Stai leggendo
Fare network ai tempi dei social: l’importanza della stretta di mano

Fare network ai tempi dei social: l’importanza della stretta di mano

Daniela Cadeddu

I social hanno sostanzialmente azzerato le distanze fisiche e sociali tra le persone. Ma ci rendono davvero più vicini?
L’indiscutibile vantaggio è che possiamo incontrare – seppure virtualmente – praticamente chiunque ovunque si trovi e ci troviamo; e questo aumenta di conseguenza visibilità e contatti in modo esponenziale. 

La regola dei sei gradi

Il principio dei sei gradi di separazione dice che puoi conoscere chiunque nel mondo, entrando progressivamente in relazione con altre cinque persone, di cui la prima è già un tuo contatto e l’ultima colui che ti presenterà la persona che vuoi conoscere.

Devo confessare di non aver mai concretamente sperimentato la pratica, ma è largamente riconosciuta; quindi fingiamo di essere tutti d’accordo sulla sua efficacia (non è rilevante per il prosieguo della riflessione).

Prima dei social, questi fantomatici cinque contatti dovevano avvenire fisicamente.
Dovevo chiedere al mio contatto (che per comodità chiameremo Mario) la persona che – nel mio piano – avrebbe coperto il primo gradino di avvicinamento al mio obiettivo.
Questo presupponeva che io conoscessi, anche indirettamente, tutta o quasi la rete di relazioni che Mario non condivideva con me, e che ne sapessi abbastanza da identificare la “mia persona-target”.

In alternativa, dovevo chiedere a Mario se conoscesse una persona come quella che stavo cercando.
Per poi magari scoprire che Mario non era la persona giusta e dover ricominciare la ricerca.

Anche ammesso che Mario fosse il referente giusto, doveva essere disponibile a presentarmi il suo contatto. Elemento non esattamente scontato. Una volta convinto Mario a presentarmi, diciamo, Lucia, dovevo costruire la relazione con lei, fatta di incontri, occasioni di scambio, ecc., fino a convincerla a presentarmi la mia “seconda persona”, presente tra le sue relazioni.

E così via, per altre tre volte, fino a raggiungere il mio obiettivo.
Anche tenendo conto che le relazioni, in partenza, erano progressivamente più fredde, si trattava di un lavoro di mesi, se non anni.

Oggi posso fare tutto più facilmente e velocemente, e perfino all’insaputa e contro la volontà di Mario.
È sufficiente che lui sia tra i miei contatti social: mi studio i suoi contatti, guardo i profili e invito Lucia nella mia rete.
Grazie all’inconsapevole Mario, molto probabilmente Lucia accetterà il mio invito e, un minuto dopo, potrò andare ad indagare chi, tra le sue relazioni, fa al mio caso.

E così via fino al mio obiettivo.
In pochi giorni ho la possibilità di raggiungere il mio scopo, avendo allegramente ignorato tutte le persone intermedie.
Niente di male, per carità; ma, diciamolo, stilisticamente discutibile.
Dal mio punto di vista, anche un potenziale autogol sotto due aspetti.

Anzitutto, le persone che ho ignorato e sfruttato potrebbero essere meno “inutili” di quanto le abbia valutate.
Se non sotto il profilo professionale, potrebbero essere persone interessanti sotto il profilo umano, culturale, sociale. Potrebbero, in sostanza, essere belle persone che ho perso l’occasione di conoscere più a fondo.
Certo: sono nella mia rete e faccio sempre in tempo. Il problema è lo spirito con cui sono entrata in contatto: se volevo solo utilizzarle per conoscere altre persone, difficilmente mi interesserò a loro.

Il secondo aspetto riguarda la qualità delle relazioni.
Quanta differenza farebbe se il mio obiettivo mi venisse presentato? Se il referente avesse interagito con me – seppure virtualmente – al punto di potermi conoscere e avere un rapporto con me?
Con quale spirito il mio obiettivo valuterebbe la mia richiesta se potesse contare su una relazione comune e magari chiedere referenze?
L’innalzamento della qualità delle relazioni richiede lo stesso lavoro di costruzione di prima, con il vantaggio – però – di abbattere le barriere logistiche.
Ma: con quanti dei vostri contatti social interagite regolarmente? Io qualche decina su diverse centinaia.

Il fattore tempo

Non che le altre persone non siano interessanti; il problema è il tempo.
Paradossalmente, la tecnologia allunga i tempi.

Se – per proseguire nell’esempio – incontro Lucia in una cena organizzata dal mio amico Mario, e chiacchieriamo per due ore, con il contributo di Mario che interagisce con le sue due amiche, è probabile che, alla fine della serata, io e Lucia avremo intrapreso una relazione.
Se chatto con Lucia per due ore, senza che Mario partecipi e – soprattutto – senza guardarci in faccia, difficilmente otterrò lo stesso risultato.

Ho persone con le quali scambio regolarmente commenti e riflessioni, la cui unica immagine che conosco è quella del profilo e di cui ignoro il suono della voce.
A queste condizioni, è veramente difficile costruire relazioni meno che superficiali.
Poi ci sono quelle con le quali, dopo la prima richiesta di contatto, ci si perde del tutto.
Non è cattiva volontà, ma un problema di tempo.
Leggere porta via più tempo che parlare, e scrivere ancora di più.

Gran parte della comunicazione umana è fatta di voce e gestualità; trasferirle con le parole non è banale e ci richiede tempo e fatica.
Quindi, a meno che non sia proprio necessario o desiderato, ne facciamo a meno; e trascuriamo relazioni.

C’è di peggio

Poi, ci sono le perversioni del networking via social, prima fra tutte i contatti autopromozionali.
Come immagino capiti a tutti, ne ricevo diversi a settimana, quasi tutti non a target per me.

Magari ti interessa
leadership femminile cancellata

La perversione non è tanto nel tentativo di pescaggio (anche se non mi piace) quanto la pigrizia di non valutare i profili prima di contattarli e – soprattutto – le reazioni al diniego.

Qualche esempio reale, nel quale penso vi ritroverete (in una posizione o nell’altra).
La soluzione che cercavi: mi è stato proposto un sistema infallibile di marketing che mi avrebbe garantito almeno 100 clienti a settimana. Ho sommessamente fatto notare che sono sola e che i miei interventi durano settimane e mesi e che, perciò, non sarei stata in grado di gestire neppure 10 clienti a settimana. La risposta è stata: se ti accontenti dei miseri guadagni che possono portarti due o tre clienti al mese, peggio per te. E amen.

La location perfetta: in un posto isolato, non servito da mezzi pubblici e capienza minima di trecento posti. Alla mia richiesta di sale più piccole e della presenza di bus navetta, la risposta è stata che non ero a target per loro. Bastava leggere il mio profilo per scoprire che non organizzo conferenze e non promuovo l’uso di auto privata: avremmo risparmiato tempo entrambi.

L’entrata extra. Nella loro logica, siccome ho lavorato per molti anni nelle vendite, non può non interessarmi avere una entrata extra vendendo con il sistema del network marketing, che per me dovrebbe essere semplicissimo. Regolarmente, ringrazio e rinuncio all’opportunità perché non mi interessa e allora accadono due cose: spariscono o mi chiedono di “vendere” la mia rete di relazioni; e lì sparisco io.

Virtuale non è il demonio (ma va mediato)

Intendiamoci: non solo non sono contraria agli strumenti di connessione virtuale, ma ne faccio largo uso e devo loro molto.
La mia collaborazione con Purpletude è nata da uno scambio di commenti su Linkedin.
Molte delle mie attuali collaborazioni professionali sono nate da contatti sui social.

Quindi? Sono incoerente?
Spero di no.

È che tutti questi contatti da virtuali sono poi diventati reali o quasi.
Creando occasioni di incontro in presenza o continuando a sfruttare la tecnologia per realizzare, almeno, videochiamate.
Secondo me, a un certo punto, la relazione da virtuale deve diventare il più possibile reale, o difficilmente potrà evolvere.

La tecnologia e i social sono una grande opportunità di visibilità e relazione, a patto che non ci privi del piacere di una calorosa stretta di mano, di un dialogo fatto di ascolto reciproco, della spontaneità di un sorriso, dell’onestà di mostrarci senza filtri ed esprimere pensieri guardandoci negli occhi.

Cosa ne pensi?
Bellissimo
0
Interessante
0
Non so
0
Pessimo
0
Leggi i commenti

Esprimi la tua opinione

Non preoccuparti: il tuo indirizzo email non sarà visibile nella pubblicazione.

Torna in cima