Connect with us
Pedoni in fila disciplinata con un'eccezione Pedoni in fila disciplinata con un'eccezione

In primo piano

Nel lavoro la disciplina non è solo sinonimo di rigidità

Il lavoro ha le sue regole e i suoi tempi, che non possono compiersi se non c’è una certo rigore nell’affrontare le mansioni e le responsabilità.

Pubblicato

il

Durante i miei corsi di orientamento al lavoro, mi capita spesso di stimolare gli studenti più o meno giovani con la fatidica domanda “che cos’è il lavoro per te?”

Una domanda che faccio così, a bruciapelo, enfatizzandone la sua scomodità, perché mi piace costringere i presenti a formulare una risposta che non sia né banale né troppo fantasiosa. E invece le risposte sono quasi sempre le solite: è lo strumento per guadagnare soldi utili alla sopravvivenza, è una condizione che ti dà uno status sociale, è un’esperienza, è un’azione che ti obbligano a fare, è fatica, è ciò che ti rende libero e indipendente. Insomma, tra tutte le risposte, non esce mai una definizione originale del lavoro. Almeno fino a ieri mattina. 

Un ragazzo mi ha risposto: è un’attività – fin qui niente di nuovo, ma aggiunge subito – disciplinata! Io gli chiedo in che senso lo veda come un’attività “disciplinata” e lui subito: il lavoro ha le sue regole, ha i suoi momenti e deve essere svolto bene, altrimenti non è possibile considerarlo tale. Mi isolo in me stesso per alcuni istanti per cercare di comprendere bene questa definizione e all’improvviso eureka! Mi viene subito da pensare che mai definizione sia stata così completa per capire le mille sfaccettature che stanno dietro alla cultura del lavoro.

Il successo sta nel disciplinarsi?

E invece, quando ha detto “disciplinata”, non nego che ho percepito un brivido lungo la schiena.
La disciplina, che richiama molto l’ordine militare, è qualcosa di duro, obbligato, che fa riferimento a degli “standard”,  a volte estremi. Sentir dare una definizione del genere da un giovane, mi fa pensare di quanto sia urgente e necessario iniziare a riflettere su un cambio di paradigma sulla cultura del lavoro!

Comunque se questa definizione è emersa, perché invece il futuro del lavoro (che è già quello di oggi) non fa altro che indicarci vie complesse, intricate, conoscenze diverse, contaminazioni, approcci “out of the box”? Perché quindi limitarsi a costruire una mentalità da lavoro “disciplinato”? Potrebbe sembrare anacronistico per i tempi in cui viviamo. E credo che la responsabilità di questo approccio sia comune e sia in parte dei genitori, spettatori inermi di una spettacolare narrazione di crisi economica e professionale, e in parte della scuola, ancora legata a certi canoni educativi ormai desueti, come la continua suddivisione delle materie e la mancanza di un programma condiviso tra i docenti delle varie discipline.

Quindi, in questo senso, essere disciplinati nel lavoro potrebbe significare essere inglobati in un modo di pensare e di fare secondo standard creati da altri (magari da altre generazioni) che spesso vanno in collisione con la realtà attuale. Senza libertà di pensiero si diventa il classico lavoratore che sicuramente non sarà soddisfatto del lavoro che svolge ma, soprattutto, che vivrà la divisione lavoro / vita in maniera tanto netta quanto pesante.

Forse è un altro tipo di disciplina

Alla luce di ciò però mi sorge un dubbio… forse il ragazzo intendeva un altro modo di “disciplinarsi”, forse pensava più a un lavoro fatto con responsabilità, dedizione e autodisciplina nel portarlo a termine. 

Perché se così fosse allora è una bella base di partenza per una riflessione più ampia, su quanto un lavoro può avere senso o meno all’interno di una comunità. Il rispetto delle regole professionali, del tempo che vi dedico, delle relazioni che curo, mi porta a valorizzare il senso sociale e di crescita personale nel lavoro.
Darsi una disciplina nel portare a termine gli obiettivi prefissati, rispettare e organizzare i tempi di lavoro senza cedere alla distrazione, creare una routine quotidiana in cui decido i tempi da dedicare al lavoro e quelli da dedicare alla famiglia, al tempo libero, comportarsi secondo quanto reputi etico e giusto: questo è quello che forse quel ragazzo intendeva con disciplina.

E forse questo approccio è un qualcosa che ha a che fare soprattutto con la libertà.
Si parla in questo caso del lato sostanziale di intendere l’attività disciplinata. Io posso muovermi in certi spazi con rispetto e per tutelare la libertà professionale altrui. Ecco che nell’incrocio di discipline, nel pieno della propria forma mutevole e performante, troviamo appiglio alla piena realizzazione di sé e a favorire il lavoro degli altri. 

Preso dal conoscere la risposta di altri studenti non mi sono soffermato a sufficienza su quanto mi ha riferito, avrei voluto informarmi meglio sulla sua definizione e su quello che intendeva. Se lo rivedrò a un prossimo incontro, saprò sicuramente cosa chiedergli.

Dal 2007 mi occupo del Career Service di Fondazione Campus di Lucca ovvero supporto gli studenti dei corsi di laurea e dei corsi professionali della realtà formativa a orientarsi nel mondo del lavoro e trovare le opportunità formative e professionali più confacenti alle loro competenze e attitudini cercando di favorire il placement. Nel corso degli anni ho ampliato le mie conoscenze di comunicazione e marketing per comprendere la relazione tra le persone e il lavoro focalizzando l’attenzione sulle tecniche di personal branding e reputazione offline e online.

In primo piano

Coltivare la bellezza dentro e fuori

Coltivare la bellezza richiede una quotidiana cura di sé, del proprio corpo, della propria mente. Al tempo stesso alimentare la bontà significa impegnarsi altrettanto quotidianamente nella cura degli altri e del mondo.

Pubblicato

il

coltivare la bellezza

Come coltivare la bellezza dentro e fuori da noi?
A questo tema secoli fa i greci dedicarono un’espressione che da allora ha ispirato e guidato un gran numero tra uomini e donne: kalos kai agathos.

Kalos potrebbe essere tradotto con bello e Agathos con buono. Kalos kai agathos starebbe dunque per bello e buono.
Tuttavia, questa traduzione non rende! Nelle parole bello e buono infatti c’è tutto, ma al tempo stesso manca ancora qualcosa.
la Grecia classica, con tutta la sua mortalità e immortalità, universalità e località.

Essere kalos kai agathos significa essere di una bellezza umana, razionale e finita, e al tempo stesso di una bontà divina, folle e infinita. E soprattutto essere belli e buoni al tempo stesso!

Lo suggeriscono le parole stesse: la k di kalos, esteriore e ordinata; la g di agathos, interiore e passionale.

Coltivare la bellezza interiore ed esteriore come ambivalenza

Chi coltiva la bellezza secondo il principio kalos kai agathos si pone in una condizione di ambivalenza costante. Vive tra controllo e perdita di controllo, tra ordine e caos, tra comprendere e contemplare, tra fare e cercare, tra pensiero e passione.

Il controllo e il rigore che alimentano la bellezza. La perdita di controllo e la dedizione che alimentano la bontà.

Chi persegue questa via si alza al mattino di buon ora e si domanda “Cosa dà valore alla mia vita?”. Prende un foglio di carta e scrive, non quello che pensa, ma quello che sente.

Poi si domanda “Di cosa il mio corpo ha bisogno per vivere al meglio?”.  A quel punto osserva e pensa e, se serve, studia.
Quindi beve un bel bicchiere d’acqua, magari due, perché sa che siamo fatti per il 70% di acqua. Mette il corpo in movimento, affinché questo respiri aria. Mangia un po’ di tutto, dal momento che sa che il suo corpo è fatto un po’ di tutto (ho parlato della colazione come atto coraggioso qualche giorno fa).

Il contatto con il nostro tormento interiore alimenta la bontà d’animo.
La cura del nostro involucro esteriore crea la bellezza.

Kalos kai aghatos: attraverso le epoche

L’espressione kalos kai agathos si ritrova in diverse epoche della storia greca. Con essa furono descritti gli eroi dell’epoca omerica e al tempo stesso i grandi uomini politici dell’epoca delle città stato (Atene, Sparta).

Come si spiega che gli uni e gli altri fossero kalos kai agathos? Se kalos kai agathos è un guerriero vigoroso che ha cosparso di sangue il campo di battaglia, come può esserlo anche un politico esile che si impegna tutti i giorni per evitare il conflitto tra i cittadini e per alimentare la democrazia?

C’è una sola spiegazione: kalos kai agathos significa essere al tempo stesso di una bellezza divina e di una bontà mortale, in armonia con l’eternità e in sintonia con il momento presente. Parafrasando umilmente Immanuel Kant, belli in quanto in armonia con il cielo stellato sopra di noi e buoni in quanto in armonia con la legge morale dentro di noi.

Immortali e mortali.

Il guerriero combatte per la giusta causa e il politico prende le parti della giustizia: così entrambi sono buoni. Il guerriero e il politico, tengono entrambi la testa alta, lo sguardo rivolto all’orrizzonte, il petto aperto e la pancia leggermente retratta, quando si gettano l’uno nel campo di battaglia e l’altro nell’agora (la piazza dove si animava il dibattito tra i cittadini). Così entrambi sono belli.

Bontà e Bellezza: non si contraddicono pur contraddicendosi

I concetti di bellezza e bontà, non si contraddicano in teoria, tuttavia bisticciano spesso nella pratica! Ed è questo che rende la via del kalos kai agathos non priva di difficoltà.

Coltivare la bellezza richiede una quotidiana cura di sé, del proprio corpo, della propria mente. Al tempo stesso alimentare la bontà significa impegnarsi altrettanto quotidianamente nella cura degli altri e del mondo.

Quando si è giovani e ci si può ancora concedere di vivere la vita un pezzo alla volta, la soluzione sembra semplice: trovare un tempo per sé, in cui coltivare la bellezza, e un tempo per gli altri, in cui coltivare la bontà.

Con il passare del tempo, tuttavia, la vita si fa complessa e non è più così generosa. Da adulti lo sappiamo bene. Le giornate diventano un ring in cui ci sembra spesso di dover scegliere tra noi e gli altri, tra bellezza e bontà. Tuttavia, se scegliamo e scomponiamo la vita in noi e gli altri, stiamo rompendo il binomio kalos kai agathos, ci stiamo arrendendo.

Coltivare la bellezza interiore ed esteriore non significa crearsi due vite in cui essere nell’una belli e nell’altra buoni. Significa coltivare una sola vita in cui bellezza e bontà si alimentino l’un l’altra. Perché nessuno è bello come chi è profondamente buono e nessuno è buono come chi è veramente bello.

Coltivare la bellezza interiore ed esteriore non significa distinguere, ma confondere.

La via del kalos kai agathos è la terza via, in cui l’armonia con il cielo stellato sopra di me, non contraddice quella con la legge morale dentro di me.

Continua a leggere

In primo piano

Purpose: quando i tuoi obiettivi aziendali non sono i miei

Il cliente vuole lavorare con persone che condividano il “purpose” del proprio brand: ma quanto impegno (e tempo libero) può legittimamente pretendere?

Pubblicato

il

Networking meeting

Va sempre più di moda il termine Purpose, che detto facile rivendica in un certo senso i valori del brand che persegue in ogni scelta strategica. I valori in ogni step aziendale. Ammirevole, non c’è che dire, tranne quando questo obiettivo diventa un atteggiamento un po’ inquinato dalle aspettative e quello che ti chiedono i tuoi clienti è crederci quando condividono con te gli obiettivi aziendali, senza però considerare l’impegno di tempo e occupazione che stanno pretendendo.

Non cercano solo un partner per la comunicazione (nel mio caso mi occupo di quello), ma tutti intimamente vogliono di più: vogliono qualcuno che creda nella loro missione tanto quanto loro.
Vogliono, anzi, esigono che sposi la causa.

Mi capita più o meno con buona parte dei clienti: i livelli di aspettativa sono diversi.

A tutti piacerebbe avere partner e fornitori che credono nelle stesse cose, o meglio: che credono in quelle del brand. Non valutano quali siano quelle di ciascuno, ti chiedono semplicemente di aderire al modello, ma non solo in termini di filosofia. No. Vogliono che ci spendi del tempo della professionalità possibilmente gratis, in generale per un fine che in realtà è lo sviluppo del loro brand, non un bene superiore. È un finto Purpose. Non è universale e utile. È il loro e serve a loro, ma giustificato da “è utile/ fa networking / ti può servire”.

Credici per far del bene al mio brand

Esatto: questa è l’aspettativa non dichiarata. Credici! Credi in questo fantastico percorso motivazionale, credi nella costruzione del networking sano, nel volontariato. Credici! Il cliente lo esige – ti organizza incontri, ti dice che c’è l’evento benefico da lui organizzato al quale si aspetta che tu partecipi come volontario. E sul quale poi dovrai fare networking utile a lui e condivisione social spesso utile più a lui che a te.

C’è il corso di formazione che ti regala col preciso fine di ottenere più competenza da te, c’è la cena mensile coi soci per cui si aspetta la tua presenza. Offre lui, ma tu ci devi essere per capire chi sono i concorrenti e vedere come va la presentazione e cosa c’è da migliorare.
C’è un ma in questa cosa: l’impegno da parte del professionista è appunto atteso come “dovuto e volontario”.

Dopotutto ti sto offrendo una cena, dopotutto ti sto regalando un corso, dopotutto ti sto dando la possibilità di fare un’esperienza di volontariato costruttiva ed edificante, non vorrai mica mancare?

La domanda è: questa crescita, questo obiettivo di costruire valore è utile a entrambi o solo al brand? Io, fornitore, quanto tempo ti aspetti che passi in queste cene/incontri/corsi/atti di più o meno libero arbitrio?

Grazie, ma scelgo io

Partiamo da un sunto tanto semplice quanto banale: se dovessi dedicarmi a tutti i clienti con lo stesso trasporto emotivo e lo stesso “crederci” che tutti vorrebbero, non avrei del tempo libero – passerei le giornate praticamente a lavorare gratuitamente, anche se il lavoro gratis è inteso come cene di PR, corsi di aggiornamento (utilissimi, eh, per carità), e “cose in cui credere e fare beneficienza”. E che in genere sono previste nei week end, o nelle serate, e comunque mai quantificate come tempo che una persona ti sta dedicando.

Te lo sto regalando / offrendo/ dando gratis, quindi?

Quindi il tempo che chiedete a un professionista di passare per una buona vostra causa è tempo che chiedete di avere per voi.
Non retribuito.

Io ho la mia azienda, il mio sogno e coltivo in mio senza aspettarmi che i miei fornitori ne facciano parte con lo stesso entusiasmo.

Non ho bisogno di innamorarmi della causa per fare un buon lavoro. Il mio essere professionista comprende già degli alti standard anche se non sto a immolarmi per la causa.
Se sono un vero professionista ci penserò io a pagarmi i corsi di formazione più utili e calibrati nel modo giusto sulla mia esperienza.
Idem il volontariato: sposo cause che sento nel profondo, non che mi vengono imposte.

Anche se chiedete a un professionista di partecipare per networking, per creare gruppo, per fare PR utili, comunque gli state chiedendo di impiegare gratuitamente del tempo per fare quello che serve soprattutto a voi. Perché il fine è qualcosa che torna a voi.
Se ne vale la pena o meno lo soppesa poi il professionista.

Una questione di buone relazioni?

Voi potete proporre, ma non aspettatevi per forza che dall’altra parte accettino. E se lo fanno non è detto che il ritorno dell’altro sia equo, probabilmente lo sta facendo più che altro per pura cortesia. È un modo cordiale per mantenere la relazione con voi.

Domandatevi: se gli chiedessi di lavorare gratis accetterebbe solo per la causa?
Ve lo dico: la risposta per la maggior parte dei casi è no.

Non offendetevi e soprattutto non pretendete adesione alla causa.
Pretendete alta professionalità. Questo sì. E se qualcuno vi dice che non ha tempo perché è andato a un corso di aggiornamento, apprezzatelo: lo sta facendo anche per voi, ma senza chiedervi un euro, investendo positivamente su se stesso.

 

Voi? Avete clienti che vi chiedono di aderire alle loro cause e alla loro Purpose strategy? Avete dovuto fare cose delle quali non vi è importato molto pur di “aderire” alle aspettative del cliente?

Continua a leggere

Treding