Connect with us

Crescere

Vorrei uno strumento per capire il mondo (buona notizia: già ce l’hai)

Ascoltiamo per replicare e rispondiamo perché siamo programmati a farlo. Eppure, nei colloqui di lavoro così come in tutte le situazioni della vita in cui interagiamo con gli altri, ciò che dovremmo imparare fare è porre delle domande.

Pubblicato

il

Non sono solo un modo per iniziare riflessioni o conversazioni. Le domande sono un autentico strumento di potere. Chi lo capisce, può aprire porte di mondi inesplorati. Chi non lo capisce, impiega le proprie energie solo per ripetere risposte ricevute dal passato. O al massimo, per trovarne di più comode.

Le domande sono lo strumento di lavoro di giornalisti, insegnanti, educatori, psicoterapeuti, formatori, coach, counselor. Ma soprattutto, dei selezionatori.

Nella società, sono quello che ci dobbiamo aspettare tutte le volte in cui decidiamo di non andare a vivere nelle caverne. Tradotto: le domande non ci lasceranno mai.

La dimensione del pensiero

Servono essenzialmente per tre ragioni. Solo che le prime due sono banali e governano i processi di selezione. La terza ragione invece è molto più sottile, talvolta invisibile, altre volte intangibile. E governa la chimica delle nostre relazioni.

Le prime due sono:

  1. Valutare le risposte di chi è chiamato a rispondere.
  2. Decidere la reazione sulla base delle risposte espresse.

E fin qui, si nuota in giganteschi oceani di ovvietà.

Ma occhio alla terza. Che è:

  1. Farsi un’idea della dimensione del pensiero di chi risponde.

Non mi chiedere cosa sia la dimensione del pensiero. Non lo so, forse è meglio chiederlo ai filosofi.

Quello che so è che non la puoi misurare né col metro, né col termometro né con nessuno degli strumenti che trovi al supermercato.

Anche se è chiaramente percepibile, questa dimensione non la trovi nelle classifiche, nei grafici, nelle statistiche. È invece estendibile, rinforzabile, personalizzabile. E nel tempo, per gli esseri umani in evoluzione, è anche la più redditizia di tutte.

Allenarsi a vendere il proprio destino

Curioso che durante i colloqui di selezione (per lavoro e/o collaborazioni) e durante le ‘conversazioni di selezione’ (creazione di relazioni e rapporti sentimentali) spesso ci concentriamo sulle prime due ragioni. Ma non sulla terza.

E lasciando stare il delicato terreno delle relazioni umane, i colloqui di lavoro sono un autentico banco di prova per la nostra dimensione del pensiero.

Bruce Kasanoff, fondatore di Park City Think Tank, sostiene che se stai cercando lavoro, dovresti allenarti a vendere il tuo destino. Non la tua storia passata.

Per chi fosse allergico al mondo commerciale, qui “vendere” significare basicamente “promuovere”. Quindi anche se non siamo costretti a vendere, siamo costretti a promuovere. Altrimenti, come detto prima, i Flintstones ci aspettano.

Il mantra “allenarci a vendere il nostro destino e non la nostra storia passata” può aiutarci a ricordare dettagli importanti.

Per esempio: ciò che abbiamo già passato e concluso, diventa soporifero nel momento in cui non viene raccontato come una vera storia. In più, quello che è già successo paga lo scotto di appartenere ormai al passato.

Eppure noi – con componenti egoiche disinibite – quello che abbiamo fatto in passato, durante i colloqui lo lucidiamo minuziosamente. Mettiamo in scena una costellazione di “Dal 2012 al 2014 ho lavorato con soddisfazione in…”, “Dal 2015, dopo una lunga selezione, sono stato assunto in…”. E così via.

Ma forse dovremmo imparare anche a raccontare quello che vogliamo da qui in avanti. Quello che desideriamo fare e che intendiamo raggiungere.

In sostanza, dovremmo impegnarci a dipingere un quadro avvincente. Non solo una storia che – per quanto bella – ormai è già terminata.

Non sappiamo fare le domande

Un altro dettaglio su cui si sofferma Kasanoff è che diverse persone, durante i colloqui, non sanno fare domande.

Non sanno farle per una ragione talmente semplice da risultare tragicomica.

Prima del colloquio, non si sono informate sull’azienda. Non hanno cercato informazioni sulle sue caratteristiche, attività, qualità e stranezze. Forse pensando che cercare informazioni preventive sia  onere solo di chi decide formalmente l’esito.

Così poi i candidati si trovano di fronte a persone (i selezionatori) che vedono per la prima volta nella loro vita. Si presentano, stringono la mano, si siedono e attendono le domande. Per poter dare delle risposte.

Non hanno domande, non hanno curiosità, non hanno in tasca il minimo frammento di originalità. Sono tendenzialmente programmati per rispondere. E quindi, molto spesso, non sono in grado di incuriosire.

Confessione personale

Al di là di colloqui e selezione, la mia visione più ampia mi porta a pensare che le domande più importanti siano quelle che poniamo a noi stessi. Quelle che ci facciamo, mentre nessuno ci sta né guardando né ascoltando. Oppure quelle domande che rielaboriamo grazie all’interazione con gli altri.

Confesso che, prima di candidarmi per un colloquio o una chiacchierata importante, tendo a prepararmi su alcune domande.

Si tratta di un gioco fatto di nove quesiti (che mi sono costruito nel tempo), fingendomi un ascoltatore di me stesso.

Eccole qui:

Quante persone nuove fai in modo di conoscere* ogni mese?

Che rapporto hai con il tuo divertimento?

Hai mai partecipato a un corso di formazione residenziale?

Quanto tempo riesci a resistere senza toccare il tuo smartphone?

Quando non capisci, di solito, chiedi oppure rimani in silenzio?

Il lunedì mattina, potendo scegliere in totale libertà, cosa faresti?

Riesci a concederti almeno un momento di meditazione al giorno?

Quanti libri leggi (dall’inizio alla fine) in un anno?

Sinceramente, sei una persona che vorresti incontrare?

*dal vivo o tramite videochiamate

 

Potete giudicare quanto intelligente è una persona dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggia dalle sue domande.

NAGUIB MAHFUZ

Mi chiamo Enrico e sono un esploratore dell’incertezza. Tre parole messe vicine per dire che sono fortunato, perché ho la grande fortuna di vivere i mutamenti rapidissimi di quest’epoca. D’altronde, non è che l’ho scelto. È che sono nato nel 1985 e il mio secolo di evoluzione personale è il ventunesimo. Fino ad ora nel CV ho solo due vite. Nella prima, una laurea in Giurisprudenza e una vita piuttosto lineare. Nella seconda diverse esplorazioni, sperimentazioni, scoperte e una forma del viaggio molto più ciclica. Nel mio lavoro, compongo le parole che danno senso e anima ai testi. A volte creando contenuti, a volte creando vere e proprie storie. Curo e scelgo i termini, scelgo la posizione degli spazi vuoti e provo a lasciare il tempo per le pause di chi legge. Sono anche facilitatore di comunicazione empatica e formatore informale in due settori: radici di Personal branding e Storytelling emozionale. Delle persone amo gentilezza, sensibilità, ironia e gratitudine. Amo anche l’etica professionale, la creatività umana, la poesia e un po’ di vino accanto alla pasta.

Crescere

Essere padre nel 2019

Tradizionalmente la figura paterna aveva il compito di insegnare al figlio a rischiare. In una società attenta alla protezione, il rischio può apparire inutile. E il padre un optional.

Pubblicato

il

Nel 2019 essere padre è un optional: si può non esserlo.
Al tempo stesso è vero anche il reciproco, per cui nel 2019 avere un padre è un optional: si può anche non averlo.
In questa strana epoca chi vuole essere un padre deve sforzarsi di esserlo e chi vuole avere un padre deve sforzarsi di averlo.

Questa riflessione è dedicata ai padri e ai figli, alla magia che può svilupparsi da una relazione oggi non necessaria, ma possibile. Non parlerò qui di madri e figlie, anch’esse protagoniste di una relazione altrettanto magica. Ne scriverò un’altra volta.

Un invisibile gioco di sguardi…

Oltre che non necessaria, la relazione tra padre e figlio oggi è nella maggior parte dei casi qualcosa di impalpabile. Molti di coloro che stanno “attorno” ad essa spesso non se ne rendono neppure conto che tra i due c’è qualcosa anche dove sembra non esserci.

Il gioco di sguardi in questa relazione è tutto. Con gli sguardi inizia e spesso anche finisce (con buona pace delle madri!).

Gli occhi del padre scrutano inquieti e coraggiosi l’orizzonte, come gli occhi di un marinaio che sente la nostalgia del mare. A volte l’orizzonte è un lavoro appassionante, altre volte un apparentemente inutile passatempo. In tutti i casi, quando un padre guarda l’orizzonte, i suoi occhi sprigionano un fascino particolare e in quel momento, potete scommetterci, il figlio lo guarda.

Non aspettatevi che il padre coinvolga il figlio nelle sue avventure. Questo accade di rado.
Le sue avventure sono avventure da uomini grandi, non da uomini piccoli. Che si tratti di un lavoro di responsabilità o di perfezionare il plastico su cui scorre un vecchio trenino, è richiesta la fermezza di chi è già grande. Tuttavia, quello che il piccolo vede negli occhi del grande è sufficiente per trasmettere quella passione, che sarà il sale della sua vita.

…e di poche parole

A volte accade che dopo anni, questo gioco di sguardi venga interrotto per un attimo e che un giorno il padre si giri verso il figlio e gli lasci in eredità poche misurate, parole: “Ricordati …” oppure “Sappi …”.

E queste parole rimarranno impresse nella mente di quel “piccolo uomo” per sempre.

Chi è un padre?

Non mi ero mai posto questa domanda fino a quando mi imbattei in una possibile risposta.
La trovai in un libro che rubai per caso proprio dalla scrivania di mio padre. Si intitolava “Geofilosofia dell’Europa” di Massimo Cacciari.

Questa risposta era data nella forma di un’immagine, di un’analogia. In essa non si parlava solo del padre, ma anche della madre. Secondo l’autore, i due sarebbero in relazione reciproca come nell’antica Atene erano in relazione reciproca il Pireo, il porto della città, e l’Acropoli, la collina dei templi.

Quest’ultima, infatti, come una madre, era il luogo dove veniva custodito e protetto ciò che di più sacro c’era in Atene: il culto degli dei, le usanze.
Il Pireo, invece, luogo di arrivi e partenze, scambi e trasformazioni, aveva il compito di garantire la contaminazione e lo scambio delle merci, ma anche delle idee e dei costumi.

Secondo questa analogia, padre e madre esercitano due ruoli ben distinti nella vita dei figli.
La madre custodisce, nutre e protegge; il padre sospinge, contamina e rinnova.

Come vanno le cose oggi

Nella versione più “tipica” dei fatti i bambini iniziano a vivere quando uno spermatozoo feconda un ovulo.
Affinché questo avvenga servono sia un padre sia una madre. Una volta che la vita è iniziata, tuttavia, le cose possono andare avanti anche senza l’aiuto del padre.

La madre deve esserci, è necessaria.
Il padre può esserci o non esserci, è un optional. Se c’è, non è detto che faccia la differenza. Egli è come uno dei mille optional sulle nostre automobili, di molti di essi non sappiamo che farcene.

Così accade che se il padre, oggi, nel 2019 voglia fare la differenza, debba sforzarsi di essere un optional utile. Non potrà mai essere necessario, ma potrebbe diventare utile, magari anche utilissimo, a volte addirittura decisivo.

Il padre e il rischio

Il padre, se vuole, ha un compito che va controcorrente: deve allenare il figlio al rischio dell’avventura e della contaminazione.
Il rischio di cambiare. E in una società sempre più attenta alla protezione, allenare al rischio può apparire come inutile, anzi indesiderato.

Ci sono state epoche in cui il rischio era necessario. La vita richiedeva il rischio come strumento e ingrediente della sopravvivenza. In quei tempi forse anche il padre era necessario. Poi le cose sono cambiate. Abbiamo imparato a sopravvivere senza rischiare. Chi te lo fa fare, di rischiare?

Così il padre è diventato un optional e assieme a lui il rischio. Si può fare a meno di loro, anche se a volte possono essere entrambi utili, addirittura decisivi.

Continua a leggere

Crescere

La morte sbirciata dalla vita

Se senti quanto è fredda la morte, impari a riconoscere tutte le sfumature di caldo di cui è capace la vita.

Pubblicato

il

Ci sono stati pochi momenti così carichi di conoscenza della vita come quelli in cui ho sbirciato la morte.
Dismessi i panni di colui che lotta per la sopravvivenza, ho potuto osservare la morte nel suo manifestarsi. E in quel momento mi sono reso conto di quanto è ampio l’intervallo che abbiamo per vivere. “Quando ti accade di guardare in faccia la morte, la paura che hai di perdere la vita (tua o degli altri) si affievolisce, e senti che puoi concederti di spingere un po’ di più”.

Sbirciare la morte espande la vita

Come esseri umani siamo equipaggiati per riconoscere la morte nel suo manifestarsi in noi e negli altri. Le funzioni vitali si fanno estreme. Il cuore batte lentissimo o velocissimo. Il respiro si fa flebile o scuotente. I muscoli flaccidi o tesissimi, la cute pallidissima o scurissima, la coscienza lucidissima o completamente offuscata. Il corpo si prepara ad espellere la vita. La vita si condensa e si prepara a lasciare il corpo.

Tu che osservi, ti accorgi che la situazione è andata oltre il punto di non ritorno e tutto quello che puoi fare è osservare.
E addirittura senti che hai voglia di farlo.

Sbirciare la morte “impara” a vivere la vita

Nella nostra attitudine occidentale medico scientifica, la conoscenza della morte che avviene per osservazione diretta sembra ormai poco utile ai fini della tutela della vita. Se stai guardando la morte vuol dire che hai già perso la vita: la tua o quella di qualcuno accanto a te. Quindi, è una sconfitta.

Tuttavia, quando sbirci la morte, succede qualcosa che è molto importante per la tutela della qualità della vita. Ti rendi conto che stai raffinando la tua consapevolezza operativa della vita. Proprio in quanto ne stai toccando i limiti, stai imparando a vivere la vita in modo più completo.

Toccare i limiti della vita rende coraggiosi

Se non sai quali sono i limiti della vita, fai fatica a giudicare ciò che è ancora vita da ciò che è già morte, ciò che è ancora salute da ciò che è già malattia.

Oggi, siamo in un’epoca in cui la morte la vediamo di rado.
Questo dovrebbe essere motivo di serenità, invece, finiamo per sentirci più smarriti che in passato. D’un tratto, non siamo più certi di saper distinguere la vita che tocca i suoi limiti o la morte che bussa alla nostra porta. E questo ci fa paura.

Quando, invece, abbiamo la possibilità di scrutare i limiti a cui la vita può spingersi prima che subentri la morte, allora la nostra visione di noi stessi si ampia. Improvvisamente troviamo il coraggio per sostenere anche quello che pensavamo insostenibile. Possiamo lasciare che il nostro cuore acceleri ancora un po’, senza pensare che stia scoppiando.

La morte soccorre la vita

Nel laboratorio di anatomia dell’Università di Bologna per anni ho visto in bella vista una scritta che diceva HIC MORS GAUDET SUCCURRERE VITAM (Qui la morte si compiace di venire in aiuto alla vita).

Su quei ripiani di marmo per decenni gli studenti di medicina hanno sezionato corpi e organi morti per scoprire in essi i segreti della vita. Oltre alla conoscenza, quella che ricevevano era la sensazione della morte che li rendeva capaci di sentire la vita.
Se senti quanto è fredda la morte, impari a riconoscere tutte le sfumature di caldo di cui è capace la vita.

Oggi gli studenti di medicina non sono più tenuti ad imparare dalla morte. Le immagini dal vivo, i libri, i software hanno sostituito i cadaveri come fonti di conoscenza. E forse, grazie a questi strumenti moderni, la nostra conoscenza del funzionamento della vita non è mai stata così precisa.

Tuttavia, questa chiarezza conoscitiva contrasta con lo smarrimento emotivo che sempre più spesso mostriamo davanti alla malattia grave e alla morte. Sembriamo disinvolti nel sedare, sfumare, zittire lo stridore dei momenti lontani dalla “norma”, ma forse, in realtà, cominciamo ad essere impauriti. Non è chiaro se il sedativo serve per sedare chi muore o chi assiste inerme alla morte di chi muore.

A forza di non sbirciare le estremità della vita corriamo il rischio di non tollerarle più, pur essendo nati capaci di tollerarle.

Tu e la morte

Gli anni passano e per quanto tu abbia provato di sfuggire la morte, essa avrà trovato sicuramente il modo di manifestarsi davanti ai tuoi occhi. Familiari, amici, persone care, perfetti sconosciuti. Qualcuno se ne è andato quando era già in avanti con gli anni, qualcuno quando ancora era nel fiore della vita. Chi è scomparso piano piano, chi veloce veloce. A volte un po’ te lo aspettavi, altre sei stato colto in contropiede.

È così che hai maturato una sorta di “freddezza”, che tuttavia non ti ha reso schivo, anzi piuttosto aperto e disponibile.

Il cuore freddo

In alcune culture tradizionali si parla di cuore freddo in riferimento al cuore che può accogliere anche ciò che è molto caldo, senza scottarsi. Forse è questa la freddezza che negli anni impariamo anche grazie alla morte. La freddezza che ci consente di aiutare noi stessi e gli altri a sopportare il calore dei momenti più difficili ed estremi, come la malattia e la morte.

Perché la gente sa morire

Una delle scoperte più sconcertanti che ho fatto osservando la morte è stata che la gente sa vivere la morte. Ossia sa morire. Il corpo e la mente, entrambi sanno benissimo quello che fanno.

Ecco allora che il ruolo di chi accompagna chi muore forse è proprio quello di guardare negli occhi chi sta morendo e trasmettere una sensazione di fiducia per il fatto che come esseri umani sappiamo morire.

 

Continua a leggere

Treding