Stai leggendo
Lo strano caso del sick monday (in fondo non così strano)

Lo strano caso del sick monday (in fondo non così strano)

Avatar

Chi ha detto che “Il lunedì non è un giorno della settimana ma uno stato d’animo” probabilmente aveva ragione.

Da quando abbiamo fondato Purple & People, vedo viola dappertutto; per questo stavo cercando su YouTube delle vecchie performance di Prince, famoso per la sua Purple Rain, e sono inciampato nel tributo che Justin Timberlake gli ha dedicato al Super Bowl 2018.

Il Super Bowl è la finale del campionato della NFL, la lega professionistica di football americano degli Stati Uniti ed è una cosa enorme: l’evento sportivo di tutti i superlativi, con 100 milioni di spettatori in diretta, 1 miliardo in differita mondiale, 5 milioni di dollari per uno spot pubblicitario di 30 secondi, faraonici concerti di metà tempo con artisti come Lady GaGa, Madonna, Beyoncé o, appunto, Justin Timberlake. Che intona “I would die 4U” e qualcuno devo pure averglielo augurato sul serio. Però il palco è viola.

Non ho trovato informazioni sul livello di gradimento dell’intervallo musicale, ma in compenso ho letto delle statistiche del Super Bowl piuttosto interessanti. Ad esempio, pare che sia il giorno in cui gli Americani consumano più cibo in tutto l’anno, fatta eccezione per il pranzo del Ringraziamento; ma ancora più sorprendente è il fatto che 15 milioni di lavoratori il giorno dopo si daranno malati. Il fenomeno è talmente conosciuto che ha persino un nome: il “Super Sick Monday”.

Ma non è il solo lunedì in cui si preferisce restare a letto: ricordo che c’era uno studio di Mercer che stimava le assenze malattie del primo giorno della settimana al 35% del totale. È comprensibile, mi dico io: sarà qualche milione di furbetti che vuole fare il week-end lungo e sono sicuro che succede la stessa cosa a ridosso del sabato. E invece no. Con sorpresa, leggo che il venerdì è il fanalino di coda dei giorni preferiti dagli assenteisti, con un modestissimo 3% del totale.

Adesso, Super Bowl a parte, ci rendiamo conto dell’impatto economico di un fenomeno di questo tipo? Secondo la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, il conto da pagare per le assenze malattie è in media di 2.15% del prodotto interno lordo di una nazione. Prendo la calcolatrice e faccio due conti: ogni anno i lunedì di malattia costano alla società italiana 14 miliardi di Euro, e 4.7 miliardi di Franchi in Svizzera.

Magari ti interessa
anziani e tecnologia

Chiaro perché alcune aziende hanno introdotto alcuni controlli supplementari se la malattia cade subito dopo il week-end. D’altro canto i datori di lavoro che danno fiducia ai propri collaboratori, ad esempio introducendo lavoro flessibile e smart working, sembrano diminuire le malattie legate allo stress in modo significativo. Non è poca cosa: la depressione rappresenta fino al 7% di tutte le assenze malattia sul posto di lavoro. La prevalenza è il doppio nelle donne e aumenta progressivamente con l’età.

Quindi, al di là delle misure di contenimento (o di repressione, genere certificato medico obbligatorio) che non vanno all’origine del problema, perché le persone se ne stanno a casa? Alcuni sono malati di sicuro (statisticamente un 15-20%), ma gli altri? Troppo stanchi dopo un week-end di fiesta e bagordi? Troppo stressati per avere il coraggio di tornare in azienda?

Il fatto stesso che non ci siano studi approfonditi sull’argomento è allarmante, perché vuol dire non abbiamo ancora preso le misure del fenomeno. O lo consideriamo inevitabile? Non saprei dirlo, un po’ come questa cover di Prince, che non mi convince.

Cosa ne pensi?
Bellissimo
0
Interessante
1
Non so
0
Pessimo
0
Torna in cima