Connect with us

Comunicare

Cosa si nasconde dietro a una fotografia

In comunicazione non si lascia nulla al caso. A volte un semplice ritratto di un gruppo di politici può svelare simboli, significati e persino realtà nascoste.

Pubblicato

il

Una fotografia vale più di mille parole, si dice.
Capita però che una foto faccia parlare (e scrivere) altrettanto, e forse anche di più.

È il caso di questo ritratto ufficiale del Governo svizzero: lodato e criticato per molte ragioni diverse e, paradossalmente, a volte molto simili. Come una medaglia e il suo rovescio. Come i tempi che viviamo.

L’aria dei tempi

È un ritratto contemporaneo. Magari un po’ facilone, per carità, ma rappresentativo del momento storico che stiamo vivendo.
Prima di tutto, il mandato era chiaro: doveva essere realizzato con uno smartphone (ma senza Nutella, diremmo noi che siamo esposti alle fotocamere digitali di altri politici).

Siamo entrati nel nuovo millennio con 80 miliardi di foto; tre anni dopo erano già 660 miliardi; oggi si stima che l’umanità scatti oltre un trilione di fotografie all’anno, ovvero più del totale iconografico cumulato nel corso della nostra storia millenaria.
Lo sviluppo degli smartphone ha cambiato il nostro rapporto con la fotografia perché, semplicemente, oggigiorno ognuno può fare una foto e renderla pubblica. È facile.

Tra i molti professionisti che hanno aderito a questo movimento e che lo hanno in qualche modo legittimato, uno dei più autorevoli è sicuramente Chase Jarvis, che ha fatto dell’istantanea uno strumento di esperienza artistica (da cui il nome “Insta-gram”, se non ci aveste mai fatto caso). Per lui, come per molti altri, l’istantanea scattata con lo smartphone non è tanto una fotografia, quanto piuttosto un ricordo visivo, qualcosa che serva ad ancorarci all’esperienza che stiamo vivendo.

In questo senso, il messaggio veicolato da questo ritratto del Consiglio Federale è chiaro: vogliamo essere risolutamente attuali e vogliamo che questa immagine ricordi un’esperienza, che è quella della cosa pubblica, del gestire uno Stato in nome dei cittadini. Eccoci qua, ci mettiamo la faccia, anche con un po’ di imbarazzo, come gente normale, con uno smartphone in mano.

L’arte del simbolismo

L’idea di normalità non è una novità per il Governo svizzero. Già nel 2008 avevano fatto una foto in cui si perdevano nella folla.

Foto del Consiglio Federale 2008 (c) Cancelleria federale svizzera

Comunque, per tornare all’attualità:
la fotografia del 2019 è significativa perché riprende tutta una serie di simboli tipici della tradizione elvetica: il Cervino, la fonduta, il corno delle Alpi, la mucca, il coltellino svizzero, gli orologi e i bastoni da hockey su ghiaccio (lo sport nazionale), il profilo di Palazzo Federale, l’immancabile croce della bandiera ma anche un simbolico ponte tra tradizione e futuro, tra lingue diverse, tra culture e religioni, tra dimensioni che hanno bisogno di una via di comunicazione.

Una delle poche cose che ricordo dei tempi del liceo classico è l’etimologia della parola simbolo: “mettere insieme”. E il suo contrario, è ciò che separa: dia-bolo, il diavolo. Come a dire che in qualche modo i simboli dovrebbero federare e non dividere. Trovo affascinante il fatto che si viva poi nell’epoca della con-divisione…

…e non per niente uno dei simboli più forti della fotografia è lo smartphone, di cui abbiamo già parlato, e, soprattutto, il pubblico, la popolazione: è a loro che il Governo sta facendo la fotografia. Non per niente il ritratto si intitola “Cambio di prospettiva” e simboleggia l’interesse che i politici dovrebbero portare ai loro elettori, ma anche un legame tra una classe di professionisti affermati (i ministri) e una nuova generazione (possiamo immaginare che le teste siano quelle dei giovani che hanno scattato la foto…).

Foto del Consiglio Federale 2019 (c) Cancelleria federale svizzera

La professionalità del dilettante

Infatti, il ritratto è stato realizzato da 7 apprendisti mediamatici.
In Svizzera l’apprendistato è proposto di solito ai giovani tra i 16 e i 20 anni ed è simile agli istituti tecnici in Italia, con la differenza che la maggior parte dei percorsi prevedono un’alternanza studio-lavoro (tipicamente 2-3 giorni di scuola alla settimana, il resto in azienda).
Quindi stiamo parlando di veri giovani. E il numero sette non è un caso, a mio avviso: i Consiglieri Federali sono anche loro sette (nella foto vedrete otto persone, perché la tradizione vuole che il segretario venga immortalato con i ministri: è il signore tutto a sinistra).

Di professione questi giovani sono mediamatici. Una professione nuova, inedita, anche questa perfettamente inserita nell’attualità del mondo del lavoro, in continua evoluzione.
I mediamatici sono specialisti polivalenti delle tecnologie di comunicazione. Creano e gestiscono siti web, elaborano presentazioni e si occupano della gestione di manifestazioni. A tale scopo sfruttano le loro conoscenze negli ambiti multimedia, design, marketing, informatica e amministrazione.

Questo ha scatenato le reazioni delle associazioni dei fotografi professionisti.
Per due ragioni: da una parte, si dà l’idea che ormai una foto ufficiale possa essere realizzata anche con uno smartphone da un gruppo di ragazzini; dall’altra, è un lavoro non retribuito.

Certo, quando hai 17 anni non è male essere citato dal Presidente di una nazione che ti fa i complimenti, figurare nel video del making-of sul sito del Governo e avere nome e fotografia inclusi nella cartella stampa inviata ai media. Però rimane il fatto che, negli anni passati, qualcuno era stato assunto e pagato per fare il ritratto annuale. Un professionista. Un fotografo “vero”. Quest’anno no. I contribuenti ringraziano, il libero mercato un po’ meno.

L’importanza delle donne

Su 7 ministri, 3 sono donne, il che è un buon segno; nel 2010 erano state addirittura 4, quindi in maggioranza.
Ma la fotografia mette in evidenza anche qualcos’altro: una strana somiglianza. Non trovate che le ministre abbiano uno stile molto simile?

Quello che le immagini non dicono, ma le loro biografie sì, è che tutte e tre non hanno figli.
Può essere un caso, certo. Tuttavia è quasi impossibile non interpretare alla rovescia il buon segno di poco fa: il 43% dei ministri sono donne, ma sembrano dimostrare che per arrivare a quel livello della vita professionale e politica, qualche sacrificio lo devi fare.

È vero però che anche due colleghi uomini sono sposati ma senza figli, mentre il Presidente della Confederazione, nella tradizione del partito di origine contadina che rappresenta, ne ha 6, che alza la media per tutti.
Scherzi a parte, il Consigliere Federale Ignazio Cassis, in un’intervista aveva fatto lui stesso una correlazione tra l’impegno politico e professionale e la difficoltà di avere una famiglia.

Anche da questo punto di vista, questa fotografia è simbolo della nostra epoca, dove si fa un gran discutere di equilibrio tra vita privata e lavoro, senza però trovare veramente una soluzione che non sia un compromesso.

Nei secoli che ci seguiranno, è probabile che ritratti come questi vengano interpretati come istantanee di un mondo che stava cercando di cambiare, con esiti poco certi.

 

Materiale Bonus

La fotografia del 2008 rimane la mia preferita, anche se quella genere “Bohemian Rapsody” del 2017 merita una menzione per il suo coraggio (o per la sua incoscienza, decidete voi):

Foto del Consiglio Federale 2017 (c) Cancelleria federale svizzera

HR | Digital Transformation | Change Management | Co-Founder Purple&People. Negli ultimi 15 anni ha rivestito ruoli manageriali nell’ambito delle risorse umane, a 360°, lavorando in grandi aziende americane, in multinazionali francesi e in organizzazioni parastatali svizzere. Il suo focus personale si concentra soprattutto sulla digital transformation, la gestione del cambiamento, le relazioni con gli stakeholders e lo sviluppo dei talenti. Ha il pallino per le questioni di genere e il diversity management, con una fastidiosa tendenza a voler sperimentare in prima persona le innovazioni e i modelli organizzativi radicali.

Comunicare

Le parole per dirlo e per scegliere di includere

Le parole che scegliamo dicono qualcosa di noi, della nostra cultura e delle nostre convinzioni. Ad ogni momento possiamo scegliere di utilizzare parole più inclusive per tutt*.

Pubblicato

il

Scegliere le parole giuste per include tutti

La lingua italiana è composta di almeno 160mila parole, esclusi i dialetti locali.

Questo vuol dire che, al netto di vari livelli di analfabetismo, abbiamo un variegato campionario di termini per esprimere un pensiero, un concetto o un sentimento.

Perciò, sta a noi decidere se vogliamo includere o escludere qualcuno dei nostri ascoltatori o lettori, e trovare le parole per farlo, anche senza dichiararlo.

Non voglio tornare sulle declinazioni di genere dei titoli e degli appellativi (sul tema vi segnalo il bell’articolo di Valentina Maran che trovate qui).

C’è una discriminazione altrettanto tagliente che è legata alle espressioni evocative e a determinate frasi dedicata esclusivamente a una categoria di pubblico: le donne.

Il fenomeno è democraticamente distribuito in qualunque consesso sociale, incluse le scuole e le aziende.

E se in un’informale chiacchierata tra amici, una donna può decidere di soprassedere, in una riunione di lavoro il senso cambia.

Eh sì perché, salvi gravi deficit scolastici o analfabetismi di ritorno, si presume che chi tiene un discorso in una riunione, soprattutto se ricopre un ruolo apicale, quel discorso se lo sia preparato.

Si presume che se lo sia anche riletto, con quel minimo di cura per valutare se le parole e gli esempi scelti siano realmente efficaci per la platea; ovvero: chiari, convincenti e motivanti all’azione.

Qualche esempio dalla mia esperienza aziendale (non tutti subìti)

Mi scuso in anticipo per alcune volgarità, ma riporto le espressioni per come le ho ricevute o ascoltate.
Vabbè, comincio delicata: andiamo per gradi.

1. “Voglio più cameratismo tra voi”

Ora: la camerata richiama al collegio e, più frequentemente, alla caserma.

Le donne, in Italia, non hanno potuto svolgere regolarmente il servizio militare fino al 2000 e anche oggi sono una minoranza (più per disoccupazione che spirito di servizio, tra l’altro); perciò, chiunque sia nata prima del 1982 e cresciuta in casa, non ha esperienza di camerate.

Lo so, qualcuno starà pensando che la mia sia un’esagerazione, perché la parola è di uso comune e il senso è noto.

È vero; ma voglio sottolineare che qui non parliamo di un discorso a braccio, nel quale le idee sono a volte più veloci delle parole e si sceglie il primo termine che viene.

Parliamo di un intervento preparato.

In alternativa, si poteva scegliere: solidarietà, complicità, supporto, collaborazione, spirito di squadra, giusto per citare le prime che mi vengono in mente.

2. “Se fossi un uomo saresti perfetta”

Giuro: me lo sono sentito dire, e voleva pure essere un complimento.
Il senso era che ero preparata, efficiente, organizzata e determinata; quindi quasi perfetta nel ruolo, salvo per l’inconveniente di essere femmina.

3. “Oggi è isterica, c’avrà il ciclo”

Al di là della considerazione che il ciclo è una costante dalla pubertà alla menopausa, e che perciò ce l’avevo anche quando con me riuscivi a confrontarti serenamente, è vero: è governato da cambiamenti ormonali che nel 25% delle donne incidono significativamente sull’umore.

Ma gli sbalzi d’umore dipendono solo dal ciclo?
Non è che posso aver dormito male, discusso con qualcuno o ricevuto una notizia spiacevole?

Ho avuto un manager che, se la domenica la sua squadra del cuore perdeva, il lunedì non veniva in ufficio perché aveva la gastrite…

C’è una versione un po’ più triviale legata all’assenza di regolare attività sessuale, ma direi che si siamo capiti e ve la posso risparmiare.

“4. Dovete tirare fuori le palle”

Scusate: cioè?
No perché qui, con tutto l’impegno e la buona volontà, proprio non posso.

Mi volevi dire che devo essere tenace, determinata, coraggiosa e agguerrita?

Se proprio amiamo le metafore, possiamo dire che dobbiamo tirare fuori i denti o gli artigli?
Perché in molte specie mammifere il maschio caccia (a volte) ma è la femmina a difendere (sempre) i cuccioli e il territorio.

E siccome nell’universale linguaggio fisico animale mostrare le proprie “armi” serve a dichiarare che non si ha intenzione di fuggire e si è disposti a tutto…

Ce ne sarebbero altre (anzi, se vi va, scrivetele nei commenti) ma direi che il senso è chiaro.

I best performer

Per me poi l’apice viene raggiunto con i distinguo.

Caso 1

Parte automatica e incontrollata la frase sessista e, un attimo dopo, “escluse le presenti, naturalmente…”.

Naturalmente? Ne sei sicuro? Hai sperimentato? Hai raccolto prove a sostegno dell’esclusione?
Naturalmente, no.

È solo che, forse, hai parlato senza riflettere e ora cerchi, male, di rimediare.
Può anche darsi, invece, che da fine oratore, vuoi fermare la frase nelle menti dei presenti, sottolineandola proprio con quell’esclusione.

Come si dice: a pensare male si fa peccato ma spesso ci si indovina.

Caso  2

Esce la frase pesantemente volgare e l’autore si rivolge alla prima donna di cui incontra lo sguardo e dice “scusa eh!”
Come se tutti gli uomini fossero indifferenti alla volgarità e fosse solo un problema delle donne.

Davvero?

Guardate che non siamo così delicate.
Le conosciamo anche noi le parolacce, e le diciamo anche.
Siamo capacissime di sfilare le nostre belle coroncine e trasformarci magicamente nel migliore camallo di Marsiglia (con tutto il rispetto per la categoria).

Non dovete proteggerci.
Dovete imparare ad essere educati e rispettosi, anche nella scelta delle parole, verso tutti, altri uomini inclusi.

 

Lo so, può sembrare un’esagerazione e in effetti (un po’) ho volutamente esagerato.
Ma la comunicazione è uno strumento principe per includere o escludere persone.

Oggi ho parlato di donne ma potremmo parlare di disabilità o dell’uso perverso del “buona domenica” e del “buon natale”, come se fossimo tutti cristiani.

La cura con cui scegliamo le parole, le perifrasi, le metafore, gli stili ci racconta di convinzioni profonde e “culture” radicate.

Scegliere di adeguarle al contesto per includere tutti è una scelta.
Così come non farci caso.

Continua a leggere

Comunicare

La comunicazione interna: un ruolo ancora indefinito

All’interno dell’azienda, chi ha le competenze per gestire un aspetto così delicato e strategico?

Pubblicato

il

Comunicazione interna: chi la dovrebbe gestire?

Poi ti capita di andare a una festa di compleanno e sul balcone, dove si alternano ex-fumatori, fumatori pentiti, fumatori della domenica, fumatori della bella stagione (giuro), ecco che incontri tre responsabili della comunicazione: una grande multinazionale della cosmetica, un grosso gruppo consulenziale italiano e una non-profit attiva nell’ambito dell’empowerment femminile.

Tra una crespella ai carciofi e un tiramisù mignon (e molte “ultime” sigarette), ho avuto l’opportunità di chiedere loro come funzionasse la comunicazione interna nelle loro rispettive aziende, e questo in maniera informale, senza cioè i soliti filtri che si applicano in azienda. Ne è uscito un quadro interessante e, a tratti, desolante.

Gli obiettivi della comunicazione interna

La comunicazione interna viene indicata da tutti gli executive come uno degli aspetti chiave per garantire l’engagement dei collaboratori e avere quindi un ambiente di lavoro sano. Il che dovrebbe aumentare la produttività aziendale. Tuttavia molte aziende mostrano più di una difficoltà nel dedicare delle risorse alla comunicazione interna.

Nella maggior parte delle organizzazioni in cui ho lavorato, sia come manager che come consulente, ho riscontrato una forte ambiguità nel definire le responsabilità di strumenti e canali di comunicazione, come ad esempio l’intranet e le app di chat aziendali, ma in generale soprattutto per tutto ciò che concerne la strategia comunicativa all’interno dell’azienda.

Comunicare in modo efficace permette a tutte le collaboratrici e a tutti i collaboratori di andare nella stessa direzione, di avere come obiettivo lo stesso scopo comune e utile al business. Una cultura aziendale che favorisca l’unità, la collaborazione e che riconosca il contributo collettivo ma anche individuale non può esistere senza una solida strategia comunicativa.

Da qui l’importanza di individuare i messaggi appropriati e le modalità di trasmetterli; in generale, come per la comunicazione esterna, per clienti e altri stakeholder, l’approccio è solitamente multi-canale, così nella stessa maniera per comunicare con i propri collaboratori bisogna utilizzare media, messaggi e canali diversi. Questo non si improvvisa e richiede anzi pianificazione savoir faire.

Non tutti la vogliono

Una delle scuse più frequenti che sento dagli executive di aziende che non hanno formalizzato il ruolo delle comunicazione interna è che ogni manager, ogni collaboratore, deve essere in grado di occuparsi della comunicazione. Sul concetto in sé, sono anche d’accordo, ma a patto che qualcuno tenga d’occhio quello che viene comunicato e come.

In generale chi sostiene questa tesi, dopo meno di 3o secondi tirerà fuori qualche parola inglese genere “brand ambassador” o *employee branding”, lette sul test di Cosmopolitan “Sei un bravo leader?” ma di cui non capiscono il significato o allora non sanno contestualizzarlo.

Al contrario, il significato della comunicazione top down è invece chiara per tutti, perché è quella più naturale che viene utilizzata dalla Dirigenza e che, spesso, prende la forma di un messaggio email spedito a tutto il personale. Solitamente viene inviato dalla segreteria del CEO, a nome del(la) superiore, oppure dalle risorse umane. Una modalità molto personale e sicuramente efficace, che farà sentire valorizzato ogni singolo collaboratore…

Chi deve occuparsi della comunicazione interna?

Da HR mi duole dirlo, ma il problema con le risorse umane è semplice e le  “colleghe sul balcone delle sigarette perdue” me lo hanno confermato all’unanimità: esse vengono spesso indicate come il presidio naturale della comunicazione interna ma non hanno le competenze per occuparsene.

Per questo motivo il più delle volte le mansioni legate alla comunicazione interna vengono parcellate e distribuite a dipartimenti diversi: alla ricerca di chi offra la valenza per farlo ma, soprattutto, abbia le capacità di confezionare, veicolare e monitorare delle comunicazioni che sono strategiche per l’azienda.

Quindi la funzione di comunicazione interna è spesso suddivisa tra direzione, marketing, risorse umane e relazioni pubbliche.

Di cosa si occupano le risorse umane? Anche di questo

In uno studio ormai un po’ datato dei consulenti inglesi Karian&Box, che rimane comunque, a mia conoscenza, uno dei più completi, il ruolo della comunicazione interna sarebbe conteso, secondo gli intervistati, tra le relazioni pubbliche (21%) e le risorse umane (18%). Tuttavia sono le HR ad essere considerate come maggiormente interessate all’argomento e a potersene quindi occupare in maniera prioritaria.

La mancanza di comunicazione è da sempre uno dei motori della frustrazione dei collaboratori. Le risorse umane, questo, lo sanno bene. Senza voler passare per cinico, penso che non sia un segreto per nessuno che la stragrande maggioranza degli HR Manager ha un’idea piuttosto precisa di cosa non vada in azienda. Sanno (sappiamo) cosa i collaboratori vorrebbero ma non ottengono. Poi, per tutta una serie di ragioni, non intervengono (interveniamo).

Ciò significa che già ci occupiamo delle stesse cose. Infatti gli obiettivi della comunicazione interna sono principalmente gli stessi delle risorse umane: l’engagement, la possibilità dei collaboratori di esprimere i propri bisogni, l’allineamento dell’organizzazione alla strategia del business, per non parlare della gestione del cambiamento o dello sviluppo della cultura aziendale.

Il nuovo ruolo di HR Communications

Per questo motivo, è chiaro che le risorse umane sarebbero il dipartimento più indicato per occuparsi della comunicazione interna. Ma per far questo, devono migliorare almeno su due aspetti: (1) imparare a interfacciarsi meglio con gli altri dipartimenti, come il marketing e le relazioni pubbliche; (2) integrare nel proprio team persone con competenze in comunicazione.

Negli ultimi anni, il ruolo di HR Communications ha cominciato ad affermarsi nelle grande realtà internazionali. Il bisogno è nato in maniera quasi organica all’interno dei servizi di risorse umane, dove ci si è resi conto di non avere gli strumenti e le competenze per veicolare dei messaggi strategici e delicati ai collaboratori.

Intendiamoci: gli HR possono essere molto bravi nel comprendere le ragioni dei collaboratori, nel mediare i conflitti, nel gestire le situazioni difficili tra persone di ambiti e gerarchie diverse; tuttavia non hanno mai studiato l’utilizzo dei social media, l’inbound marketing, la comunicazione multi-channel.
Parlano a tutti i collaboratori, poco importa il loro titolo, l’anzianità o il rango; hanno tutte le informazioni che contano a livello demografico (per sviluppare KPI e metriche), ma non vedono l’utilità di farlo.

Per nostra natura, l’HR Manager si concentra sugli aspetti “umani” e quindi tende a tralasciare quelli più tecnici che però permettono di governare il complicatissimo strumento della comunicazione interna. Ammesso poi di avere uno strumento, tipicamente informatico, che ti permetta di gestire il tutto. Ma questa è un’altra storia.

Comunicare significa anche imparare a lavorare insieme

Il paradosso di sottolineare l’importanza della comunicazione sta nel fatto che essa mette in evidenza le barriere tra i dipartimenti e la difficoltà di lavorare insieme: al marketing non interessano i clienti interni, le relazioni pubbliche sono preoccupate dalle promesse e dalle provocazioni del marketing e  le HR vedono i collaboratori di entrambi i servizi come persone da gestire, non colleghi con cui collaborare.

Se unissero le forze, ci sarebbero almeno sette settori in cui potrebbero fare una differenza:

  1. L’esperienza del collaboratore (simile all’esperienza cliente)
  2. L’Onboarding (i programmi di induzione/introduzione)
  3. La gestione delle crisi (prima che un giornalista chieda un’opinione alla sua vicina di casa)
  4. La formazione
  5. La creazione di una cultura di sicurezza sul lavoro / responsabilità sociale / ecc.
  6. La retention dei talenti
  7. L’engagement in generale.

Eppure gli aspetti che riguardano l’opinione e la comunicazione ai ma soprattutto dei propri collaboratori dovrebbe interessare tutti: uno studio della Gallup ha messo in evidenza che solo il 27% dei collaboratori ha fiducia nella società che li impiega. Come dire: solo 1 salariato su 4 comprerebbe i prodotti o i servizi che contribuisce a fornire.

Collaboratori scontenti = clienti scontenti

Se vogliamo girare la frittata in modo che le cifre sembrino ancora più allarmanti, possiamo dire che 3 impiegati su 4 sono indifferenti o addirittura non apprezzano il brand per cui lavorano. Direi che questo dato è già sufficiente per preoccupare tutta la gerarchia aziendale e spingere quindi marketing, risorse umane e relazioni pubbliche a collaborare.

Uno dei problemi principali di questo povero interesse per l’azienda per cui si lavora è risultato della distanza più o meno importante tra la cultura desiderata da parte del management (che viene spesso amplificata dal marketing) e la cultura del quotidiano che i collaboratori vivono (le cui difficoltà vengono raccolte dalle risorse umane).

Questi scollamenti e queste incongruenze tra predicato e razzolato creano confusione non solo nei collaboratori ma anche nei clienti. Le aziende che lo hanno capito, cercano di identificare questi “gap” e di implementare in seguito delle misure, dei processi e delle strategie che contribuiscano a colmare il divario tra la visione e la realtà.

Una comunicazione interna efficace dovrebbe servire proprio a questo: allineare il business con le persone che lo compongono e offrire nel contempo nuove opportunità di comprensione e, quindi, di miglioramento. Una dimensione un pelino più complessa rispetto all’idea del “tutti dovrebbero fare comunicazione interna”, non trovate?

* * *

Ti occupi di comunicazione interna?

Sto scrivendo un whitepaper sull’argomento e la tua opinione mi interessa.
Chiedimi il contatto: Profilo LinkedIn di Andrea Trombin Valente

Continua a leggere

treding