Stai leggendo
83. Niente lavoro, niente cibo.

83. Niente lavoro, niente cibo.

Fabio Martinez
cibo

Niente lavoro, niente cibo.

– Perché non entri, adesso. È ora di cena.
– Ma non ho scritto nulla,
– E vuoi farlo camminando lì fuori avanti e indietro ancora per molto?
– Mi aiuta a pensare. Inizia a mangiare, per favore.

– Da quant’è che fai così? Sono arrivata e già passeggiavi.
– Saranno tre ore, ormai.
– Non ti riconosco questa sera. Sei sempre il primo che dice di non forzarsi a fare qualcosa che non riesce, specialmente quando si tratta di scrivere; soprattutto, non rinunceresti mai a un pasto. Cos’è cambiato oggi?

– Ho letto di questo maestro cinese, Hyakujo, che non mangiava senza aver lavorato prima. “Niente lavoro, niente cibo”, diceva.

– Ma, per riuscire a lavorare per bene, bisogna prima mangiare. Cos’è, se non ti verrà nulla da scrivere, non mangerai stasera? E domani?

– Forse il digiuno mi porterà ispirazione.

Magari ti interessa
ape
64. La pena di Kasan

– Perché questo maestro non mangiava, senza aver prima lavorato? Ha fatto così per tutta la vita?

– Non lo so. Si racconta che, quando era molto anziano, i suoi discepoli gli nascosero i suoi strumenti di lavoro, per costringerlo all’inattività, ma lui, di rimando, per giorni non mangiò nulla. Quindi i discepoli furono costretti a restituirgli i suo utensili per non vederlo morire di fame.

– Spero che allora la tua Anima ti restituisca le parole. Non vorrei vederti morire di fame per colpa di un vecchio che non sapeva rinunciare alle sue abitudini.

Cosa ne pensi?
Bellissimo
1
Interessante
2
Non so
0
Pessimo
0
Leggi i commenti

Esprimi la tua opinione

Non preoccuparti: il tuo indirizzo email non sarà visibile nella pubblicazione.

Torna in cima