni: da una parte, si dà l’idea che ormai una foto ufficiale possa essere realizzata anche con uno smartphone da un gruppo di ragazzini; dall’altra, è un lavoro non retribuito.

Certo, quando hai 17 anni non è male essere citato dal Presidente di una nazione che ti fa i complimenti, figurare nel video del making-of sul sito del Governo e avere nome e fotografia inclusi nella cartella stampa inviata ai media. Però rimane il fatto che, negli anni passati, qualcuno era stato assunto e pagato per fare il ritratto annuale. Un professionista. Un fotografo “vero”. Quest’anno no. I contribuenti ringraziano, il libero mercato un po’ meno.

L’importanza delle donne

Su 7 ministri, 3 sono donne, il che è un buon segno; nel 2010 erano state addirittura 4, quindi in maggioranza.
Ma la fotografia mette in evidenza anche qualcos’altro: una strana somiglianza. Non trovate che le ministre abbiano uno stile molto simile?

Quello che le immagini non dicono, ma le loro biografie sì, è che tutte e tre non hanno figli.
Può essere un caso, certo. Tuttavia è quasi impossibile non interpretare alla rovescia il buon segno di poco fa: il 43% dei ministri sono donne, ma sembrano dimostrare che per arrivare a quel livello della vita professionale e politica, qualche sacrificio lo devi fare.

È vero però che anche due colleghi uomini sono sposati ma senza figli, mentre il Presidente della Confederazione, nella tradizione del partito di origine contadina che rappresenta, ne ha 6, che alza la media per tutti.
Scherzi a parte, il Consigliere Federale Ignazio Cassis, in un’intervista aveva fatto lui stesso una correlazione tra l’impegno politico e professionale e la difficoltà di avere una famiglia.

Anche da questo punto di vista, questa fotografia è simbolo della nostra epoca, dove si fa un gran discutere di equilibrio tra vita privata e lavoro, senza però trovare veramente una soluzione che non sia un compromesso.

Nei secoli che ci seguiranno, è probabile che ritratti come questi vengano interpretati come istantanee di un mondo che stava cercando di cambiare, con esiti poco certi.

 

Materiale Bonus

La fotografia del 2008 rimane la mia preferita, anche se quella genere “Bohemian Rapsody” del 2017 merita una menzione per il suo coraggio (o per la sua incoscienza, decidete voi):

Foto del Consiglio Federale 2017 (c) Cancelleria federale svizzera

HR | Digital Transformation | Change Management | Co-Founder Purple&People. Negli ultimi 15 anni ha rivestito ruoli manageriali nell’ambito delle risorse umane, a 360°, lavorando in grandi aziende americane, in multinazionali francesi e in organizzazioni parastatali svizzere. Il suo focus personale si concentra soprattutto sulla digital transformation, la gestione del cambiamento, le relazioni con gli stakeholders e lo sviluppo dei talenti. Ha il pallino per le questioni di genere e il diversity management, con una fastidiosa tendenza a voler sperimentare in prima persona le innovazioni e i modelli organizzativi radicali.

Crescere

Depressione post partum: quando la maternità è tutto tranne che un mondo rosa

La gioia più grande della vita rischia di trasformarsi in un incubo. Non accontentiamoci della narrativa che una mamma sa cosa fare. Come per tutte le cose, si deve imparare a essere genitore, e ci vuole tempo.

Pubblicato

il

Ho pensato che diventare madre fosse bellissimo, fino a che non lo sono diventata.

Ci ho messo sei anni, cure, ormoni, pastiglie, iniezioni; sei lunghi anni prima di diventare mamma.

Pensavo sarebbe stato una cosa straordinaria, esattamente come tutti te lo descrivono, come leggi ovunque, come raccontano il blocco delle mamme sui blog.

Pensavo che diventare madre sarebbe stato meraviglioso

O almeno, statisticamente, vista la gioia incalcolabile che vedi sprizzare in ogni dove, pensavo sarebbe stato altrettanto incontenibile per me. Come tutte, nonostante l’ottima carriera lavorativa, ho sentito incombere il tic tac del famoso orologio biologico, la rincorsa alla maternità è stata difficile, molto dolorosa, piena di fallimenti.

Ogni ciclo mestruale che arrivava era una sconfitta dell’anima. Ti domandi perché gli altri sì e tu no, ti chiedi che cosa tu debba espiare, perché una cosa tanto normale a te non capiti e ti tocchi infilarti tubi nella vagina, aghi nelle braccia, e tutto diventi così tremendamente complicato.

Il giorno in cui ho scoperto di essere incinta è stato incredibile. Ma più di tutto il giorno in cui ho partorito mi aspettavo di essere felice, insomma: dopo tutto quel darsi da fare, le cliniche, le cure, la rincorsa allo spermatozoo che finalmente attecchisce, sei tu o sono io, le litigate e le delusioni, finalmente arriva il giorno e tu diventi madre.

Il fatto è che poi, dopo il momento di limbo in ospedale dove anche tu sei coccolata e accudita, finalmente arrivi a casa e ti aspetti che sia tutto ok, ti è anche arrivato il latte e da qui in poi sarà tutto perfetto, perché tu sei una mamma, hai fatto il corso preparto, hai le nozioni che ti servono. Hai letto libri, sei sul pezzo, hai un frugoletto tra le mani. La sai.

Tutto ok, no?

E invece no, perché tutta la felicità ti aspettavi non arriva. Si, sei contenta, ma sei prima di tutto spaventata. La felicità immacolata, il fatidico istinto materno che tutto dovrebbe risolvere e farti comprendere, quella roba ancestrale che dovrebbe farti sapere se tuo figlio piange per la fame o per la cacca, quella cosa in stile Nostradamus che ti farà dire se ha sonno o chissà cosa, quella roba lì che dovresti avere esattamente come gli animali, a te manca. Tu non ce l’hai.

Non succede. La magia non capita. Il pianto è pianto, e finisce col non essere solo il suo, ma anche il tuo, perché non capisci perché un bambino vada avanti a piangere così per ore, anche se l’hai allattato, anche se l’hai cambiato, anche se apparentemente hai fatto tutto quello che dovevi e potevi fare.

Ti senti strana ti senti fuori posto perché l’hai desiderato tanto quel figlio, quindi perché non succede perché non senti capitare tutta quella gioia irrefrenabile? Perché ti senti così fuori posto così dannatamente, così stranamente non felice? Che cos’hai che non va? Perché le altre sono contente e tu sei disperata? Perché dopo che l’hai voluto così tanto adesso ti trovi a domandarti quando passerà questo inferno di notti insonni e pannolini, e creme per il sederino, e poi ancora latte e notti insonni?

In realtà succede alla maggior parte di noi. Quello che ci raccontano della maternità non è così vero – non è tutto falso ma non è tutta la gioia che si scrive.

La maternità è prima di tutto fatica e la depressione post parto altro non è che il toccare con mano il limite di ciò che non sappiamo fare quando diventiamo madri. Non ti scoppia all’improvviso tra le mani questa capacità di comprendere un neonato dal pianto, questo flusso meraviglioso e magico non ti arriva non si materializza non succede assolutamente niente. Non ti vengono consegnate le istruzioni. Non hai alcun superpotere dettato dalla natura. Hai solo la tua paura, il tuo sentirti incapace e la tua ansia di poter fare male alla tua creatura. In realtà, non cambia niente dal giorno prima al giorno dopo che hai partorito. Ne sai tanto quanto ne sapevi prima di volere un figlio.

Una mamma che non sa cosa fare è la cosa più naturale del mondo.

Purtroppo molte di noi cadono in stati depressivi perché l’aspettativa sociale è che l’istinto materno si materializzi improvvisamente come il discendere dello spirito Santo, come se una diventasse improvvisamente capace di parlare una lingua sconosciuta. Devi essere felice, contenta e grata del grande dono che hai avuto. Anche se il dono urla ininterrottamente per 24 ore senza farti dormire, e questo va avanti per giorni.

La mia vicina di casa mi guardava attonita chiedendomi “perché piange?” dopo che ero stata in piedi tutta la notte. Mio marito mi chiedeva “che cos’ha?” e io non sapevo cosa rispondergli perché ne sapevo tanto quanto lui.

La cosa migliore che hanno fatto le persone accanto a me è stata togliermi mia figlia dalle braccia e pensarci loro, perché io non ero in grado. Ero stanca, spossata, dolorante, e soprattutto disperata.

Io ho avuto bisogno di abbracci, di parole di consolazione, di amiche che mi hanno detto “vai a farti un giro, qui ci pensiamo noi”. Ho avuto bisogno di piangere tantissimo, e soprattutto di non essere lasciata sola. Ho avuto bisogno di sentirmi dire “ok, sfogati fino a che ne hai bisogno”. E così è stato. Per 40 giorni.

La paura di aver paura

Ho sofferto di depressione post parto, ho passato 40 giorni in un abisso nero profondissimo, completamente incapace di essere felice per quella che tutti chiamano “la gioia più grande della vita”.

Mi sono dovuta dare tempo, ho capito e accettato il mio non essere capace, la mia imperfezione, ho fatto pratica con le mie paure. Ho capito che i bambini sono più resistenti di quanto si pensi, e se non dormono e sei stanca, dalli da cullare a qualcun altro.

Ho capito che bisogna delegare, farsi aiutare e non aver paura di dire che si ha paura.

Nessuno mi ha spiegato che questi sentimenti erano assolutamente normali; mi sono sempre sentita raccontare che improvvisamente avrei compreso, capito che sarebbe stato tutto meraviglioso.

“Una mamma lo sa”, è la frase più ricorrente che ti senti dire quando sei incinta. “Una mamma non sa niente esattamente come un papà” dovrebbe essere invece la realtà.

Sentirsi strane, inadatte, è la cosa più normale e questo manca nella comunicazione della maternità.

Non ci viene affidato niente per magia, per induzione divina, non si impara a essere mamme per qualcosa che magicamente compare. Si diventa mamme a forza di cambiare pannolini, a forza di notti insonni, a forza di fare fatica. Si diventa genitori – entrambi a forza di sbagli e di cose che non si sanno.

Questo dovrebbero dire a una donna incinta che sta per partorire; dovrebbero dirle semplicemente la verità: che sarà faticoso, che si sentirà fuori luogo, che probabilmente sbaglierà ma sarà la cosa più normale.

Quindi sentitevi imperfette, inadatte, incapaci. Va benissimo così: è normale piangere. E si, nessuno in realtà sa come si alleva un figlio. Lo si impara facendo.

Sfogatevi. E fatevi aiutare. Non vergognatevi.

Chiedere aiuto

Pochi giorni fa una mamma si è buttata nel fiume con le due figlie di pochi mesi: soffriva di depressione post partum; le piccole, avute con la fecondazione assistita, soffrivano di problemi fisici seri. Le persone attorno a lei non si sono accorte di come stava.

Se siete vicini a una donna che ha appena avuto un figlio, fate la cortesia di andare a trovarla e alleviatela di qualche lavoro, meglio ancora se fate da babysitter per un po’ in modo che si riposi o si distragga.

Se siete il compagno di una donna che ha appena partorito, quando arrivate a casa prendete il piccolo e occupatevene voi. Fate a metà quando c’è da alzarsi di notte, chiamate una persona per farvi aiutare con le pulizie di questo periodo. Fate in modo che ci siano spiragli di normalità oltre la maternità. Perché la maternità non è fantastica. E per qualcuna si può trasformare in un incubo.

E soprattutto non chiedete “ma perché piange?”.
Una mamma non lo sa. Esattamente come voi.

Parliamone

Avete avuto la depressione post parto? Ne avete parlato? Come ne siete uscite?

Continua a leggere

Includere

Donne e uomini non sono uguali (per fortuna)

La differenza tra uguaglianza e equità si snoda lungo un confine sottile e confuso. Spesso le donne ritengono che, per fare carriera, sia necessario copiare il comportamento dei colleghi maschi di successo. E se invece la soluzione non fosse esterna? Le risorse ci sono tutte e sono dentro di sé.

Pubblicato

il

In questi giorni si respira aria di programmazione.
Inizia un nuovo anno e c’è voglia di lasciare i vecchi problemi nel passato i problemi del 2018 e cominciare finalmente a procurarsene di nuovi, ma freschi. Magari problemi che sono figli delle esperienze e dei risultati ottenuti.

Di scale e soffitti

Ora, dando per scontato che fare dei “buoni propositi” è utile quanto mangiare l’ananas per non ingrassare dopo il cenone di capodanno, vorrei parlare di obiettivi, risultati e cambi di mentalità.

Ottenere dei risultati significa acquisire una nuova capacità o uno strumento utile oppure perderne di dannosi.
Ad esempio, se nell’anno passato ci siamo imposti l’obiettivo di guadagnare di più ed il nostro libro contabile ci dice che ce l’abbiamo fatta, è un risultato. Lo è anche aver perso l’abitudine di fumare o di mangiare ogni volta che ci sentiamo soli (freelancers con ufficio in casa, sto guardando voi).

Prima di introdurre qualcosa di più utile e duraturo dei risultati, come in ogni storia che si rispetti, devo introdurre un elemento di disturbo: il soffitto di vetro.

Se non l’aveste mai sentito nominare, Google ci viene in aiuto: è “una metafora che indica una situazione in cui l’avanzamento di carriera di una persona in una qualsiasi organizzazione lavorativa o sociale, o il raggiungimento della parità di diritti, viene impedito per discriminazioni, prevalentemente di carattere razziale o sessuale, che si frappongono come barriere insormontabili anche se apparentemente invisibili”. Grazie Wikipedia.

In Italia, il piacere di incappare in questa metafora non poi tanto metaforica, visto che ci sbattono la testa un giorno sì e uno no, ce l’hanno soprattutto le donne.

Il soffitto di vetro fa sì che gli obiettivi che una donna può porsi per fare carriera in un mondo dominato dall’influsso maschile siano limitati a quel tanto che le viene concesso. Poi sbatte nel vetro, come un piccione. Non diamo la colpa agli uomini, perché siamo soprattutto noi che abbiamo scelto spesso la via più breve – quella di imitarli invece di conoscere meglio noi stesse e le nostre peculiarità.

Evitare di uniformarsi

Storici, politici e sociologi continuano a cercare soluzioni, e io nel mio piccolo non mi permetto di giudicarle. Rimane il fatto che, metti per inapplicabilità di questi rimedi o per la poca cura nell’attuarle da parte dei governi che si sono succeduti, ancora questo soffitto c’è e spesso ci tocca pure lucidarlo.

Premettendo che nessun maschio è stato messo in pericolo nella stesura di questo articolo e che il mio desiderio primario è quello di una pacifica convivenza, vorrei offrire alle donne un suggerimento più umile ma utilizzabile nell’immediato: smettete di provare ad essere uomini.

È la storia del pesce che viene giudicato insieme alla scimmia sull’arrampicata: non può vincere. E se è vero che le nostre capacità non sono affatto inferiori a quelle maschili, lo è altrettanto che non sono le stesse.
Non solo, ma snaturando la nostra parte femminile, ci sottoponiamo ad uno stress che va oltre il campo lavorativo, mutilando le nostre relazioni e il modo in cui pensiamo a noi stesse, giudicandoci perché non riusciamo a competere a colpi di testosterone.

A ognun* le proprie armi

Ed ecco il cambio di mentalità: Donne, il testosterone ci fa venire i baffi. Suggerisco che iniziamo ad usare i nostri punti di forza nel lavoro e nella vita, e non ci saranno più soffitti che tengano. Vi parlo di quelle caratteristiche che credo vengano più trascurate o mal interpretate. Qualche esempio?

La percezione aumentata
È vero, fare troppe cose insieme è come asfaltare la via per il burn-out. Ma per una donna “percepire” il mondo a 360 gradi è uno stato naturale delle cose. Questa caratteristica ci porta a capire molte cose prima dei nostri amici maschi, ed allora perché non usarla? Impariamo a mettere per iscritto le nostre osservazioni sul mondo e ad usarle in modo produttivo, anticipando trend e coltivando le innovazioni, invece di relegarle nel cassetto delle “cose che la gente non capisce”.

La vulnerabilità
Prima che accendiate le torce, vi ricordo che essere vulnerabili non è sinonimo di debolezza, anzi. Essere aperte ai rischi richiede un grande coraggio, ed è per questo che oggi molte donne preferiscono un approccio maschile, urlando dentro di sé “non fa male!” in stile Rocky Balboa e sopportando tutti gli ostacoli che si parano davanti convinte di arrivare in cima. Ed in cima cosa c’è? Il soffitto di vetro, baby.

La forza
Siamo strutturate per combattere per le cose importanti. Nel mondo animale, una femmina con i cuccioli è sempre più pericolosa, che sia una gatta di due chili o un’orsa di seicento. La nostra forza sta nell’individuare un obiettivo che ci dia di più di una soddisfazione materiale. Impariamo a trovare il vero senso di quello che facciamo (e se non riusciamo a trovarlo, facciamoci delle domande), così da poterci lavorare con un’energia vera che non ammette ostacoli.

Perché osare è un mestiere da Donne. Con l’aiuto di queste tre competenze fondamentali che ogni donna ha dentro sé, abbiamo la possibilità di crearci un ambiente redditizio e soddisfacente, a nostra immagine e somiglianza.

Insomma, permettiamoci di pensare fuori dagli schemi.

Continua a leggere

Trending

Condividi
Tweet
Condividi
Condividi
Tweet
Condividi